Primo piano

Masterclass con Guillermo Pérez – 7-9 Novembre 2014

 

7-9 Novembre 2014

Il tema di questa sessione di studio sarà l’evoluzione del mottetto medievale dal ‘200 al ‘400. Sarà inoltre possibile sottoporre al docente qualsiasi brano medievale di interesse personale nelle sessioni individuali, che saranno alternate allo studio collettivo teorico e pratico del suddetto repertorio. Una porzione del seminario si concentrerà sugli aspetti tecnici legati all’Organetto Portativo.

Venerdì 7 Novembre

17.oo-19.00

Sabato 8 Novembre

10.00-13.00

15.00-18.00

Domenica 9 Novembre

10.00-13.00

15.00-18.00

 

Le date per il secondo incontro verranno annunciate durante il seminario

 

Costo iscrizione:  180€, 120€ (uditori)

Informazioni e iscrizione: info@centrostudiadolfobroegg.it

 

(En)

The main subject of this particular session will be the evolution of medieval Motets from XI to XV century. It will be also possible to work on every medieval repertoire of personal interest during the individual sessions. Apart from those and the collective lessons about Motets, a portion of the seminar will be dedicated to the technical aspects regarding the Portative Organ.

Schedule:

Friday 7 November

17.oo-19.00

Saturday 8 November

10.00-13.00

15.00-18.00

Sunday 9 November

10.00-13.00

15.00-18.00

Guillermo Pérez

Born in Barcelona (Spain), musical director and researcher, Guillermo Pérez is an internationally recognized organetto player developing an unusual career in the field of early music. His interest in the instrumental repertoires from the 14th and 15th centuries led to the foundation and artistic direction of Tasto Solo.

During the past teen years he has been working regularly with prestigious specialized ensembles including Mala Punica, Micrologus, The Unicorn Ensemble and Diabolus in Musica, recording awarded CDs for Naïve, Ricercar, Zig-Zag Territoires, Passacaille, Aeon, RaumKlang, Ligia and Pneuma labels as well as for radio broadcasting and television. He has performed in most part of European festivals and concerts venues.

Living in France since 2002 he’s currently teaching medieval music and organetto performance in Toulouse-Le Miral University and the Centre Itinérant de Recherche sur les Musiques Anciennes in Moissac. As a fellow of the Güell Foundation he follows the programme “Ars Nova in Europe” researching and preparing new articles about the Robertsbridge, Buxheimer and Lochamer manuscripts. He also lectures and offers workshops at main institutions including the Schola Cantorum Basiliensis, Vienna, Moscow and Orsay Conservatoires, Academia de Órgano Julián de la Orden, Essen Folkwang Universität der Künste, Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg…

At present, Guillermo Pérez is developing new soloist projects, working on late medieval keyboard schools and expanding the organetto repertoires until the early Renaissance period

Student fee:  180€, 120€ (listeners)

Informations and application: info@centrostudiadolfobroegg.it

 

0

V° Corso Internazionale di Musica Medievale – La musica polifonica alla Corte Aragonese di Napoli – 28/07-02/08 2014

 

 

 

 

 

 

Programma giornaliero – Daily Schedule

 

(English Below)


“La musica polifonica alla Corte Aragonese di Napoli (sec. XV)”

Dal 28 Luglio al 2 Agosto – 2014

 

Durante il Quattrocento la Corte Aragonese di Napoli vantava la principale cappella musicale d’Europa, per numero e qualità dei suoi musicisti, più importante persino di quella di Borgogna. Vi furono attivi compositori come Cornago e Vincenet, mentre Tinctoris scrisse a Napoli tutta la sua opera teorica e, a corte, fiorivano tutti i generi musicali europei (ballate, strambotti e barzellette italiane; canciones spagnole; rondeaux e danze francesi).

Come TEMA DELL’ANNO, il 5° Corso Internazionale esplorerà le sonorità e le atmosfere peculiari di ciascuno dei generi musicali, e la contaminazione degli stili esecutivi, sia colti che popolari, per ricostruire la fedele immagine sonora della Napoli Aragonese.

Per i principianti sarà possibile studiare repertori a piacere.

