11th “MICRO” International Course of Medieval Music: 30 July-1 August 2020. Online 27-29 July

Despite the exceptional situation created by the COVID-19 virus, Ensemble Micrologus will present its Summer Course 2020 of Medieval Music in an appropriate form according to national regulations.

The course will have a hybrid form: three days of ONLINE classes and conferences on the Centro Studi platform from the 27th to the 29th of July, and three days of “in presence” classes at the Centro Studi‘s venue in Spello, from 27 July to 1 August 2020.

For  safety reasons, the “in presence” lessons will be individual and will focus on the study of instruments and on singing, reducing collective activities to small ensembles that can interact in open spaces while maintaining the distances between the musicians indicated by the regulations.

ORDINARY COURSES

(morning and afternoon: 30 July-1 August)

SINGING – Patrizia Bovi 

LUTE AND PLUCKED INSTRUMENTS (Europe and Middle East)– Peppe Frana

WIND INSTRUMENTS (pipe and tabor, recorder, flute, double flute and bagpipe) – Goffredo Degli Esposti

HURDY-GURDY (historical and traditional) AND SYMPHONIA – Giordano Ceccotti

BOWED INSTRUMENTS (fiddle, rebec  and lira da braccio) – Gabriele Russo

PERCUSSION and DULCIMER – Enea Sorini


Workshops for small groups 

(afternoon: 30 July- 1 August)


LESSONS ® METODO FELDENKRAIS ®

(30, 31 July, 1 august 2020 h 6,30 /7,30 pm)

Conferences and Theoretical lessons ONLINE

(afternoon: 27-29 July)

The online classes and conferences will take place with scholars and musicologists who will address the different aspects of music from the pre-Renaissance period.

All the online conferences will be held in English, and during the afternoon from 4:30 pm to 9.00 pm Italian time.

July 27th 2020

Access to the Classroom 4.15

4.30 pm – 6.00 pm Italian time

From sign to sound. Notational strategies in the fourteenth century Michele Epifani

The lecture aims to offer some insights into the relationship between sign and sound in the polyphonic repertoire of the 14th century. Specifically, the lecture will be divided into two parts. The first will provide a historical context for the main notational systems in use, notoriously related to geographical areas (France, Italy, Great Britain). The second part will deal with some case studies that show how the notation itself provides the performer with ‘extra’ information compared to the usually expressed parameters, customarily that of pitches and durations.


Access to the classroom 6.15

6.30 p.m – 7.30 p.m Italian time

Introduction to modal music 

Peppe Frana

The common feature that unites the major non-European music traditions and ancient European music up to the birth of tonality h is the presence of an articulated system of modes characterized by intricate melodic structures and refined microtonal nuances that can make the understanding of their performance quite difficult even to well-trained musicians This workshop does not pretend to provide an exhaustive overview of any of the musical systems in question (Turkish-Ottoman Makam, Arabic Maqam, Persian Dastgah, Hindustan raga, Octoechos etc.), but it rather propose to explore the common ground of these musical idioms through a series of practical exercises that will try to lead the participants to an immediate familiarity with the concept of mode.
The workshop is dedicated to all instrumentalists and singers interested in consciously and fruitfully undertaking the study of “modal music” and expanding their improvisational and compositional language.


Access to the classroom 7.45 pm

8.00 p.m. 9.00 pm Italian time

Trends, Brands and Medieval Music in 2020 1st session 

Crawford Young

It’s all about fashion, which has to do with aesthetic expression. Social conventions, including music- making, are influenced by a culture’s ideas. In 20th-c. concerts of European historical music [‘early music’], medieval music has always been trendy. It grew out of the pre-Hippie (= Beat poets /Jazz, 1950’s) and Hippie movements (= Folk/Ethnic, mid-late 1960’s). This is useful to understand as a reference point for singers, players and listeners of medieval music today who might wish

to know how we forge our own interpretations, consciously or unconsciously. While we cannot uncouple ourselves from fashions of music performance of the last fifty years, we may wish to know a bit more about where they come from, in order to compare them with a fresh look at what medieval minds can tell us.


