Ghironda


8th INTERNATIONAL COURSE OF MEDIEVAL MUSIC: 17/21 JULY 2017

17-21 July  2017

8th INTERNATIONAL COURSE OF MEDIEVAL MUSIC

Main theme of the 8th Course:  Niccolò da Perugia and Trecento Florentine music.

 

2

“THE MUSIC OF NICCOLÒ PERUGIA”

Ballads, Madrigals and Caccie of love of a Perugian in Florence in the Fourteenth Century.
Discovering the music of Magister Ser Nicholaus Preposito de Perugia, a Perugian composer active, above all, in Florence in the second half of the Fourteenth Century. His production of works, which often set to music texts by poets such as Florentine Soldanieri and Sacchetti is conserved in 21 ballads, 16 madrigals and 4 caccie, and gives us a comprehensive picture of the Fourteenth Century music demonstrating how the Italian Ars Nova alternates high and low period style, with music for the court and music in “bourgeois taste”.

 

Ordinary courses:

Singing – Patrizia Bovi

Choral singing – Simone Sorini

Lute – Peppe Frana

Flutes, shawn and bagpipes – Goffredo Degli Esposti

Hurdy-gurdy and Symphonia – Giordano Ceccotti (18-21 july)

Fiddle and rebec – Gabriele Russo

Wind Instruments Ensemble/Alta Cappella – Ian Harrison

Medievale and Renaissance percussion – Gabriele Miracle (intensive course, only 20-21 july)

Complementary courses:

Notation

Ensemble class for small groups – Goffredo Degli Esposti, Gabriele Russo

Ensemble class – Peppe Frana

 

 

 

SINGING – Parizia Bovi

Patrizia Bovi, born in Assisi,  begun very early to study music first at Perugia Conservatory and then with Sergio Pezzetti.

Early ensemble work included medieval/Renaissance music with Ensemble Alia Musica (Milan), during which time she attended various seminars on early vocal performance practice in Italy and Europe. Concurrently she interpreted sixteenth- and seventeenth-century Italian repertory including Monteverdi (Ballo delle Ingrate, Combattimento di Tancredi e Clorinda, ecc.) and related repertory (La Dafnefrom Marco da Gagliano, Euridice from Jacopo Peri and La Morte di Orfeo from Stefano Landi), and in subsequent years widened her areas of expertise to include music from the thirteenth-century through contemporary music. Bovi has collaborated with various musicians, including Antonio Florio, Pino de Vittorio, Franco Pavan, Marcel Peres, Crawford Young, Begona Olavide and Chiara Banchini . In the 2007/8 season she directed and performed music for the choreographer Sidi Larbi Cherkaoui’s project ‘Myth’, which saw performances in over eighty theaters in Europe and North America.

[cml_media_alt id='3240']Patrizia Bovi[/cml_media_alt]

Patrizia Bovi

 

In the 2010/2011 she performed and composed part of music for the choreographers Sidi Larbi Cherkaoui and Damien Jalet’s project “Babel” and Cherkaoui’s “Play”.

“Babel” received in 2011 two “Laurence Olivier” awards.

In 1984 Patrizia Bovi founded Ensemble Micrologus, specialists of medieval Italian music, whose performances continue to find acclaim among international audiences.

Together with Micrologus she recorded numerous CDs for Quadrivium and Opus 111, including the prize-winning “Landini and his Contemporaries” (Diapason d’orde l’annèe 1996), “O Jhesu dolce” (Diapason d’or 1997), and “Napolitane” Opus 111 (Diapason d’or de l’annèee 1999).

She founded Meduza project in 2011 to perform unknown repertoires, first two projects were “Lucrezia la figlia del papa”on Lucrezia Borgia’s life and “Justiniane or l’aer veneziano”XV centurty venitian repertotire.

Additionally Bovi is active teaching courses on medieval singing, flavored with years of experience in the performance of Italian traditional music, in settings such as Corsi di Musica Antica (Urbino), Fondation Royaumont (Paris) and University of Texas (Austin).

She teachs at the Centro Studi europeo di musica medievale Adolfo Broegg in Spello since 2009.

In 2008 she was awarded the “Chevalier des Arts et des Lettres” from the Minister of French Culture.

 

 

CHORAL SINGING – Simone Sorini

Simone Sorini, graduated in musicology, he carries out philologist and researcher activity – focusing for many years on the music repertoires from the Duchy of Montefeltro and the Della Rovere family, as a result of which he has designed and executed with Ensemble Bella Gerit, as well as founder and director, three recorded works on Renaissance repertoires from Urbino – and now crowned by the publishing of his book about an important Flemish author of the late Renaissance, whose footsteps had almost been lost; the volume, titled “L’Opera Sacra di Leonard Meldert” includes, in additionto unpublished music rediscovered by Sorini that transcribed it using modern notation, alsobiographicalnews,newinterpretativehypothesisrelative to the repertoires of  ,and studies on the relationship between Meldert and the other musicians of the age.

Simone Sorini

Thanks to this study M° Sorini has also entered to be part of the contributors of the New Grove, the greatest encyclopaedia of music and the musicians, now available on web.

Having studied singing with several teachers in Italy and Europe, he has a unique vocal technique that allows him to obtain a full tenor acute sound, brilliant and natural.

His non academic and  immediately  recognizable vocal style, that has made him a point of reference for performers of early music, is much  appreciated  in Europe, where he performed in the most important theatres and festivals, including Temporada Gulbenkian of Lisbon,  Early  Music Festival  in Boston, Saison Musicale à Royaumont, Early Music Weekend in London, Stockholm Early Music Festival, Festival Van Vlaanderen in Antwerp, Festival Baroque in Pontoise, Copenhagen Renaissance Music Festival.

Multi-instrumentalist, over the years he has gained an in-depth knowledge of Medieval and Renaissance plectrum instruments, owner of dozens of them- all rebuilt according to the ancient iconography – also thanks to the study with M° Adolfo Broegg.

Versatile interpreter of lute repertoires from the Middle Age to the early Renaissance, he performs as a soloist accompanying himself with his instruments while singing, bringing back to light the ancient profession of the Cantore al liuto, historical definition often credited to Francesco Petrarca, but typical of Italian musicians and composers from the late ‘400.

He is the director of the choral group Narnia Cantores”, a mixed-voice vocal ensemble dedicated to the execution of medieval repertoires – and in particular to the rediscovery and diffusion of those of the local area – which also makes use of stringed instruments, drums and percussion reconstructed according to ancient iconography.

He holds training courses and workshops to singing, and whenever possible he also gives to his performances an educational-cultural print.
His encyclopedic knowledge of styles and genres from medieval to modern music, together with his natural-born musical vocation, have made possible the design of original and particular projects of contamination between the ancient world and the contemporary, where evocative and unusual sounding ancient instruments dialogue with electric and digital ones.