 

Docenti:

 

Canto solista: Patrizia Bovi

Strumenti ad arco*: Gabriele Russo

Strumenti a fiato**: Goffredo Degli Esposti

Canto corale: Simone Sorini

Liuto: Crawford Young

Arpa: Leah Stuttard

Alta Cappella: Ian Harrison

Ghironda: Giordano Ceccotti

Percussioni: Gabriele Miracle

Danza: Natalie Braker

 

* (viella, ribeca, lira da braccio)

**(flauto dritto , flauto traverso, flauto doppio, flauto e tamburo; cennamella e cornamusa per principanti)

 

Il calendario completo, comprensivo delle materie teoriche complementari, le conferenze e i concerti verrà pubblicato prossimamente

 

Costi allo studente:

 

Corso di canto/strumento: 380€

Corso di percussioni: 240€

Danza: 240€

Solo materie teoriche complementari: 180€

 

Costi per ensemble (minimo 3 membri):

 

Corso di canto/strumento: 320€

Corso di percussioni: 200€

Danza: 200€

Solo materie teoriche complementari: 160€

 

 

Termine iscrizioni: 15 Luglio 2014

 

Inscrizione/informazioni: info@centrostudiadolfobroegg.it

+39 334 79 31 560 (Peppe Frana)

 

- ENGLISH -

V° International Medieval Music Course

 

28 July / 2 August – 2014

 

“Poliphonic music in the 15th century Aragonese Naples Court”

 

Based on the quality and number of its musicians, the 15th century Aragonese court in Naples boasted the premiere musical ‘capella’ in Europe, even more important than that of the court of Burgundy. The composers Cornago and Vincenet worked there, while Tinctoris formulated all his theoretical works in Naples. At the court, all types of music known in Europe flourished: ballate, strambotti and barzellette from Italy; canciones from Spain, rondeaux and dances from France.

 

As MAIN SUBJECT, at the 5th International Course, we will explore the sonority and particular atmosphere of each of these genres and the fertile exchanges between formal and popular music that characterized Aragonese Naples.

For BEGINNERS, it will be possible to study free medieval repertory.
Faculty:

 

Solo singing: Patrizia Bovi

Bowed instruments*: Gabriele Russo

Wind instruments**: Goffredo Degli Esposti

Choral singing: Simone Sorini

Lute: Crawford Young

Harp: Leah Stuttard

Alta Cappella: Ian Harrison

Hurdy Gurdy: Giordano Ceccotti

Percussions: Gabriele Miracle

Dance: Natalie Braker

 

*(vielle, rebec, lira da braccio)

**(recorder, traverso, double flute, pipe and tabor; shawn and bagpipes for beginners)

 

The full schedule, comprehensive of complementary theoretical courses, lectures and concerts, will be published soon.

 

Student fee:

 

Singing/Instrument course: 380€

Percussions course: 240€

Dance course: 240€

Theoretical courses only: 180€

 

Ensemble fee (minimum 3 members):

 

Singing/Instrument course: 320€

Percussions course: 200€

Dance course: 200€

Theoretical courses only: 160€

 

Deadline for inscriptions: 15 July 2014

 

Inscription/Informations: info@centrostudiadolfobroegg.it

+39 334 79 31 560 (Peppe Frana)

0

MUSICA E ARTE IN UMBRIA 2014 Renaissance Lute Course in Spello with Crawford Young 11-16 May

spello

Lute music and iconography in paintings of the Italian Renaissance is the focus of an intimate one-week course in the beautiful hilltop town of Spello, near Assisi, at the Centro Studi Europeo musica medievale Adolfo Broegg. Daily private lute lessons (all levels welcome), guided trips to study music iconography in Assisi, Perugia and Monte Oliveto (Siena), and a recital by Crawford Young, are offered within the setting of a virtual paradise of medieval and Renaissance art, Italian cuisine and Umbrian landscape. Ensembles are also welcome for coaching of 16th – 15th – 14th c. repertoire.

PLUS, as an option for those who wish to arrive two-to-three three days early: experience the magic of the world- renowned Kalendimaggio festival of Assisi celebrating the local medieval heritage in an unforgettable three-day competition of historical music drama and pageant.

Where and when: 11 – 16 May 2014 Centro Studi Europeo di musica medievale Adolfo Broegg
Spello, Italy (map)

Tuition: € 600. ($800.) includes daily private lessons, master classes, three guided iconography field trips, concert admission

Accomodation: choose between lower or higher budget options, with or without meals, with or without Kalendimaggio add-on; non-musician partners are welcome.

Travel: organized by participant.