July 28th 2020

Access to the Classroom 4.15 pm

4.30 pm – 5.30 pm Italian time

The Ordinarium missae of Pit in Context: New Light on the Source’s Compilation 

Francesco Zimei

A recent investigation has given the opportunity to shed light on the ‘strange’ presence, in the last folios of the secular MS Pn. it. 568 (Pit), of an Ordinarium missae by different composers of the Florentine ars nova and its special context. Consequently, this has made possible to clarify the stages that led to the source’s completion, as well as the name and role of its compiler.


Access to the Classroom 5.45

pm 6.00 pm – 7.30 pm Italian time

Improvisation for the scared 1st session 

Leah Stuttard

Does improvisation seem to you to be some magical, mystical capability that a blessed few initiates “just have”? My lessons will teach you that this idea isn’t true. Anyone can improvise, it just takes preparation! I know that seems counter-intuitive, but long hard years of persistence have taught me that it’s possible to learn how to and become an improviser! Take some first steps in medieval modal improvisation with me.

We will learn some short pieces of gregorian chant by ear so that you have memorised and embodied the melodies. Even our warmups will bathe your ears in and fill your bodies with the right musical sounds. Then we will improvise on a Latin text in a gregorian chant style using the mode and its particular patterns of pitches as a basis, the mode and patterns that we found in the piece we memorised and the warm ups we did. You will have some time to prepare your part of the improvisation before we share together – listening to everyone else will also embed the mode and its characteristic patterns for you.

The method of learning to improvise like this is applicable to any musical style!! You start by building your treasury of memorised snippets of sound (like words and grammar) before compiling them together in different ways (like forming sentences). I look forward to singing with you!


Access to the Classroom 7.45 pm

8.00 pm – 9.30 pm Italian time

Are we singing Medieval Music according to the treatises? 

Patrizia Bovi

An introduction to the rules of Medieval Music focusing on the singing practice.
we have information from written sources about rules for singers in medieval time, are we aware of these rules and how much we can trust them?
We’ll explore several specific examples, looking closely at the context, and look at the questions of where and for which purpose some of the treatises were written. Finally, we shall apply this information to everyday singing practice.


July 29th 2020

Access to the Classroom 4.15

4.30 pm – 6.00 pm Italian time

Which instruments, for which music? Let’s look to the Sources

 Alessandra Fiori

For those who deal with medieval music practices, it is not easy to take decisions and put it into practice, especially when it comes to evaluating the possible insertion of musical instruments and their combination.
We could have the “purists” interpretation (“If this is vocal music, then it will be performed with the voices”) or on the contrary the “proto-orchestral” aesthetic (Simone Prodenzani, in the Saporetto, mentions dozens of musical instruments, so let’s used them all!).
A literary or figurative work is a source to be questioned with extreme caution: a symbolic and aesthetic level must always be added to the plausible.
The examination of some Bolognese documentary sources of the late thirtheen / early fourteenth century gave me the opportunity to go “beyond fiction”, drawing on documents of lived musical life, of which I will tell you about…


Access to the Classroom 6.15

6.30 p.m – 8.00 p.m

Improvisation for the scared 2nd session 

Leah Stuttard


Access to the Classroom 8.15

8.30 p.m – 9.30 p.m

Trends, Brands and Medieval Music in 2020 2nd session 

Crawford Young

Conclusions


LESSONS ® METODO FELDENKRAIS ®

30, 31 July, 1 august 2020 h 6,30 /7,30 pm

The Feldenkrais Method®  offers a unique and practical way to realize our potential more fully. It is an educational method focusing on learning and movement, which can bring about improved movement and enhanced functioning. It is named after its originator, Moshe Feldenkrais (1904-1984), an engineer and physicist as well as a Judo teacher.

Lessons take place lying on the floor, or sometimes sitting. The teacher talks you through a sequence of movements that works like a physical riddle. Each new movement is repeated and explored, enabling you to become familiar with it, and to begin to play with unaccustomed movement relationships. You learn to use this awareness to release chronic patterns of tension and create new movement possibilities. 

The lessons are guided by Stefania Romagnoli Teacher Feldenkrais® Method Practitioner since 2002, certified by the International Feldenkrais Federation, member of A.I.I.M.F. Associazione Italiana Insegnanti Metodo Feldenkrais. Visual educator of Bates Method, graduated from the Bates School Milan, teacher recognized by A.I.E.V. Associazione Italiana Educatori Visivi.