This research resulted in his latest creation, the concert/show OPUS, an Italian-French production inspired by alchemy, staged in Pigna (Corsica) in the summer of 2013, of which other representations have been staged at Lunaria Festival of Massa Carrara and at the Grey Cat Festival of Grosseto in the summer of 2014.
In this context has also designed and implemented with Bella Gerit the multimedia show “De Divina Proportione” presented at the Ravenna Festival 2011, also taking care of the musicological and historical side of the research.

He has sung and played in over 30 recordings released by Sony, Stradivarius, Alpha, K617, that in France have received prestigious awards such as the “Diapason d’or”and “Choc de la musique”; He has also been part of the Myth world tour, a work by Sidi Larbi Cherkaoui, and he has performed, besides Europe, in Mexico, Canada, Russia, Bulgaria, Syria and the United States.

Specialist in Medieval and Renaissance repertoires, he played the main roles in works by: Vivaldi, Monteverdi, Albinoni and Mozart. He has sung and recorded for Radio France Musique, Radio Osterreich 1, RAI Radiotelevisione Italiana, SBS Radio Sidney.

 

MEDIEVAL LUTE – Peppe Frana

Peppe Frana, passionate from a young age about rock music from America and overseas, he quickly became the nightmare of the best electric guitar teachers in the area.At 20 he was dazzled by interest in modal music from outside Europe thanks to the work of Ross Daly and took up the study of Turkish oud and other cordophones played with a plectrum, making frequent trips to Greece and Turkey. There he visited some of the most renowned maestros: Yurdal Tokcan, Omer Erdogdular, Murat Aydemir, Daud Khan Sadozai and Ross Daly himself.

A meeting with the members of Ensemble Micrologus inspired his interest in European medieval music and in plectrum lute. He quickly became one of the most appreciated soloists and teachers specialising in Italian trecento repertoire.

Since 2013 he has been studying medieval lute at the Schola Cantorum in Basel Switzerland under the guidance of Crawford Young, marking his first experience of academic music study. He has an honours degree in philosophy from the Istituto Universitario “L’Orientale” in Naples.

He regularly works with many artists and musical projects in the world of early, eastern and non-classical music including Ensemble Micrologus, Ensemble Calixtinus, Ensemble Exaquier (Marco Ferrari, Fabio tricomi, Peppe Frana, Fabio Accurso), La Contraclau, Ensemble Trenca (Anna Danilevskaia, Atsushi Moriya, Pere Olive, Peppe Frana) Cantsilena, Ensemble Bahar, Mose Chiavoni, Vinicio Capossela. His flourishing artistic activities mean he has performed in the most prestigious festivals both in Italy and around the world.

Peppe Frana

 

The course aims to provide elements for recostructing the performing practice for plectrum instruments in the vocal and instrumental repertoires of the Fourteenth Century.

The teaching will include technical elements, posture, use of plectrum figures for the articulation of musical phrases, rhythmic and melodic use of drones in monody, ornamentation techniques, exercises for the conscious and functional use ornaments, counterpoint, elements of notation, modal theory, elements of medieval iconography and organology.

The exact repertory will be communicated to students in advance, however the students can propose any medieval repertoire of personal interest.

 

 

 

 

 

 

FLUTES, SHAWN AND BAGPIPES – Goffredo Degli Esposti

Goffredo Degli Esposti (1963) is an Umbrian musician who specialises in research into, and performance of ancient and traditional music with wind instruments.

[cml_media_alt id='3971']Goffredo Degli Esposti[/cml_media_alt]

Goffredo Degli Esposti

Having taken his diploma in the transverse flute, recorder and specialized in Baroque flute, he has followed courses of study with Susan Milan, Andras Adorjan, Gustav Sheck, Mario Ancillotti, Bartold Kuijken, René Clemencic and the Courses in Medieval Music at the Centro Studi dell’Ars Nova Italiana of Certaldo (Italy). He began his concert activity in 1980; in 1984 he founded the Ensemble Micrologus, with whom he plays in the most important Festivals of Ancient Music in Europe and the Americas; he has also made CDs and radio recordings and collaborated on music for the theatre and the cinema, including the soundtrack of the film “Mediterraneo”.

His enthusiasm and his ability to play various wind instruments in the Mediterranean tradition have led him to various musical experiences, collaborating with the Mancuso Brothers, Ambrogio Sparagna, Giovanna Marini, Sonidumbra, the Tamburi del Vesuvio, Tetraktis Percussioni, Daniele Sepe, Vinicio Capossela, Heloise Combes. Nowdays he is working on musical improvisations for wind instruments with the new groups Lirum Li Tronc (Renaissance music), nel D.E.P. Duo con Andrea Piccioni e Triaulos (folk-jazz), and with the singer-songwriter Raffaello Simeoni for “Mater Sabina Project”.

He has given seminars and courses at various European Schools: at the Cité de la Musique in Paris, at the Abbaye de Royaumont in France, at Jeroslaw in Poland, at the Istituto superiore di Studi musicali “Briccialdi” in Terni, and International Courses of Ancient Music in Urbino and in Copenhagen. He has recorded 28 CDs of medieval music for Quadrivium, Fonit Cetra, Zig-Zag Territoires and Opus 111, of which two have been awarded the “Diapason d’Or de l’Année”, and 12 CDs of traditional and experimental music for Ricordi, Penta Music, SudNord Record, BMG, Il Manifesto and Alphamusic.

 

 

HURDY-GURDY AND SYMPHONIA  – Giordano Ceccotti (18-21 july)

Giordano Ceccotti, since he was a child, has shown a talent and great interest in music.

He graduated as a “Master of Arts” at the Istituto Statale “B. Di Betto” in Perugia.

Giordano Ceccotti

He joined a Medieval music ensemble as a fiddle player and met some of the members of ensemble Micrologus, thus giving birth to a long series of collaborations.

He played in several local groups and in 1998 he founded ensemble Laus Veris, participating in many important Italian and International festivals and historical reconstructions.
He took part in the “27th Rencontres internationales de luthiers et maîtres sonneurs” in Saint Chartier, France, where he attended the hurdy-gurdy workshop with J-F. “Maxou” Heintzen, and then the workshop on French and Occitan violin with Gabriele Ferrero.
He has made instruments since 1999 and at the moment he’s dealing with in-depth iconographic research on musical instruments from 14th and 15th-century central Italy and on other extant ancient instruments, focusing on the materials and the techniques, in order to reproduce them full scale. Particularly, his intense research let him discover an image showing a nyckelharpa from early 15th-century Siena. This image was shown to Swedish musicologist Per-Ulf Allmo, who compared it to other images and stated that it is one of the oldest in Italy and Sweden. Consequently, Giordano and his colleagues gained the praise of the Swedish Institution as well as their approval to create the first International School of Nyckelharpa in Forlimpopoli, led by Master Marco Ambrosini from Oni Wytars.
Giordano Ceccotti can reproduce fiddles, rebecs, lire da braccio, hurdy-gurdies, lutes, psalteries, chitarrini and any type of string instrument from iconography, and carries out his research along with musicians known all over the world.