Schedule:

Sun 11: Lute course

Mon 12: Lute course

Tues 13: Iconography trip

Wed 14: Morning Break, Lute Course in the afternoon

Thurs 15: Lute Course

Fri 16: Lute Course

Sat: departures

 

Faculty: Crawford Young

 

How to apply: please send an email to info@centrostudiadolfobroegg.it for further information and an application form.

What a wonderful week – I cannot thank
you enough for hosting this!! (student, Musica e Arte in Umbria 2013)

0

I CONCERTI AL FESTIVAL “SPELLO SPLENDENS 2013″

FESTIVAL “SPELLO SPLENDENS”
IL MEDIOEVO E IL SOFFIO INFINITO DELLA MUSICA IN FESTA

Quarta edizione – Natale 2013

I CONCERTI

Sabato 28 dicembre – Chiesa di Santa Maria Maggiore, ore 21,15

MICROLOGUS (Medievale)
“Nella digna stalla”

Devozione francescana con canti e danze per le feste religiose tra Medioevo e Rinascimento
Concerto con il coro “Spello Splendens”, in coproduzione con il Comune di Spello.

Alla riscoperta – in prima esecuzione moderna – dei repertori vocali e strumentali in uso nel Centro Italia nelle feste religiose di Natale, tra Medioevo e Rinascimento. In particolar modo, abbiamo la testimonianza delle tradizioni spirituali della Città de L’Aquila, inaugurate in modo emblematico e singolare con l’istituzione del Perdono di Celestino V (1294). La speciale prescrizione celestiniana, fatta propria dalle confraternite aquilane, conobbe una nuova fioritura attraverso la predicazione dei francescani osservanti, che dal pulpito o in occasione dei loro spettacoli edificanti furono soliti cantare e far “cantare laude”, spesso basate su canzoni a ballo di grande successo popolare, che in varie occasione si tendeva a danzare. Canti monodici e polifonici accompagnati da alcuni strumenti storici e altri, come le zampogne e i tamburelli, di precisa tradizione popolare.
Inoltre, vi sarà la partecipazione straordinaria di un piccolo coro, in parte già precostituito dall’attività del Centro Studi di Spello e in parte integrato da nuovi coristi.

MICROLOGUS
Patrizia Bovi canto, arpa
Goffredo Degli Esposti flauto e tamburo, zampogna, fl. doppio e fl. dritto
Luca Dellacasa canto e organo portativo
Peppe Frana liuto
Gabriele Russo viella, ribeca
Enea Sorini canto, percussioni

Domenica 29 dicembre – Chiesa di Sant’Andrea, ore 16,30

NARNIA CANTORES (Medievale)
“Legenda translationis Sancti Juvenalis”

Officio Ritmico del Santo Patrono di Narni, del XIII sec., e i più famosi canti natalizi medievali.
Narnia Cantores – Simone Sorini

La vera storia del trafugamento e della traslazione delle reliquie di San Giovenale, primo Vescovo e Patrono di Narni, dalla Cattedrale della Città alla Pieve piemontese di S. Maria del Salice. Il suggestivo racconto, tramandato in un documento dell’Anno Mille, è narrato in musica e parole nel concerto in prima assoluta del gruppo corale Narnia Cantores.
Brani estratti dall’Officium Rythmicum Sancti Juvenalis – un raro documento musicale del primo ‘300 – cadenzati dalla lettura di alcuni passi della “Legenda Translationis”.
Nella seconda parte saranno riproposti alcuni tra i più suggestivi canti Sacri Natalizi e Mariani del Medioevo, dalle Piae Cantiones alle Cantigas de Santa Maria.

NARNIA CANTORES: Caterina Austeri, Francesco Coppo, Pietro Flori, Francesco Fonzoli, Isabella Fuccello, Daisy Gramendola, Daniele Masuadi, Laura Matticari, Anna Mattorre, Elsa Pacelli, Luigino Pasquini, Maria Pilss, Dominic Ronayne, Laura Roscini, Massimo Rossi, Marta Santanicchia, Arianna Svizzeretto, Francesca Troiani, Claudia Viviani.
Direttore: M° Simone Sorini

Lunedì 30 dicembre – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”, ore 21,15

LIRUM LI TRONC (Rinascimentale)
“Villanelle, moresche, canzoni e danze del Rinascimento napoletano”

Le musiche di questo concerto, provenienti da un manoscritto riscoperto da pochi anni, sono eseguite con il più popolare degli strumenti a corde tipici dell’area napoletana in epoca rinascimentale, il colascione, qui, per la prima volta, riproposto in un concerto inedito per la nostra regione, insieme alla sconosciuta sordellina (una zampogna di corte) e il buttafuoco (un salterio a percussione). Con questi particolari strumenti e la pratica dell’arte della variazione/improvvisazione su dei bassi ostinati, Lirum Li Tronc esegue un repertorio di danze italiane, della seconda parte del ‘500 e del primo ‘600, e accompagna il canto di villanelle, canzoni e moresche napoletane.