It is necessary to bring your own carpet to work on the ground and socks to be without shoes.

STUDENT FEE

In-presence lessons as physical participant (30. July – 01. August): €. 150

Online conferences (27. – 29. July): €. 40

Students registered for in-presence lessons [as physical participant] will have a discount for the online conferences (27. – 29. July): €. 15

LESSONS ® METODO FELDENKRAIS ®: €. 30

2° Course frequency: €. 90

ORDINARY COURSES registration deadline will be July 10th

(after this date the registration to the course will be possible on the teacher’s evaluation)

CONFERENCES deadline 20th of July for application


We kindly ask the students to send an advance of €. 40 by 20 July to finalize the application, with the words “iscrizione annuale al Centro Studi A. Broegg”. You can pay with PayPal: info@centrostudiadolfobroegg.it


Info: gabrielerusso59@gmail.com

APPLICATION FORM

Name:

Surname:

Date and place of birth:

Address:

City:

Postal code:

Phone:

Mobile:

e-mail:

Applications to the Course:

Level: beginner advanced

Instrument played and preferred tuning:

Practical vocal or instrumental since:

at:

Knowledge of voice / instrument (specify diploma conservatory, regular school attendance courses, private education, autodidact):

Teachers had:

Other musical knowledge:

It allows the processing of personal data in accordance with standards Decree No. 196/2003.

Date:

Signature:

Please send the application form at: gabrielerusso59@gmail.com

off

11° “MICRO” Corso Internazionale di Musica Medievale: 30 luglio-1 agosto 2020. Online 27-29 luglio.

Anche quest’anno, nonostante l’eccezionale  situazione di isolamento creata dal virus COVID-19, si terrà, in forma adeguata alle normative nazionali, l’ 11° Corso Internazionale di Musica Medievale

Il Corso è organizzato dall’Associazione Musicale Micrologus e dal Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg

Per ovvi motivi di sicurezza, le lezioni saranno individuali e verteranno sullo studio dei singoli strumenti e sulla vocalità, riducendo le attività collettive a piccoli ensemble che potranno interagire in spazi aperti mantenendo le distanze tra i musicisti, indicate dalle normative.


CORSI PRINCIPALI

(mattina e pomeriggio: 30 luglio-1 agosto)

Tecnica, stile e interpretazione della musica medievale in generale.

CANTO   –  Patrizia Bovi 

ARCHI (viella e ribeca) – Gabriele Russo

LIUTO E PLETTRI MEDIEVALI (Europa e Medioriente) – Peppe Frana

STRUMENTI A FIATO (flauto diritto, flauto traverso, flauto e tamburo, flauto doppio, cornamusa) – Goffredo Degli Esposti

GHIRONDA (storica e tradizionale) E SYMPHONIA – Giordano Ceccotti

PERCUSSIONI MEDIEVALI e DULCIMELO – Enea Sorini

Il Corso si terrà presso gli spazi del Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg e quelli messi a disposizione dal Comune di SPELLO.

MUSICA D’INSIEME PICCOLI GRUPPI

(POMERIGGIO 30 luglio-1 agosto)

MOVIMENTO ® METODO FELDENKRAIS ®

(h.18,30 /19,30 – 30 e 31 luglio, 1 agosto)

CONFERENZE/LEZIONI TEORICHE

(POMERIGGIO 27-29 luglio)

Dal 27 al 29 luglio sulla piattaforma online del Centro Studi Adolfo Broegg si svolgeranno le conferenze e lezioni teoriche online con studiosi e musicologi che affronteranno i diversi aspetti della musica del periodo pre-rinascimentale. Tutte le conferenze online saranno tenute in Inglese (dettagli a seguire).

27 Luglio 2020

Accesso alla classe 16.15
lezione dalle 16.30 alle 18.00

Dal segno al suono. Strategie notazionali nel Trecento.