Moreover, some of his instruments were played in the latest works by ensemble Micrologus, and in other albums by Italian ensembles and foreigner groups (French, Swiss, German, American, Austrian, Canadian groups) and even in the modern field, in “Ho un sogno” by Anna Oxa and “Kronomachia” by Daniele Sepe.

Over the last few years he has devoted himself to making electrical instruments, even solid-body instruments, proposing modern versions of ancient or traditional instruments such as hurdy-gurdies, viols, mandoloncellos, ouds, mandolas, etc.
He has attended many courses, among which Irish violin with master Marco Fabbri from Roma and hurdy-gurdy with Stéphane Durand and Valentin Clastrier, who are two of the best-known musicians in the field of modern and traditional French music.
He obtained the diploma as Mastro liutaio e archettaio (Master lute maker and bow maker) at the School for Master lute makers in Gubbio.
He has attended classes of lira da braccio with Igor Pomykalo.
Among his collaborations are: “BandaAntica La Pifarescha”, Micrologus, Aquila Altera, Centro Studi Adolfo Broegg, where he teaches hurdy-gurdy and symphonia.
He plays the hurdy-gurdy and the violin in a group of traditional French music, “Cantalusa”.
His discography includes: “Tempus Transit” (2000), with ensemble Aquila Altera and the choir Cantrici di Euterpe, from L’Aquila; “Canti di Maggio” (2004), a collection of musical compositions which marked the history of Calendimaggio di Assisi; “La dolçe vista” (2006), recorded along with his band, the ensemble Laus Veris, in collaboration with Fiffaro Consort and Bella Gerit; “Nuptiae factae sunt” with ensemble Bella Gerit; also with his band “L anima e ‘l core” (2007), “Orsu su car signori” (2008) and “Pinturicchio Musicam Pinxit” (2009); “ Dolce lo mio drudo” (2013) with ensemble Aquila Altera; “Io ti canto, ti racconto” (2007), a DVD dedicated to the premature passing of Adolfo Broegg; and in the field of traditional music, “Deragliamenti” (2006), with singer-songwriter Massimo Liberatori and “Sonate con ghironda” (2010), a project by guitarist Fabio Barili.

 

 

FIDDLE AND REBEC – Gabriele Russo

Gabriele Russo, an Umbrian musician, is co-founder of Ensemble Micrologus for which he works on research into the practical techniques and construction of bowed stringed instruments of the medieval period.

Gabriele Russo

He studied classical and rock music (violin and guitar) and also plays folk music as violinist, guitarist and mandolin player with the Umbrian group Sonidumbra. He has appeared both in Italy and abroad, playing in the most important early music festivals with Micrologus.

He has recorded more than 25 medieval music CDs and appeared as well on many other recordings, including with a host of well-known names in traditional and experimental music, such as Fratelli Mancuso, Ambrogio Sparagna, Giovanna Marini, Sonidumbra, Daniele Sepe, Novalia, Raffaello Simeoni, Vinicio Capossela.

He has given seminars and workshops in various European centres: in Antwerp, Belgium; at the Cité de la Musique in Paris; at the Abbaye de Royaumont in France; Jaroslaw in Poland; at the international centre for early music, Musica Antica in Urbino; in Orte (TR Italy); Maccagno (VA Italy); in Copenhagen and in Mendrisio, Switzerland.

From 2009, has has been teaching, alongside the other musicians of Micrologus, at the International Annual Summer Courses at the Centro Studi “Adolfo Broegg” in Spello, Umbria.

 

 

WIND INSTRUMENTS ENSEMBLE/Alta Cappella – Ian Harrison

Ian Harrison from Newcastle upon Tyne had his Northumbrian Bagpipe in his luggage when he left England to study cornett, shawm and historical performance practise at the Schola Cantorum Basiliensis. Combining traditional techniques, baroque virtuosity and an enormous knowledge of mediaeval music sources he has develop

ed a new style, ‘set new standards’, and become Europe’s leading improviser on shawm, bagpipes and cornett – mediaeval and renaissance wind instruments. The international press has named him ‘the Miles Davis of Early Music’. He is director of Les haulz et les bas, ‘the best mediaeval wind band since the middle ages’.

His original, improvisational and virtuosic music has earned him prizes at the Bruges Early Music Festival, the Rencontres des Maitres Sonneurs, St. Chartier and the German Pop and Rock Awards.

 

 

 

 

 

 

 

MEDIEVAL AND RENAISSANCE PERCUSSION (intensive course, 20-21 july) – Gabriele Miracle

During the seminar, students are introduced to percussion played with sticks such as naqqara and side drum.

Seminar participants will study executive techniques, filological sources, instrumental technique and proper rhythms.

Gabriele Miracle

Graduated with honors in percussion at the Conservatory of Perugia, he devoted his studies to early music collaborating with Ensemble Micrologus, Cappella della Pietà dei Turchini, Pino de Vittorio, I Barocchisti of Diego Fasolis, Pierre Pitzl, Magdalena Kozena, Cecilia Bartoli, Angelo Branduardi, Soqquadro Italiano, La Pifarescha, I Bassifondi of Simone Vallerotonda.

Since 2007 as performer, arranger and composer he collaborates with the choreographer Sidi Larbi Cherkaoui.

 

 

 

 

Structure of the Course

MORNING: 9.00 a.m. to 1.00 p.m. – Main Courses
LUNCH BREAK: 1.15  to 2.45 p.m.
AFTERNOON: 3.00 to 7.00 p.m. – Complementary  courses
3.00 to 4.30 p.m.  – Notation and Conferences
5.00 to 7.00 p.m.  – Music  Ensemble
EVENING: musical evenings surprise, in various places in the city of Spello (program in preparation)

Only for Monday 17
MORNING
11:00 a.m. to 1:00 p.m.  – completing registration and payment of fees frequency

LUNCH 1.15 to 2.45 p.m.
AFTERNOON:  3:00 to 7:00 p.m.  – Main Courses

Monday 17 July, 7:00 p.m.

