Ghironda

25-28 luglio 2016: 7° CORSO INTERNAZIONALE DI MUSICA MEDIEVALE

25 – 28 Luglio 2016

7° CORSO INTERNAZIONALE DI MUSICA MEDIEVALE

CENTRO STUDI EUROPEO DI MUSICA MEDIEVALE “ADOLFO BROEGG”, Spello (PG), Italia

Tema del 7° Corso:

Le ballate del Trecento italiano e l’Ars Nova di Antonio Zàcara da Teramo.

Zacara image

Il programma del 7° Corso Internazionale di Spello vede lo studio delle ballate di vari autori fiorentini e di anonimi del Trecento Italiano, insieme alle altre forme di danza. In particolare si andrà alla riscoperta dell’arte musicale di Antonio Zàcara da Teramo, cantore dell’Antipapa, vissuto tra la fine del XIV sec. e l’inizio del XV, di cui questo anno ricorre il 600° anno della morte (1416). Accanto alle musiche di Zacara ci saranno le composizioni profane di Gherardello da Firenze, Lorenzo da Firenze, Donato da Firenze e di Francesco Landini.

Il 7° Corso questo anno avrà una edizione straordinaria; infatti, dal 25 al 28 Luglio, a Spello, ci saranno solo i Corsi pratici, mentre, dal 26 al 28 Agosto, ci si ritroverà a Teramo, in Abruzzo, dove, si svolgerà, sotto la Direzione Scientifica di Francesco Zimei, lo “Zacara Triduum” – European paths to celebrate a protagonist of early European music -, un Festival con Conferenze, Masterclass, Concerti, con la partecipazione di 3 importanti gruppi internazionali: Micrologus (Italia), Currentes (Norvegia) e Leones (Austria).

Il programma del 7° Corso Internazionale di Spello, oltre che sulle ballate fiorentine, si concentrerà sulla musica di Zacara, le cui composizioni sono, spesso, di notevole complessità, e comunque di esperta elaborazione, con un gusto spiccatamente italiano e uno stile molto preciso: la musica profana tratta dal Codice Mancini di Lucca, con le ballate a 2 e 3 voci e l’unica caccia (dal Codice Squarcialupi di Firenze); le versioni strumentali con le diminuzioni delle composizioni vocali provenienti dal Codice di Faenza, e alcuni esempi di musica utilizzata nella cappella papale, un Credo e un Gloria, primi documenti italiani di messe parodia provenienti dal Codice Q 15 di Bologna.

Nei Corsi Ordinari è possibile studiare, oltre le musiche selezionate, anche altro repertorio a piacere del Trecento italiano.

 

CORSI

Canto/Canto corale – Simone Sorini

Liuto – Peppe Frana

Flauti, cennamelle e cornamuse – Goffredo Degli Esposti

Ghironda e Symphonia – Giordano Ceccotti

Tamburello tradizionale – Francesco Savoretti

Viella e ribeca – Gabriele Russo

Alta cappella – Ian Harrison

CORSI POMERIDIANI:

Musica D’insieme (piccoli gruppi e orchestra) – Goffredo Degli Esposti, Peppe Frana, Gabriele Russo, Simone Sorini (coro), Ian Harrison (alta cappella), Giordano Ceccotti (strumenti a bordone)

 

 

ARTICOLAZIONE DEL CORSO (25 – 28 luglio)

Il 7° CORSO INTERNAZIONALE inizierà il pomeriggio del 25 luglio.

MATTINA (26-28 luglio): Corsi

POMERIGGIO: Corsi principali, Musica d’Insieme (piccoli gruppi e orchestra)

SERA: serate musicali a sorpresa, in vari luoghi della città di Spello (programma in preparazione).

Saggio finale sera del 28 luglio.

 

COSTI:

Corso di canto/strumento: 200€

Corso di percussioni: 150€

2° Corso frequentato: 130€

COSTI PER I GRUPPI (minimo 3 membri):

Corso di canto/strumento: 180€

 

PROLUNGATO IL TERMINE ISCRIZIONI: 15 maggio

Dopo questa data sarà possibile iscriversi con un supplemento di 40€.

 

Per iscriversi copiare e compilare questo MODULO D’ISCRIZIONE:

Cognome:                                                   Nome:

Data e luogo di nascita:

Residente in:

Città:                                 CAP:

Cell.:

E-mail:

Richiesta di iscrizione al Corso di:

Strumenti musicali utilizzabili per il Corso (modello e tono di accordatura):

Pratica vocale o strumentale dall’anno: presso:

Conoscenza della voce/dello strumento (specificare possesso di diploma di Conservatorio,

frequenza corsi regolari scuola comunale, insegnamento privato, autodidatta):

Insegnanti avuti:

Altre conoscenze musicali:

Si concede l’autorizzazione al trattamento dei dati personali secondo le norme del Dlgs 196/2003.