Michele Epifani

La lezione intende offrire alcuni spunti di riflessione sui rapporti tra segno e suono nel repertorio polifonico del secolo XIV. Nello specifico, la lezione sarà divisa in due parti. Nella prima saranno inquadrati storicamente i principali sistemi di notazione in uso, notoriamente distinti in aree geografiche (Francia, Italia, Gran Bretagna). Nella seconda parte si analizzeranno alcuni casi particolari per i quali è possibile pensare che la notazione fornisca all’esecutore informazioni ‘extra’ rispetto ai consueti parametri espressi dalla notazione mensurale nera, notoriamente limitati alle altezze e alle durate.


Accesso alla classe 18.15
lezione dalle 18.30 alle 19.30

Introduzione alla musica modale 

Peppe Frana

La caratteristica che accomuna le maggiori tradizioni musicali extraeuropee e la musica antica europea fino alla piena affermazione dell’approccio tonale è la presenza di un articolato sistema di modi caratterizzati da intricate strutture melodiche e raffinate sfumature microtonali che possono rendere non immediata la comprensione del loro andamento anche a musicisti di solida formazione eurocolta.
Il presente laboratorio non ha la pretesa di fornire una panoramica esaustiva su alcuno dei sistemi musicali in oggetto (Makam turco-ottomano, Maqam arabo, Dastgah persiano, raga Hindustano, Octoechos ecc.), proponendosi piuttosto di esplorare la base comune di tali idiomi musicali attraverso una serie di esercizi pratici che cercheranno di condurre i partecipanti ad una immediata familiarità con il concetto di modo e alla rielaborazione creativa dei materiali tradizionali studiati.
Il laboratorio si rivolge a tutti gli strumentisti e ai cantanti interessati ad intraprendere in maniera consapevole e feconda lo studio della “musica modale” e ad allargare il proprio linguaggio improvvisativo e compositivo.


Accesso alla classe 19,45
lezione dalle 20.00 alle 21.00

Tendenze, brands e la musica medievale nel 2020 1a sessione 

Crawford Young

Si tratta di moda, di tendenza, che ha a che fare con l’espressione estetica. Le convenzioni sociali, incluso il fare musica, sono influenzate dalle idee di una cultura. Nel XX secolo i concerti di “musica antica”, e tra questi quelli di musica medievale facevano tendenza. Questa moda è nata dai movimenti pre-Hippie ( Beat poets / Jazz, negli anni ’50) e Hippie (Folk / Ethnic, della metà degli anni ’60). Questo è un utile punto di riferimento per i cantanti, i musicisti e i fruitori di musica medievale che oggi vorrebbere sapere da cosa sono state ispirate, consciamente o inconsciamente, le nostre interpretazioni. Sebbene non possiamo distaccarci dalle tendenze dettate dalle performance musicali degli ultimi cinquant’anni, potremmo volerne sapere qualcosa in più sulle loro origini, al fine di confrontarle, con uno sguardo nuovo, con ciò che le menti medievali possono ancora dirci.


28 luglio 2020

Accesso alla classe 16.15
lezione dalle 16.30 alle 18.00

L’ improvvisazione per coloro che hanno paura di improvvisare 

1a sessione 

Leah Stuttard

E’ vero che l’improvvisazione vi sembra un concetto mistico, quasi magico che solo pochi iniziati che hanno questo dono possono praticare?
Le mie lezioni vi insegneranno che quest’idea che vi siete fatti non è corretta.

Ognuno puo improvvisare, è necessaria solamente un po’ di preparazione! Lo so che questa affermazione sembrerebbe controintuitiva, ma lunghi anni di perseveranza, mi hanno insegnato che è possibile imparare l’improvvisazione modale seguendo alcune regole. Facciamo quindi insieme, alcuni passi partendo dall’ improvvisazione modale medievale. Impareremo a memoria alcune brevi melodie di canto gregoriano in maniera tale che diventino parte di noi. Anche durante il riscaldamento useremo questi modi perchè diventino familiari. Quindi improvviseremo su un testo latino nello stile di canto gregoriano usando la modalità e i suoi particolari schemi di intonazione come base. Il metodo per imparare a improvvisare in questo modo è applicabile a qualsiasi stile musicale !
Inizieremo a costruire il nostro tesoro di frammenti di melodie memorizzate (come lo sono le parole e la grammatica per scrivere un testo) per poi compilarle insieme nei diversi modi.