Conference by Antonio Calvia:

Niccolò dal Preposto and his Complete Works

 

 

STUDENT FEE:
Singing/Instrument course: 350 €
Percussion: 120 €
Hurdy-Gurdy: 290 €
Choral singing: 250 €
(The fee above include LUNCH: complete menu – vegetarian and no; do not include DINNER and ACCOMMODATION)

Only Large Ensemble: 100 €
Theoretical course only: 80 €

2° Course frequency: 190 €

Ensemble Fee (minimum 3 members):

Singing/instruments course / tool: 300 €
Hurdy-Gurdy: 250 €
(Costs include LUNCH: complete menu – vegetarian and no; do not include DINNER and ACCOMMODATION)

Only Large Ensemble: 80 €
Theoretical course only: 70 €

2° Course frequency: 170 €

Agreement with HOTELS
Accommodation at 25 € per night in the days of the course (also possible Sunday, July 16), with breakfast included (abundant), in rooms for 3 or 4 beds, located at the following hotels (3 and 4 stars):
The Bastille
La Corte del Conte
Residence San Jacopo
Palazzo Bocci

Restaurants with 15% discount.
The Bastille
Drimking wine
The Pinturicchio
Il Frantoio
The Buchetto
Mamafò
The Molino

Pubs / restaurants recommended Tourist menu:
Osteria Da Dada
Caffè Cavour

DEADLINE: June 10

PROMOTION: 10% OF DISCOUNT FOR THOSE SUBSCRIVE BY 25 MAY.

DEADLINE to take advantage convention with HOTELS: May 25

We kindly ask the students to send an advance of €. 70 from 1 to 10 June to finalize the application.
After this date will be still possible to apply with an additional fee of 40€.

 

APPLICATION FORM
Name:
Surname:
Date and place of birth:
Address:
City:
Postal code:
Phone:
Mobile:
e-mail:
Applications to the Course:
Level: beginner advanced
Instrument played and preferred tuning:
Practical vocal or instrumental since:
at:
Knowledge of voice / instrument (specify diploma conservatory, regular school attendance courses, private education, autodidact):

Teachers had:

Other musical knowledge:

It allows the processing of personal data in accordance with standards Decree No. 196/2003.
Date:
Signature:
Please send the application form at: ale.matarangolo@gmail.com

off

8° CORSO INTERNAZIONALE DI MUSICA MEDIEVALE – 17/21 luglio 2017

17 Luglio – 21 Luglio 2017
8° CORSO INTERNAZIONALE DI MUSICA MEDIEVALE

Argomento principale dell’ 8° Corso:  Niccolò da Perugia e la musica a Firenze nel Trecento.

 

 

“LA MUSICA DI NICCOLÒ DA PERUGIA”
Ballate, Madrigale e Cacce d’amore di un perugino a Firenze nel XIV secolo.

Alla scoperta della musica di Magister Ser Nicholaus Preposito de Perugia, compositore perugino attivo, soprattutto, a Firenze nella seconda parte del XIV secolo. La sua produzione di opere, che mettono in musica spesso i testi di poeti fiorentini come Soldanieri e Sacchetti, è conservata in 21 ballate, 16 madrigali e 4 cacce, e ci dà un quadro esaustivo della musica del Trecento dimostrando come l’Ars Nova Italiana alterni lo stile alto e basso dell’epoca, tra musica per la corte e musica nel “gusto borghese”.

 

Corsi:
Canto- Patrizia Bovi
Canto corale – Simone Sorini
Liuto – Peppe Frana
Flauti, cennamelle e cornamuse – Goffredo Degli Esposti
Ghironda e Symphonia – Giordano Ceccotti (18-21 luglio)

Viella e ribeca – Gabriele Russo
Alta cappella – Ian Harrison

Percussioni medievali e rinascimentali – Gabriele Miracle (corso intensivo, solo 20-21 luglio)

Corsi di gruppo:

Notazione –
Musica D’insieme per piccoli gruppi – Goffredo Degli Esposti,  Gabriele Russo
Musica D’insieme – Peppe Frana

 

CANTO – Patrizia Bovi

PATRIZIA BOVI, nasce ad Assisi,  avvicinatasi precocemente allo studio della musica, s’iscrive successivamente al Conservatorio Morlacchi di Perugia dove studia canto lirico, in seguito si perfezionerà sotto la guida del M. Sergio Pezzetti.

Patrizia Bovi

Si occupa parallelamente di musica medievale e rinascimentale seguendo seminari sulla vocalità antica, collabora per alcuni anni con Alia Musica di Milano ed è interprete di Monteverdi, Sigismondo d’India e del repertorio italiano del XVI e XVII sec con il gruppo Recitar Cantando di Roma.

Nel 1984, insieme ad Adolfo Broegg, Goffredo degli Esposti e Gabriele Russo, fonda l’ensemble Micrologus, gruppo che lavora sulla ricerca e l’interpretazione della musica medievale, ed insieme realizzano oltre 60 produzioni, 28 cd, concerti e spettacoli in Italia e all’estero.
Nel 1990 entra a far parte del Quartetto Giovanna Marini, e da allora partecipa a tutte le sue creazioni e tournèe.
Dal 2001 al 2003 è in residenza con Micrologus alla Fondazione Royaumont per la realizzazione di un progetto di ricerca insegnamento e produzione su Adam de la Halle, in collaborazione con l’Università della Sorbona, Università di Saint Denis, Università Federico II di Napoli che ha portato al primo allestimento moderno del “Jeu de Robin et Marion” di Adam de la Halle, nella versione integrale e nella lingua originale. Regia di J.F.Dusigne.
Lo spettacolo è stato in tournèe nel 2003 in Francia, Spagna, Italia.
Nel 2004 sempre con Micrologus, è l’artista in residenza per il Flanders Festival-di Anversa: Laus Polyphoniae 2004. Per il festival progetta e dirige lo spettacolo “Festa Fiorentina….per contar di frottole” regia di Maurizio Schmidt, coproduzione europea del Festival delle Fiandre di Anversa, è rappresentato al Festival di Brezice, Estivoce in Corsica, Arezzo “I grandi appuntamenti della musica”, Festival di musica antica di Bruges.