LIRUM LI TRONC
Goffredo Degli Esposti sordellina e buttafuoco col flauto
Simone Sorini liuto e canto
Mauro Squillante colascione piccolo, medio e grande

domenica 5 gennaio – Teatro Subasio, ore 21,15

ZAMPOGNORCHESTRA (contaminazioni Folk/Rock/Classica/Jazz/Pop)
“Bag to the future”

La Zampognorchestra suona il rock! …e il jazz, la classica, il blues, i Beatles e i Rolling Stones…
Scordatevi per un attimo lo stereotipo dello zampognaro e provate invece a immaginare che quattro musicisti armati di “bagpipe”, invece di intonare le musiche della tradizione natalizia, attacchino con il riff di “Satisfaction” dei Rolling Stones o l’intro di “With a little help from my friends” dei Beatles.
È lo straordinario e originalissimo esperimento di Zampognorchestra: sono riusciti a piegare uno degli strumenti tipici dell’Italia Centro-meridionale, trasformandolo in una vera e propria “orchestra”, tanto atipica quanto irresistibile e trascinante.
BAG TO THE FUTURE alterna composizioni originali e arrangiamenti di brani famosi, in un viaggio sonoro in cui i ritmi e le melodie tradizionali virano verso il rock, il jazz, la musica classica, dando così vita a un incontro di generi e ispirazioni eterogenee, legate insieme da tanto groove, per un impatto travolgente.

ZAMPOGNORCHESTRA
Giuseppe Moffa zampogne
Aldo Iezza zampogne
Antonello di Matteo ciaramelle
Massimiliano Mezzadonna ciaramelle

Lunedì 6 gennaio – Sala dell’Editto, Palazzo Comunale, ore 17,00

MOLIFONIE – Pietro Ricci Quartetto (Folk/Classica)
“I Suoni del Molise”

Piero Ricci è compositore e musicista polivalente, considerato il massimo esponente del suo strumento, ha portato la zampogna in tutto il mondo fino ad esibirsi al Teatro alla Scala di Milano sotto la direzione di Riccardo Muti.
Suona uno strumento da lui costruito e modernizzato.
MOLIFONIE, il nuovo gruppo di Piero Ricci, propone un nuovo genere musicale che fonde la musica classica con quella popolare: un singolare mix tra strumenti etnici come la zampogna, il mandolino e le percussioni con il pianoforte. La loro musica è una continua ricerca e sperimentazione tra le atmosfere ‘ricercate’ della musica classica e i ritmi della tradizione popolare del centro e sud Italia.

MOLIFONIE
Piero Ricci zampogna e fisarmonica
Tiziano Palladino mandolino e mandola
Luigi Vitullo pianoforte
Carmine Bruno percussioni

Tutti i CONCERTI sono ad INGRESSO LIBERO.


Info: 3488722315 e-mail goffredodegliesposti@micrologus.it

0

MUSICA SON – Masterclass in tre incontri con Patrizia Bovi – Primo incontro 31 Gennaio / 2 Febbraio 2014

 

Musica son

Il madrigale e la caccia tra ‘300 e primo  ‘400 in Italia

Patrizia Bovi

 

 

Il seminario sarà articolato su tre incontri di 3 giorni ciascuno ed esplorerà le caratteristiche compositive e l’evoluzione delle forme del madrigale  e della caccia attraverso lo studio degli autori piu importanti del ‘300 e del primo ‘400. Jacopo da Bologna, Gherardello da Florentia, Giovanni da Cascia, Vincenzo da Rimini,Jhoannes Ciconia, Lorenzo da Firenze Zachara da Teramo.