Data e Firma

Per favore, inviarlo via mail a

gabrielerusso@micrologus.it e gabrielerusso59@gmail.com

0

3-6 agosto 2015: STAGE DI GHIRONDA con Stéphan Durand

Stage di Ghironda – Dal 3 al 6 agosto 2015 al Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg” di Spello, a Spello, nella Chiesa di Santa Maria della Consolazione di Prato, uno stage di ghironda tenuto dal Stéphane Durand, personaggio di spicco in Francia, nell’ambiente della musica tradizionale.

La ghironda (o gironda, in francese vielle à roue, in inglese hurdy gurdy) è uno strumento musicale a corde di origine medievale; alla base del funzionamento dello strumento c’è una ruota di legno, coperta di pece e azionata da una manovella, che sfrega le varie corde: i cantini, i bordoni e la trompette; i cantini sono controllati da una tastiera e realizzano la melodia, i bordoni producono un suono continuo, la trompette produce invece un caratteristico suono ronzante.

La direzione artistica è di Giordano Ceccotti, musicista e liutaio di Assisi, in collaborazione con il Centro Studi.

Per l’occasione sarà possibile visitare la Mostra di “Liuti e strumenti a corda dal Medioevo ai nostri giorni“, dalla collezione di Adolfo Broegg (1961-2006), con ingresso libero.

La sera, musica libera per le piazzette di Spello.

Stéphane Durand

Nato nel 1973, inizia a studiare la ghironda nel 1985. Vince diversi concorsi, tra cui il primo premio al “Festival International de St. Chartier” (dipartimento dell’Indre) per la categoria ghironda nel 1995 e fa parte della commissione per ben 8 anni. In seguito suona in un energico duo di ghironde chiamato Machiavel con cui registra un CD live durante il festival “De bouche à Oreille” di Parthenay aprendo il concerto di Valentin Clastrier (agosto 1996). Le sue capacità si consolidano nel corso degli anni con Le Terminus, un gruppo di concerto da ballo. Ma investe le proprie energie soprattutto nella creazione del gruppo Tapage nel 1997, con cui si esibisce per cinque anni in Francia e all’estero. Registra due album, il secondo dei quali viene distribuito da “L’Autredistribution”. Nel luglio del 2000 partecipa al concerto organizzato da Gilles Chabenat in occasione dei 20 anni del festival di St. Chartier, salendo sul palco “grande scène” in compagnia di numerosi solisti e del trio jazz di Denis Badault (ex direttore dell’Orchestre National de Jazz). Questa esperienza verrà ripetuta con successo sul prestigioso palco di Châteauroux (Equinoxe) nel novembre del 2000. Parallelamente dà vita a stage di ghironda in Francia e all’estero, dove il suo stile e la sua tecnica avanzata sono particolarmente apprezzati. In seguito, grazie ad effetti sempre più personali e utilizzando la sua ghironda elettroacustica, moltiplica le proprie esperienze, improvvisando ad esempio con un batterista in un lungometraggio proiettato davanti la cattedrale di Orléans in occasione del festival “Images Imaginées” (agosto 2002). Infine, gli viene chiesto di improvvisare come solista per accompagnare lo spettacolo pirotecnico del 14 luglio 2003 ad Orléans, come aveva fatto prima di lui l’organettista Arnaud Méthivier, con cui organizza l’evento. Dopo due anni di progetti e preparativi, sceglie degli esperti musicisti di Orléans per formare il suo nuovo gruppo, con il quale decide di registrare e produrre il suo album: COSMIC DRONE. Da allora, le sue esibizioni sul palco non mancano di sorprendere il pubblico, grazie soprattutto ad una tecnica sempre più moderna e originale: il Trio MaÏkovski per il Jazz Bourgogne 2005, il Duo ghironda-chitarra con Régis Savigny (membro del gruppo Gregsky) e, per finire, il concerto solista “ElectroRotation”! In quest’ultimo concerto, Stéphane sviluppa nuove composizioni, integrate dalla costruzione di loop musicali registrati in diretta e dall’utilizzo di effetti, facendoci conoscere il suo personalissimo universo musicale. Discografia: Machiavel , edizione Amta 1997. Tapage, (volume 1) edizione Amta 1997. Le Terminus, autoproduzione / studio Blatin,1998. Tapage “Partage Nocturne”, (vol. 2) studio Blatin, distribuito da “L’Autredistribution”, 2000. COSMIC DRONE , autoproduzione, studio Polygone (Toulouse), 2003.

Stéphane Durand  www.cosmicdrone.com

0
  • 0.000000lag
  • 0.000000lag

Archivio