Nel 2006 viene invitata dalla violinista Chiara Banchini per cantare ottave epiche nel suo disco sulle sonate di Tartini, con l’artista si è esibita in concerto in Francia ed in Italia.
Nel 2007 Sidi Larbi Cherkaoui coreografo belga/marocchino le chiede di fare la direzione musicale del suo nuovo spettacolo Myth con repertorio interamente medievale.Produzione congiunta di Toneelhuis di Anversa ,Theatre de la Ville di Parigi,Saddler’s Wells Theatre di Londra, Teatro di Ottawa, Fondazione Musica per Roma, con l’ensemble Micrologus è in scena in tutte le capitali europee, in Canada e negli Stati Uniti.
Dal 2010 al 2012 è in tour con La Cappella della Pietà dei Turchini, diretta da Antonio Florio con i progetti intorno allo Stabat Mater e “Tenebre”. Dal 2010-2015 con la nuova produzione dei coreografi Sidi Larbi Cherkaoui e Damien Jalet : “Babel” si esibisce in Europa,Canada,Stati Uniti, Corea, Giappone, Australia, Nuova Zelanda. Compone ed esegue parte delle musiche per i progetti “4 D”di Cherkaoui e “Play”di Cherkaoui e Shivalingappa. Nel 2012 partecipa al progetto Isole di Beltà dell’ensemble La Fenice. Diretto da Jean Tubery.
Fonda il progetto Medusa nel 2011 per eseguire repertori meno conosciuti, i primi due programmi “Lucrezia la figlia del papa Borgia ” e “Justiniane or l’aer veneziano” su Leonardo Giustinian, e la musica veneziana del XV sec sono stati presentati al festival Oude Musiek Utrecht 2011 e Laus Polyphonie di Anversa nel 2012.
Nel 2014 crea un nuovo programma sulle villanesche e frottole del XV,e XVI sec: “Carnivalesque “ per i 30 anni dell’ensemble Micrologus, il cd viene recensito con il Diapason d’or nel mese di novembre 2014.
Nel gennaio 2015 dirige il progetto: “Three faith one God “ sulle tre religioni monoteiste, con Françoise Atlan e Fadia Tomb El Hage per AMUZ ad Anversa.
Ha presentato la sua ultima ricerca sui cantari quattrocenteschi e sul canto epico narrativo dal XIV al XVIII sec al convegno sulla monodia organizzato dalla Schola Cantorum di Basilea nel dicembre 2011.
Dal 2014 sta eseguendo un dottorato di ricerca sulla prassi esecutiva di alcuni repertori vocali del ‘400 all’Università di Leiden, in seno al progetto europeo Docartes.
Dopo aver messo a punto un metodo d’insegnamento relativo al canto medievale in rapporto anche ad alcuni repertori di tradizione orale, collabora con diverse istituzioni europee tra le altre la Fondation Royaumont di Parigi, ad un progetto internazionale sull’insegnamento della musica medievale. Tiene regolarmente seminari e master class in Italia presso il Centro Studi europeo di musica medievale Adolfo Broegg e all’estero e viene invitata nelle giurie di prestigiosi concorsi europei.
Nel 2008 è stata insignita del titolo Chevalier des Arts et des Lettres dal Ministro della cultura
francese.
Ha registrato con Opus 111, Naive, Sony, Harmonia Mundi, Astrèe Auvidis, Alpha,ORF,Zig Zag Territoires.

 

CANTO CORALE – Simone Sorini

Simone Sorini, laureato in musicologia, svolge la sua attività di filologo e ricercatore – rivolta per molti anni in modo particolare ai repertori musicali riferibili al ducato dei Montefeltro e dei Della Rovere di Urbino, a seguito della quale ha progettato e realizzato con Bella Gerit, di cui è fondatore e coordinatore musicale, tre opere discografiche – ora coronata dal completamento della monografia su un importante autore fiammingo del tardo rinascimento di cui si erano perse le tracce; il volume, dal titolo “L’Opera Sacra di Leonard Meldert” contiene, oltre a parte delle sue trascrizioni in notazione moderna delle opere Sacre italiane del Maestro ritrovate, anche notizie biografiche, nuove ipotesi interpretative relative ai repertori dell’epoca, e studi sulle relazioni con altri musicisti dell’epoca.

Simone Sorini

Grazie a questo studio è entrato anche a far parte dei “contributor” del New Grove, la più grande enciclopedia della musica e dei musicisti, oggi disponibile anche in rete.

Avendo studiato canto con diversi maestri in Italia e in Europa, possiede oggi una tecnica vocale unica che gli permette di ottenere un suono acuto tenorile pieno, brillante e naturale.

Il suo stile vocale non accademico ed  immediatamente  riconoscibile, che lo ha reso un punto di riferimento per gli interpreti di musica antica, è  molto  apprezzato  in Europa, dove si è esibito nei più importanti teatri e festivals tra i quali Temporada Gulbenkian di  Lisbona,  Early  Music Festival  di Boston, Saison Musicale à Royaumont, Early Music Weekend di Londra, Stockholm Early Music Festival, Festival Van Vlaanderen di Anversa, Festival Baroque di Pontoise, Copenhagen Renaissance Music Festival.

Polistrumentista, ha nel corso degli anni affinato una conoscenza approfondita degli strumenti medievali e rinascimentali a plettro, di cui ne possiede alcune decine – tutti ricostruiti in base alle antiche iconografie – anche grazie allo studio con il compianto M° Adolfo Broegg.

Versatile interprete dei repertori liutistici dal medioevo al primo rinascimento, si esibisce da solista utilizzando i suoi strumenti per accompagnarsi nel canto, riportando così in luce l’antica professione del Cantore al liuto, definizione storica attribuita spesso anche a Francesco Petrarca, ma propria di musici e compositori italiani a partire dalla fine del ‘400.

E’ direttore del gruppo corale Narnia Cantores, un ensemble vocale a voci miste dedito all’esecuzione di repertori medievali – ed in particolare alla riscoperta e diffusione di quelli di ambito locale – che si avvale anche di strumenti a corde, tamburi e percussioni ricostruiti in base alle antiche iconografie.

Tiene corsi di formazione al canto e stages, ed ogniqualvolta possibile conferisce alle sue esibizioni anche un’impronta didattico – culturale.

La sua enciclopedica conoscenza di stili e generi dalla musica medievale a quella moderna, insieme alla sua innata vocazione musicale, lo portano all’elaborazione di originali e particolari progetti di contaminazione tra mondo antico e contemporaneo, dove strumenti antichi dalle sonorità inusitate ed evocative dialogano con strumenti elettrici e digitali.

Frutto di tale ricerca la sua ultima creazione, OPUS, concerto/spettacolo di produzione italo-francese ispirato all’alchimia, andato in scena a Pigna (Corsica) nell’estate 2013, di cui nuove rappresentazioni sono andate in scena al Lunatica Festival di Massa Carrara ed al Grey Cat Festival di Grosseto nell’estate 2014.

Sempre in tale ambito ha anche ideato e realizzato con Bella Gerit lo spettacolo multimediale “De Divina Proportione” andato in scena al Ravenna Festival 2011, occupandosi anche della parte di ricerca musicologica e storica.

Ha cantato e suonato in oltre 30 registrazioni edite da Sony, Stradivarius, Alpha, K617, che hanno ricevuto in Francia prestigiosi riconoscimenti come “Diapason d’or” e “Choc de la musique”.