Accesso alla classe 18.15
lezione dalle 18.30 alle 19.30

L’Ordinarium missae di Pit nel suo contesto: Nuova luce sulla compilazione di questa fonte

Francesco Zimei

Una recente indagine ha dato l’opportunità di fare luce sulla “strana” presenza, negli ultimi fogli del manoscritto MS Pn. it. 568 (Pit), di un’Ordinarium missae di diversi compositori della ars nova fiorentina e del suo speciale contesto. Di conseguenza, ciò ha reso possibile chiarire le fasi che hanno portato al completamento della fonte, nonché il nome e il ruolo del suo compilatore.


Accesso alla classe 19,45
lezione dalle 20.00 alle 21.30

Cantare la musica medievale secondo i trattati, è veramente quello che stiamo facendo?

Patrizia Bovi

Un’introduzione alle regole della musica medievale con particolare attenzione alla pratica del canto. Abbiamo ricevuto un certo numero di informazioni da fonti scritte sulle regole che i cantanti dovevano seguire a partire dal XIII sec. fino al XVI sec. Conosciamo queste regole e quanto possiamo fidarci di quelle fonti? Esploreremo insieme le diverse indicazioni analizzando il contesto e lo scopo per il quale alcuni di questi trattati sono stati scritti, provando ad applicarli nella prassi del canto medievale.


29 luglio 2020

Accesso alla classe 16.15
lezione dalle 16.30 alle 18.00

Quali strumenti per quale musica? La parola alle fonti 

Alessandra Fiori

Per chi si occupa di prassi della musica medievale, non è facile mettere in pratica scelte, soprattutto quando si tratta di valutare il possibile inserimento di strumenti musicali e il loro abbinamento. Esiste l’interpretazione “purista” («Se questa è musica vocale, allora andrà eseguita con le voci») ed esiste al contrario l’estetica “proto-orchestrale” (Simone Prodenzani, nel Saporetto, citadecine di strumenti musicali, quindi glieli mettiamo tutti!).

Un’opera letteraria o figurativa è una fonte da interrogare con estrema cautela: perché al verosimile vanno sempre sommati un livello simbolico ed estetico.
Lo spoglio di alcune fonti documentarie bolognesi di fine Due/inizio Trecento mi ha dato la possibilità di andare “oltre la finzione”, attingendo a documenti di vita musicale vissuta, di cui vi racconterò…


Accesso alla classe 18,15
lezione dalle 18.30 alle 20.00

L’ improvvisazione per coloro che hanno paura di improvvisare 

2a sessione  

Leah Stuttard


Accesso alla classe 20.15
lezione dalle 20.30 alle 21.30

Tendenze, brands e la musica medievale nel 2020

2a sessione 

Crawford Young 

Conclusioni


Lezioni di Conoscersi  Attraverso il Movimento ® Metodo Feldenkrais ®

30, 31 luglio, 1 agosto – h.18,30 /19,30

Il Metodo Feldenkrais® offre un modo unico e pratico per realizzare il nostro potenziale in modo più completo. È un metodo educativo incentrato sull’apprendimento e sul movimento, che può portare ad un miglioramento dei movimenti e al miglioramento funzionale. Prende il nome dal suo ideatore, Moshe Feldenkrais (1904-1984), ingegnere e fisico, nonché insegnante di judo.

Le lezioni si svolgono sdraiati sul pavimento o talvolta seduti. L’insegnante conduce l’allievo attraverso una sequenza di movimenti che risvegliano il piacere di muoversi e stimolano la ricerca di soluzioni più funzionali, facili ed armoniche per la persona. Ogni nuovo movimento viene ripetuto ed esplorato, permettendo di familiarizzare con esso e di iniziare a giocare con relazioni di movimento non abituali. La consapevolezza appresa permette di liberarsi da schemi cronici di tensione e creare nuove possibilità di movimento. Le lezioni sono aperte a tutti.

Le lezioni sono condotte da Stefania Romagnoli Insegnante del Metodo Feldenkrais® dal 2002, certificata da International Feldenkrais Federation , membro di A.I.I.M.F. Associazione Italiana Insegnanti Metodo Feldenkrais. Educatrice visiva di Metodo Bates, diplomata alla Scuola Bates Milano,  insegnante riconosciuta da A.I.E.V. Associazione Italiana Educazione Visiva.

