27 July-1 August 2015: 6th International Medieval Music Course

27 July-1 August 2015

6th INTERNATIONAL COURSE OF MEDIEVAL MUSIC


Main theme of the 6th Course:
“Adam de la Halle and the Ars Antiqua of the Thirteenth Century”

11Avec telle compaignie

Adam de la Halle was one of the rare medieval musicians who was able    to compose monophonic and  polyphonic music, he was the last great master  and French poet (trouvère )of all musical genres of the thirteenth century.

His compositions  are  documented in numerous manuscripts, 36 chansons and 18 monophonic Jeu- partis, 16 polyphonic motets and 5 rondeaux.

We have among his poetical works “Le Jeu de la Feuillée”,   (1098 verses),    “Le Roi de Sicile”, (378 verses), and his masterpiece “Le Jeu de Robin et de Marion, composed around 1284 for the Neapolitan court of Charles of Anjou, considered to be the first “opera” in the history of music, a summa of his experiences as a composer and joculatores. Starting with the music by Adam de la Halle we will  explore the incredibly detailed sound universe of  thirteenth century’s Ars Antiqua. Part of the course will be dedicated to the study of the instrumental  estampies in the manuscript Chansonnier du Roi (Paris, Bibl. National, Ms. 844) of motets in Montpellier Codex (Facultè de Medècine Ms H 196) and in Las Huelgas Codex.

At the Main Course is possible also to study other repertories.

06huart con la cornamusaFaculty:
Solo singing: Patrizia Bovi

Bowed instruments: Gabriele Russo

Wind instruments: Goffredo Degli Esposti

Choral singing: Simone Sorini

Lute: Crawford Young

Alta Cappella: Ian Harrison

Hurdy Gurdy: Giordano Ceccotti

Dance: Veronique Daniels

Percussion: Paolo Rossetti

Winds and percussion ensemble - Goffredo Degli Esposti


Vocal and instrumental small ensemble - Patrizia Bovi & Gabriele Russo


Large ensemble - Peppe Frana


Notation - Veronique Daniels


Conferences by:
Dinko Fabris
Francesco Zimei

STRUCTURE OF THE COURSE
MORNING: Main Courses
AFTERNOON: Complementary courses: Theoretical, Notation, Conferences, Ensemble
EVENING: musical evenings surprise, in various places in the city of Spello

The full schedule, comprehensive of complementary theoretical courses, lectures and concerts, will be published soon.

STUDENT FEE:

Singing/Instrument course: 380€
Percussions course: 240€
Dance course: 240€

Only Large ensemble: 90€
Theoretical courses only: 90€

ENSEMBLE FEE (minimum 3 members):

Singing/Instrument course: 320€
Percussions course: 200€
Dance course: 200€

Only Large ensemble: 70€
Theoretical courses only: 70€

DEADLINE FOR INSCRIPTIONS : 15  JUNE

We kindly ask the students to send an advance of €. 70 from 1 to 15 June to finalize the application.

After this date will be still possible to apply with an additional fee of 40€.

DISCOUNT  of 10% FOR WHO ENTERS BY 15 of MAY

For the inscription compile the form: Application Form

and send by mail to info@centrostudiadolfobroegg.it

0

CONCERT-LESSON:”THE MUSIC AND THE INSTRUMENTS OF THE MIDDLE AGES”

“THE MUSIC AND THE INSTRUMENTS OF THE MIDDLE AGES”

CONCERT-LESSON OF MEDIEVAL MUSIC with PROJECTION OF IMAGES for Schools and Tourist Groups

A concert of medieval music, with a thorough explanation of the musical instruments, faithful reconstructions of those of the period.

And a presentation of the PERMANENT EXHIBITION of LUTES & STRING INSTRUMENTS FROM THE MIDDLE AGES TO OUR DAYS(collection Broegg). There are 20 different plucked string instruments (lutes, guinterne, guitars, bouzouki), reconstructed from different makers.

6

It will be possible to have, on request, a lecture-concert on thematic medieval Italian music (vocal and instrumental musical forms, style, from the thirteenth to the fifteenth century) as an alternative to a general European music.

7

Also, coming from our LIBRARY, we will bring the facsimile color of most beautiful and important musical manuscripts Italians, for an explanation of the art of writing: the Squarcialupi Code.

4

Concurrently with the music, you will be the PROJECTION of IMAGES, taken from paintings, frescoes and miniatures, especially from the Italian territory (if you choose this theme), where there are accurate depiction of scenes with music and musical instruments.