Ha partecipato al tour mondiale di Myth, l’opera di Sidi Larbi Cherkaoui, e si è esibito, oltre che in Europa, in Mexico, Canada, Russia, Bulgaria, Syria, Stati Uniti.

Specialista in repertori medievali e rinascimentali, è stato anche interprete di ruoli principali in opere di Vivaldi, Monteverdi, Albinoni, Mozart. Ha cantato e registrato per Radio France Musique, Radio Osterreich1, RAI Radiotelevisione Italiana, SBS Radio Sidney.

 

CORSO DI LIUTO MEDIEVALE – Peppe Frana

Il corso si propone di fornire elementi per un’ipotesi di prassi esecutiva per strumenti a plettro nei repertori vocali e strumentali del XIV secolo.

La didattica comprenderà elementi tecnici, posturali, uso delle figure di plettro per l’articolazione del fraseggio, uso ritmico e melodico dei bordoni nella monodia, tecniche di ornamentazione, esercizi per l’uso consapevole e funzionale degli abbellimenti, elementi di contrappunto, notazione, teoria modale, iconografia medievale e organologia.

Il repertorio affrontato verrà comunicato con precisione agli studenti con anticipo, sarà tuttavia possibile sottoporre al docente qualsiasi repertorio medievale di interesse personale.

Peppe Frana nasce a Salerno il 19 ottobre 1986.

Peppe Frana

Appassionatosi in giovane età al rock d’oltreoceano e oltremanica, diventa presto l’incubo dei migliori insegnanti di chitarra elettrica del circondario.

Ventenne viene folgorato dall’interesse per le musiche modali extraeuropee attraverso la musica di Ross Daly e intraprende lo studio dell’oud turco e di altri cordofoni a plettro durante frequenti viaggi in Grecia e in Turchia, dove frequenta alcuni tra i più rinomati maestri: Yurdal Tokcan, Omer Erdogdular, Murat Aydemir, Daud Khan Sadozai, Ross Daly stesso.
Dall‘incontro con i membri dell’Ensemble Micrologus scaturisce l’interesse per la musica del medioevo europeo e per il liuto a plettro, di cui diventa presto uno dei più apprezzati solisti e insegnanti, specializzandosi nel repertorio trecentesco Italiano.

Dal 2013 studia liuto medievale presso la Schola Cantorum Basilensis sotto la guida di Crawford Young, inaugurando la sua prima esperienza di studio musicale accademico.
È laureato con lode in filosofia presso l’Istituto Universitario “L’Orientale” di Napoli.
Collabora stabilmente con molteplici artisti e progetti musicali nell’ambito della musica antica, orientale ed extracolta tra cui ricordiamo: Ensemble Micrologus, Ensemble Calixtinus, Ensemble Ambragrigia (Marco Ferrari, Fabio Tricomi, Peppe Frana), La Contraclau, Cantsiléna, Ensemble Bahar, Mosè Chiavoni, Vinicio Capossela, svolgendo una florida attività concertistica nei più prestigiosi festival italiani ed internazionali.

 

 

 

FLAUTI, CENNAMELLE  E CORNAMUSE – Goffredo Degli Esposti

GOFFREDO DEGLI ESPOSTI è un musicista umbro, specializzato nella ricerca e nella esecuzione della musica antica e tradizionale con gli strumenti a fiato.

Goffredo Degli Esposti

Diplomato in flauto e flauto dolce, e specializzato in flauto traverso barocco, ha seguito corsi di perfezionamento con Susan Milan, Andras Adorjan, Gustav Sheck, Mario Ancillotti, Bartold Kuijken, René Clemencic e i Corsi di Musica Medievale presso il Centro Studi dell’Ars Nova Italiana di Certaldo.

Ha iniziato l’attività concertistica nel 1980; co-fondatore dell’ENSEMBLE MICROLOGUS, ha tenuto concerti sia in Italia che all’estero (Argentina, Austria, Australia, Belgio, Brasile, Bulgaria, Canada, Danimarca, Estonia, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Grecia, Marocco, Messico, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Russia, Spagna, Svizzera, Slovenia, Ungheria, USA), suonando per i maggiori Festival di Musica Antica; inoltre, ha effettuato registrazioni discografiche, radiofoniche e collaborato per musiche di teatro e cinema (tra cui, la colonna sonora del film “Mediterraneo”). Il suo entusiasmo e la capacità di suonare vari strumenti della tradizione mediterranea (flauti dritti,  traversi e obliqui, oboi popolari, cornamuse e zampogne) lo hanno portato a realizzare diverse esperienze musicali, collaborando con i Fratelli Mancuso, Ambrogio Sparagna, Giovanna Marini, Sonidumbra, i “Tamburi del Vesuvio” di Nando Citarella, Tetraktis Percussioni, Daniele Sepe, Vinicio Capossela, Heloise Combes.

Ha tenuto Seminari e Corsi  in varie Scuole europee: a “la Citè de la Musique” di Parigi, a l’Abbaye de Royaumont in Francia, a Jeroslaw in Polonia,  all’Istituto superiore di Studi musicali “Briccialdi” di Terni, ai Corsi Internazionali di Musica Antica di Urbino e di Copenhagen. E’ stato Direttore della Scuola di Musica Medievale D’UAM di Assisi dal 2008 al 2012. Dal 2010 è Direttore Artistico del Festival “Spello Splendens”.

Ha registrato 28 CD di musica medievale per Quadrivium, Stradivarius, Fonit Cetra, Zig-Zag Territoires e Opus 111 (di cui due premiati con il “Diapason d’Or de l’Annèe”), e 12 CD di musica tradizionale e di sperimentazione per Ricordi, Penta Music, SudNord Record, BMG, Il Manifesto e Alphamusic.

 

 

GHIRONDA E SYMPHONIA – Giordano Ceccotti (18-21 luglio)

Giordano Ceccotti mostra fin da piccolo una certa inclinazione ed un grande interesse per la musica.
Si diploma come “maestro d’arte” presso l’Istituto Statale “B. Di Betto” di Perugia.

Giordano Ceccotti

Entra a far parte di un ensemble di musica medievale in qualità di viellista che lo porterà quindi in contatto con alcuni elementi dell’ensemble Micrologus dando così inizio ad una lunga serie di collaborazioni.