Portare il proprio tappetino per lavorare a terra e calze per stare senza scarpe. 


COSTI

Corsi principali (e Musica d’Insieme): €. 150

Conferenze/Lezioni Teoriche ONLINE: €. 40

Per gli iscritti ai Corsi principali il costo delle conferenze online è di €. 15

Secondo Corso Principale frequentato: €. 90

3 lezioni Metodo Feldenkrais ®: €. 30

COSTO ISCRIZIONE: €. 40 (i restanti €. 110 saranno versati il giorno di inizio Corsi) da PAGARE entro il 20 luglio con dicitura “iscrizione annuale al Centro Studi A. Broegg” tramite:

PayPal : info@centrostudiadolfobroegg.it

o sull’ IBAN dell’Associazione Musicale Micrologus

Vicolo Bovi, 3 ASSISI (PG) CAP 06081

[IBAN]      IT 14 O 03111 38280 000000000630

[BicSwift]    BLOPIT22 [BANK]    Uno banca – Fil. di Bastia Umbra

Per l’ iscrizione ai corsi online si pagano €. 40 con dicitura “iscrizione annuale al Centro Studi A. Broegg”.


Termine iscrizione CORSI PRINCIPALI: 10 luglio

(dopo questa data sarà possibile l’iscrizione al corso su valutazione dell’insegnante)

Termine iscrizione CONFERENZE ONLINE: 20 luglio


Info: gabrielerusso59@gmail.com

Per iscriversi copiare e compilare questo MODULO D’ISCRIZIONE:

Cognome:                                                   Nome:

Data e luogo di nascita:

Residente in:

Città:                                 CAP:

Cell.:

E-mail:

Richiesta di iscrizione al Corso di:

Strumenti musicali utilizzabili per il Corso (modello e tono di accordatura):

Pratica vocale o strumentale dall’anno…..presso…..

Conoscenza della voce/dello strumento (specificare possesso di diploma di Conservatorio, frequenza corsi regolari scuola comunale, insegnamento privato, autodidatta):

Insegnanti avuti:

Altre conoscenze musicali:

Si concede l’autorizzazione al trattamento dei dati personali secondo le norme del Dlgs 196/2003.

Data e Firma

Per favore, inviarlo via mail a: gabrielerusso59@gmail.com

off
January 31st/2 February 2020 – Medieval lute seminar

January 31st/2 February 2020 – Medieval lute seminar

Teacher: Peppe Frana

FRI January 31st  4:00-7:00 pm , SAT 1/02 10:00 am-1:00 pm / 3:00-6:00 pm, SUN 2/02 10:00 am-1:00 pm

The seminar will offer an overview of the plectrum-lute repertoire with a comparative approach to the plectrum technique of extra-european plucked chordophones such as oud, afghan robab, tanbur etc.

The seminar is aimed at professionals and amateur medieval music performers and renaissance lute players who want to approach plectrum technique.

First module

Monody and diminutions: Plectrum technique – Ornamentation – Musical analysis of IV century Italian monodic repertoire and selected examples from Codex Faenza.

Second module

Intabulations: Plectrum-finger technique – Strumming – Intabulation techniques and musical analysis of early XV century keyboard repertoire in comparison with the intabulations of Wolfenbuttel fragment.

Peppe Frana

Peppe Frana

Passionate from a young age about rock music from America and overseas, he quickly became the nightmare of the best electric guitar teachers in the area. At 20 he was dazzled by interest in modal music from outside Europe thanks to the work of Ross Daly and took up the study of Turkish oud and other cordophones played with a plectrum, making frequent trips to Greece and Turkey. There he visited some of the most renowned maestros: Yurdal Tokcan, Omer Erdogdular, Murat Aydemir, Daud Khan Sadozai and Ross Daly himself. A meeting with the members of Ensemble Micrologus inspired his interest in European medieval music and in plectrum lute. He quickly became one of the most appreciated soloists and teachers specialising in Italian trecento repertoire. 2013 he has been studying medieval lute at the Schola Cantorum in Basel Switzerland under the guidance of Crawford Young, marking his first experience of academic music study. He has an honours degree in philosophy from the Istituto Universitario Orientale in Naples. He regularly works with many artists and musical projects in the world of early, eastern and non-classical music, his flourishing artistic activities mean he has performed in the most prestigious festivals both in Italy and around the world.