Partendo dai madrigali anonimi del codice Rossi 213 fino a quelli di Jhoannes Ciconia, si esplorerà un repertorio che attraverso la sua evoluzione compositiva e poetica cambierà completamente stile e forma solo due secoli piu tardi, analogie e differenze di una delle forme poetiche e musicali piu dibattute sia dagli studiosi  che dagli stessi interpreti. Particolare attenzione si riserverà alla tecnica vocale per l’esecuzione delle ornamentazioni.

 

Il madrigale si tratta di una forma lirica d’origine popolare, che conservò il suo carattere rustico anche quando se ne impadronirono, nella prima metà del sec. XIV, i poeti d’arte.

Una forma di poesia per musica in senso stretto, giacché i testi di tutti i madrigali e delle cacce a noi pervenuti, in larga parte anonimi, sono tràditi esclusivamente da codici musicali: la sola eccezione sembrerebbe costituita da quattro madrigali di Petrarca, inclusi nei Rerum vulgarium fragmenta.

 

Nella letteratura musicale del 1300, il madrigale ebbe come compagni la caccia e la ballata: la prima delle quali  si conservò per l’impiego del canone e la tendenza descrittiva; mentre la seconda non può andare confusa col madrigale, a causa del diverso schema metrico.

Le fonti musicali dei madrigali e delle cacce trecentesche sono riccamente rappresentate nel codice miniato Squarcialupi, conservato nella Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze, e da altri manoscritti custoditi ancora a Firenze, Roma, Padova, Parigi e Londra, dei quali i più antichi databili risalgono al 1340.

Antonio  Da  Tempo ne dettava già nel 1332 le regole in un trattatello in latino sulle forme poetiche e poetico-musicali in volgare (Summa arthis rithimici vulgaris dictaminis).Questo ci conferma l’uso di questa forma poetico musicale, precedente alle più antiche fonti che la riportano.

Gidino da Sommacampagna nel trattato delle “Rime volgari” basato sul piu antico trattato di Da Tempo trovava encomiabili i madrigali “per plures”, ossia a più voci, di Iacopo da Bologna.

E ci ricorda, inoltre,  che ciascun madrigale “dee esser cantato per tri cantori, o almeno per due cantori”.

 

 

Ai nomi di Giovanni da Cascia, o da Firenze e di Iacopo da Bologna, posti dal Villani fra i primi maestri dell’Ars nova italiana, segue, lungo il ’300, una serie di altri madrigalisti, dei quali buona parte appartiene alla Toscana, mentre nomi di altri provengono da città dell’Italia settentrionale e centrale. Il maggiore e più ricordato fra i madrigalisti fiorentini fu il cieco Francesco Landini, morto nel 1397,e alla Toscana appartennero pure: Ser Gherardello da Florentia, Lorenzo Masini,Donato da Cascia, Franco Sacchetti, del quale peraltro non ci sono pervenuti che i testi poetici.Sulla fine del 300, appaiono ancora Abate Paolo da Firenze e frate Andrea de Servi organista, per non citarne che alcuni. Altri, invece, ebbero i natali fuori della  Toscana: Frate Bartolino e Grazioso da Padova, Ottolino da Brescia, Vincenzo da Rimini, Ser Niccolò prevosto di Perugia, Bonavito Corsini, Magister Zacarias da Teramo.

 

 

Costi:

 

Singolo incontro: 180 euro (obbligatorio il versamento di un acconto di 50 euro)

Iscrizione ai tre incontri: 450 euro (obbligatorio il versamento di un acconto di 200 euro, saldo entro il secondo incontro)

 

Arrivo venerdi mattina inizio corso ore 15-18

Sabato  10-13    15-18

Domenica 10 -13 pomeriggio partenza

 

Aperto a cantanti e musicisti – inviare curriculum

 

La Dott. Nora Tigges, filologa, introdurrà i testi poetici durante gli incontri.

 

13/14/15 dicembre 2013

 

31 gennaio, 1/2 febbraio 2014

 

marzo 7/8/9 2014

 

Scadenza iscrizioni 9 Dicembre

 

Informazioni e iscrizioni: info@centrostudiadolfobroegg.it

 

0




Il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg” organizza corsi di formazione, seminari, master, convegni sulla musica medievale, rinascimentale con lo scopo di creare collegamento nel campo delle attività didattiche, di ricerca, di interpretazione tra il territorio umbro e le università italiane, straniere, i centri di studi di musica antica internazionali.

via Fonte del Mastro II
06038 Spello, Perugia, Italia

+39 348 87 22 313
Click per email