Dopo aver stazionato in diversi gruppi musicali locali, nel 1998 fonda l’ensemble Laus Veris con cui si esibisce in molti tra i più importanti festival e feste storiche italiani e internazionali.
Partecipa al “XXVII Rencontres internationales de luthiers et maîtres sonneurs” di Saint Chartier, in Francia, dove aderisce allo stage di ghironda con J-F. “Maxou” Heintzen, e più tardi si iscrive allo stage sul violino francese e occitano con Gabriele Ferrero.
Liutaio dal 1999 al momento sta affrontando un’intensa ricerca iconografica sugli strumenti musicali del centro Italia tre-quattrocentesco e su altri strumenti antichi ancora esistenti, prestando particolare attenzione alle tecniche e ai materiali di costruzione, allo scopo di riprodurre tali strumenti in scala reale. Questa sua intensa ricerca, in particolare, lo porta alla scoperta di un’immagine raffigurante una nyckelharpa del primo ‘400 senese. Fotografata e spedita al musicologo svedese Per-Ulf Allmo, confrontata con altre immagini, essa è risultata come una tra le più antiche in Italia e Svezia. Ciò permetterà a Giordano Ceccotti e ad alcuni suoi colleghi di ottenere consensi positivi da parte dell’Istituzione Svedese per la creazione, a Forlimpopoli, della prima Scuola Internazionale di Nyckelharpa, sotto la guida dell’insegnante Marco Ambrosini degli Oni Wytars.
Ripropone vielle, ribeche, lire da braccio, ghironde, liuti, salteri, chitarrini e ogni forma di strumento a corda ripreso da iconografia e collabora nei suoi studi con musicisti di fama internazionale.
Alcuni suoi strumenti compaiono inoltre negli ultimi lavori dell’ensemble Micrologus, e in altri album di ensemble italiani e non (francesi, svizzeri, tedeschi, americani, austriaci, canadesi) e nel campo moderno, in “Ho un sogno” di Anna Oxa e “Kronomachia” di Daniele Sepe.
Negli ultimi anni si è dedicato alla costruzione di strumenti elettrici anche solid body riproponendo versioni moderne di strumenti antichi o tradizionali come ghironde, viole da gamba, mandoloncelli, oud, mandole, ecc..
Ha frequentato numerosi corsi ad esempio di violino irlandese presso il maestro Marco Fabbri di Roma e della ghironda con Stéphane Durand, Valentin Clastrier, tra i musicisti più illustri nel campo della musica tradizionale francese e moderna.
Consegue il diploma di Maestro liutaio e archettaio presso la Scuola di Maestri liutai di Gubbio.
Frequenta lezioni di lira da braccio con Igor Pomykalo.
Fra le diverse collaborazioni ricordiamo “BandaAntica La Pifarescha”, Micrologus, Aquila Altera, Centro Studi Adolfo Broegg, dove insegna ghironda e symphonia.
E’ ghirondista e violinista del gruppo di musica tradizionale francese “Cantalusa”.
Tra la sua discografia: “Tempus Transit” (2000), con l’ensemble Aquila Altera e il coro aquilano Cantrici di Euterpe; “Canti di Maggio” (2004), una raccolta delle musiche facenti parte della storia del Calendimaggio di Assisi; “La dolçe vista” (2006), incisa con la sua formazione, l’ensemble Laus Veris, in collaborazione con il Fiffaro Consort e Bella Gerit; “Nuptiae factae sunt” con l’ensemble Bella Gerit; sempre con il suo ensemble, “L anima e ‘l core” (2007), “Orsu su car signori” (2008) e “Pinturicchio Musicam Pinxit” (2009); “ Dolce lo mio drudo” (2013) con l’ensemble Aquila Altera; “Io ti canto, ti racconto” (2007), DVD dedicato alla prematura scomparsa di Adolfo Broegg; nel campo della musica tradizionale, “Deragliamenti” (2006), con il cantautore Massimo Liberatori e “Sonate con ghironda” (2010), progetto del chitarrista Fabio Barili.

 

 

VIELLA E RIBECA – Gabriele Russo

GABRIELE RUSSO nasce a Foligno (Perugia) il 2 maggio 1959. Si avvicina alla musica sin da piccolo frequentando corsi di violino presso la Scuola Comunale di Foligno.Dopo un’interruzione di alcuni anni, in età adolescenziale inizia varie esperienze come chitarrista. Questa nuova attività musicale, lo spinge a riprendere il violino e gli studi classici presso il Conservatorio di Perugia, nel quale rimarrà alcuni anni.

E’ in questo periodo (’83/’84) che, grazie all’incontro con Adolfo Broegg e Goffredo degli Esposti, già membri di un gruppo di musica medievale, inizia a scoprire la musica e gli strumenti delle tradizioni del mondo.

Gabriele Russo

La progressiva acquisizione di tecniche esecutive di vari strumenti ad arco della tradizione europea e non (lira calabrese, rebab, violino tradizionale etc.) gli consentirà, oltre alla intensa attività concertistica svolta con l’Ensemble Micrologus, di collaborare con alcuni gruppi di musica d’autore quali i Fratelli Mancuso, con i quali ha inciso un CD sulla musica tradizionale siciliana, con Ambrogio Sparagna, con Massimo Liberatori, con Raffaello Simeoni.

Da ormai dieciassette anni è anche componente fondatore del gruppo di musica Sonidumbra, con il quale condivide la passione per la cultura della tradizione Umbra, riproponendo, anche in chiave moderna, un repertorio musicale che altrimenti andrebbe perduto. Sonidumbra ha inciso due CD: “Festa Umbra” e “Filomè”.

Oltre a questa attività concertistica ha eseguito, in collaborazione con gli altri musicisti del Micrologus, alcune importanti colonne sonore di Film Italiani quali “Ragazzi fuori” di Marco Risi, “Mediterraneo” di Gabriele Salvatores, premio Oscar come miglior film straniero ’92, “Silenzio si nasce” di Giovanni Veronesi.

Al suo attivo sono anche la realizzazione di alcune colonne sonore per cortometraggi sulla figura di S. Francesco e S. Chiara di Assisi e su Giotto, nonché musica per spettacoli di danza contemporanea e altre produzioni.

 

 

ALTA CAPPELLA – Ian Harrison

 

Ian Harrison, da Newcastle upon Tyne, aveva nel suo bagaglio solo Northumbrian bagpipe quando ha lasciato l’Inghilterra per studiare cornetto, shawm e la pratica di performance storica presso la Schola Cantorum Basiliensis. Combinando le tecniche tradizionali, la virtuosità barocca e un’enorme conoscenza delle fonti musicali medievali, ha sviluppato un nuovo stile, definendo nuovi standard e diventando l’innovatore più importante in Europa sugli strumenti come shawm, bagpipes medievali e rinascimentali. La stampa internazionale lo ha nominato “Miles Davis of Early Music”. È direttore di Les haulz et les bass, “la migliore banda medievale di strumenti a fiato”.