FEE: €. 100

info: giuseppe.frana@gmail.com

off
31 Gennaio-2 Febbraio 2020 – Seminario di liuto medievale

31 Gennaio-2 Febbraio 2020 – Seminario di liuto medievale

Docente: Peppe Frana

Venerdì 31 Gennaio ore 16-19, Sabato 1 Febbraio ore 10-13 / 15-18, Domenica 2 Febbraio ore 10-13

Il seminario offrirà una panoramica del repertorio per liuto medievale con un particolare sguardo comparativo alle tecnica di plettro di cordofoni extra-europei quali l’oud, il robab afghano, il tanbur ecc.

Il seminario si rivolge a professionisti e appassionati della musica del medioevo e a liutisti rinascimentali interessati ad approfondire la tecnica di plettro.

Modulo 1 

Monodia e diminuzioni: Tecnica di plettro – Ornamentazione -Analisi musicale del repertorio monodico del ‘300 Italiano e di esempi scelti dal Codex Faenza.

Modulo 2

Intavolatura: Tecnica mista plettro-dita – Strumming  – Tecniche di intavolatura e analisi musicale del repertorio tastieristico del primo ‘400 in comparazione alle intavolature del frammento di Wolfenbuttel.

Peppe Frana

Peppe Frana

Nasce a Salerno il 19 ottobre 1986

Appassionatosi in giovane età al rock d’oltreoceano e oltremanica, diventa presto l’incubo dei migliori insegnanti di chitarra elettrica del circondario. Ventenne viene folgorato dall’interesse per le musiche modali extraeuropee attraverso la musica diRoss Daly e intraprende lo studio dell’oud turco e di altri cordofoni a plettro durante frequenti viaggi in Grecia e in Turchia, dove frequenta alcuni tra i più rinomati maestri: Yurdal Tokcan, Omer Erdogdular, Murat Aydemir, Daud Khan Sadozai, Ross Daly stesso. Dall‘incontro con i membri dell’Ensemble Micrologus scaturisce l’interesse per la musica del medioevo europeo e per il liuto a plettro, di cui diventa presto uno dei più apprezzati solisti e insegnan-ti, specializzandosi nel repertorio trecentesco Italiano. Dal 2013 al 2015 studia liuto medievale presso la Schola Cantorum Basilensis sotto la guida di Crawford Young, inaugurando la sua prima esperienza di studio musicale accademico. È laureato con lode in filosofia presso l’Istituto Universitario “L’Orientale” di Napoli. Collabora stabilmente con molteplici artisti e progetti musicali nell’ambito della musica antica, orientale ed extracolta e svolge una florida attività concertistica in tutto il mondo. È il direttore artistico di Labyrinth Italia.

COSTO :€. 100

info: giuseppe.frana@gmail.com

off

“De modo bene cantandi” – 13/15 marzo 2020

“De modo bene cantandi”


Corso di canto medievale

docente: Patrizia Bovi

dal 13 al 15 marzo 2020.

Orari

Venerdì 13: 16,00- 20,00
Sabato 14: 10,00-13,00 15,00-18,00
Domenica 15: 11,00-13,00 15,00-18,00

Medieval Singing Course

with Patrizia Bovi

from the 13th to the 15th of March 2020

Friday 13th: 4 pm-8pm
Saturday 14th: 10am-1pm 3pm-6pm
Sunday 15th: 11am-1pm 3pm-6pm 

Patrizia Bovi https://www.centrostudiadolfobroegg.it/about-us/patrizia-bovi

Durante il corso si tratteranno  le questioni legate all’estetica del canto medievale analizzando e seguendo le indicazioni di un trattato del XV sec. di Conrad Von Zabern sul modo di ben cantare.

Saranno inviati brani per applicare i principi tecnici descritti nel trattato, le lezioni saranno sia individuali che di gruppo e si potrà anche approfondire repertorio scelto da ogni partecipante.

Le iscrizioni scadono il 15 febbraio 2020.

Il costo di iscrizione al corso è di 150€

Info:

sms: 3488722313

email: pabovi@yahoo.it

off