La sua musica originale, improvvisata e virtuosa ha vinto premi al Bruges Early Music Festival, ai Rencontres des Maitres Sonneurs, a St. Chartier e  vari riconoscimenti pop e rock in Germania.

 

 

 

 

 

 

 

CORSO DI PERCUSSIONI MEDIEVALI E RINASCIMENTALI (corso intensivo. 20-21 luglio)

Il corso affronterà lo studio delle percussioni suonate con l’ausilio delle bacchette, come i naqqara e il tamburo rinascimentale.

Verranno analizzate le tecniche costruttive, le fonti filologiche, la tecnica strumentale e i ritmi.

 

Gabriele Miracle Diplomato in strumenti a percussione al Conservatorio di Perugia ha iniziato da subito ad interessarsi alla musica antica. Ha collaborato con Ensemble Micrologus, Cappella della Pietà dei Turchini, Pino de Vittorio, I Barocchisti di Diego Fasolis, Pierre Pitzl, Magdalena Kozena, Cecilia Bartoli, Angelo Branduardi, Soqquadro Italiano, La Pifarescha, I Bassifondi di Simone Vallerotonda.

Dal 2007, in qualità di strumentista, compositore e arrangiatore collabora regolarmente con la compagnia di danza contemporanea Eastman di Sidi Larbi Cherkaoui.

 

 

 

 

 

ARTICOLAZIONE DEL CORSO
MATTINA: ore 9,00- 13,00 Corsi principali
PAUSA PRANZO ore 13,15-14,45
POMERIGGIO: ore 15,00 – 19,00 Corsi complementari teorici
ore 15,00-16,30 Notazione e Conferenze
ore 17,00-19,00 Musica d’Insieme, Musica d’Insieme per tutti
SERA: serate musicali a sorpresa, in vari luoghi della città di Spello (programma in preparazione)

Solo per Lunedì 17
MATTINA
ore 11:00 – 13:00 completamento iscrizioni e pagamento quote di frequenza
PRANZO ore 13,15-14,45
POMERIGGIO – ore 15:00 – 19:00 Corsi principali

 

Lunedì 17 luglio, ore 19,00

Conferenza di Antonio Calvia su Niccolò dal Preposto e presentazione del suo volume dell’Opera Completa

 

Giovedì 20 luglio, ore 15,00

Conferenza di Sara Maria Fantini

Stella mi doni lume: per un’indagine delle relazioni intertestuali tra Nicolò del Preposto e Lorenzo da Firenze.

Nella seconda metà del Trecento, Firenze diviene il centro di maggior rilevanza per lo sviluppo delle novità formali e stilistiche proprie dell’Ars nova, ruolo che le spettava già, in ambito letterario, sin dall’epoca di Dante. Un clima culturale tanto vivace, collocato in un contesto storico-politico piuttosto movimentato (sono i decenni centrali dello scisma avignonese), non poteva che favorire lo sviluppo di una letteratura fortemente allusiva, in cui la polemica “d’attualità” risulta abilmente celata dietro il velo dei consueti topoi della poesia d’amore. Poeti e compositori – spesso le due figure coincidono – operano quasi sempre in ambito ecclesiastico: un punto d’osservazione privilegiato per seguire, e commentare, le vicende dei potenti, in uno scambio costante di idee, immagini, suggestioni letterarie e musicali. È l’ambiente in cui prendono vita le opere di Nicolò del Preposto e – probabilmente con qualche anno d’anticipo – Lorenzo da Firenze; quest’ultimo, didatta e compositore dallo stile unico e innovativo, costituirà un esempio imprescindibile per i musici della sua generazione e non solo. Dallo studio del corpus laurenziano emerge lo stretto contatto con alcuni dei maggiori poeti dell’epoca, ben noti a Nicolò: Soldanieri, Sacchetti, Boccaccio e Petrarca. La presenza di un patrimonio culturale condiviso emerge nella fitta rete di richiami intertestuali che connette le opere dei due compositori: in questo breve excursus si tenterà di individuarne la trama sottile, con l’orecchio teso a cogliere l’eco dell’opera laurenziana in Nicolò, e viceversa.

 

COSTI:
Corso di canto/strumento: 350€
Corso di percussioni: 120€
Ghironda: 290€

Canto corale: 250€

(i costi sopra includono il PRANZO: 2 menu a scelta completi – vegetariano e no; non includono CENA e ALLOGGIO)

Solo Musica d’Insieme per tutti: 100€
Solo materie teoriche complementari: 80€

2° Corso frequentato: 190€

COSTI PER I GRUPPI (minimo 3 membri):

Corso di canto/strumento: 300€
Ghironda: 250€
(i costi includono il PRANZO: 2 menu a scelta completi – vegetariano e no; non includono CENA e ALLOGGIO)

Solo Musica d’Insieme per tutti: 80€
Solo materie teoriche complementari: 70€

2° Corso frequentato: 170€

Convenzione con ALBERGHI

Alloggio a 25€ per notte nei giorni del Corso (possibile anche domenica 16 luglio), con inclusa colazione (abbondante), in camere da 3 o 4 letti, presso i seguenti alberghi (3 e 4 stelle):
La Bastiglia
La Corte del Conte
Residence San Jacopo
Palazzo Bocci

Ristoranti con sconto del 15%.
La Bastiglia
Drimking wine
Il Pinturicchio
Il Frantoio
Il Buchetto
Mamafò
Il Molino

Osterie/ristoranti consigliati con menù turistico:
Osteria Da Dadà
Caffè Cavour

TERMINE ISCRIZIONI: 10 GIUGNO

PROMOZIONE: SCONTO DEL 10% PER CHI SI ISCRIVE ENTRO IL 25 MAGGIO.

TERMINE ISCRIZIONI per poter usufruire convenzione con ALBERGHI: 25 maggio

Per favore, si prega di versare un acconto di 70€  dal 1 al 10 giugno.
Dopo questa data sarà possibile iscriversi con un supplemento di 40€.

 

Per iscriversi copiare e compilare questo MODULO D’ISCRIZIONE:

Cognome:                                                   Nome:

Data e luogo di nascita:

Residente in:

Città:                                 CAP:

Cell.:

E-mail:

Richiesta di iscrizione al Corso di:

Strumenti musicali utilizzabili per il Corso (modello e tono di accordatura):

Pratica vocale o strumentale dall’anno: presso:

Conoscenza della voce/dello strumento (specificare possesso di diploma di Conservatorio,

frequenza corsi regolari scuola comunale, insegnamento privato, autodidatta):

Insegnanti avuti:

Altre conoscenze musicali:

Si concede l’autorizzazione al trattamento dei dati personali secondo le norme del Dlgs 196/2003.

Data e Firma

Per favore, inviarlo via mail a: ale.matarangolo@gmail.com

off