8

The instruments used are: portative organ, viola, rebec, lute, gittern, straight trumpets, tambourine, cymbals, pipe and tabor, medieval recorder, flute, double flute, shawn, bagpipe.

3

BELLS

9

BUCCINE (TRUMPETS)

1

PORTATIVE ORGAN


The duration of the lesson-concert is about an hour and a half.

0

27 July-1 August 2015: 6th International Medieval Music Course

27 July-1 August 2015

6th INTERNATIONAL COURSE OF MEDIEVAL MUSIC


Main theme of the 6th Course:
“Adam de la Halle and the Ars Antiqua of the Thirteenth Century”

11Avec telle compaignie

Adam de la Halle was one of the rare medieval musicians who was able    to compose monophonic and  polyphonic music, he was the last great master  and French poet (trouvère )of all musical genres of the thirteenth century.

His compositions  are  documented in numerous manuscripts, 36 chansons and 18 monophonic Jeu- partis, 16 polyphonic motets and 5 rondeaux.

We have among his poetical works “Le Jeu de la Feuillée”,   (1098 verses),    “Le Roi de Sicile”, (378 verses), and his masterpiece “Le Jeu de Robin et de Marion, composed around 1284 for the Neapolitan court of Charles of Anjou, considered to be the first “opera” in the history of music, a summa of his experiences as a composer and joculatores. Starting with the music by Adam de la Halle we will  explore the incredibly detailed sound universe of  thirteenth century’s Ars Antiqua. Part of the course will be dedicated to the study of the instrumental  estampies in the manuscript Chansonnier du Roi (Paris, Bibl. National, Ms. 844) of motets in Montpellier Codex (Facultè de Medècine Ms H 196) and in Las Huelgas Codex.

At the Main Course is possible also to study other repertories.

06huart con la cornamusaFaculty:
Solo singing: Patrizia Bovi

Bowed instruments: Gabriele Russo

Wind instruments: Goffredo Degli Esposti

Choral singing: Simone Sorini

Lute: Crawford Young

Alta Cappella: Ian Harrison

Hurdy Gurdy: Giordano Ceccotti

Dance: Veronique Daniels

Percussion: Paolo Rossetti

Winds and percussion ensemble - Goffredo Degli Esposti


Vocal and instrumental small ensemble - Patrizia Bovi & Gabriele Russo


Large ensemble - Peppe Frana


Notation - Veronique Daniels


Conferences by:
Dinko Fabris
Francesco Zimei

STRUCTURE OF THE COURSE
MORNING: Main Courses
AFTERNOON: Complementary courses: Theoretical, Notation, Conferences, Ensemble
EVENING: musical evenings surprise, in various places in the city of Spello

The full schedule, comprehensive of complementary theoretical courses, lectures and concerts, will be published soon.

STUDENT FEE:

Singing/Instrument course: 380€
Percussions course: 240€
Dance course: 240€

Only Large ensemble: 90€
Theoretical courses only: 90€

ENSEMBLE FEE (minimum 3 members):

Singing/Instrument course: 320€
Percussions course: 200€
Dance course: 200€

Only Large ensemble: 70€
Theoretical courses only: 70€

DEADLINE FOR INSCRIPTIONS : 15  JUNE

We kindly ask the students to send an advance of €. 70 from 1 to 15 June to finalize the application.

After this date will be still possible to apply with an additional fee of 40€.

DISCOUNT  of 10% FOR WHO ENTERS BY 15 of MAY

For the inscription compile the form: Application Form

and send by mail to info@centrostudiadolfobroegg.it

0

MUSICA E ARTE IN UMBRIA 2015 Reinassance Lute Course in Spello May 11-16

 

NMUA BOB

(ph. Massimo Denaro)

Lute music and iconography in paintings of the Italian Renaissance is the focus of an intimate one-week course in the beautiful hilltop town of Spello, near Assisi, at the Centro Studi Europeo musica medievale Adolfo Broegg. Daily private lute lessons (all levels welcome), guided trips to study music iconography in Assisi, Perugia and Monte Oliveto (Siena), and a recital by Crawford Young, are offered within the setting of a virtual paradise of medieval and Renaissance art, Italian cuisine and Umbrian landscape. Ensembles are also welcome for coaching of 16th – 15th – 14th c. repertoire.

PLUS, as an option for those who wish to arrive two-to-three three days early: experience the magic of the world- renowned Kalendimaggio festival of Assisi celebrating the local medieval heritage in an unforgettable three-day competition of historical music drama and pageant.

IMG_3411_1

Where and when: 11 – 16 May 2015 Centro Studi Europeo di musica medievale Adolfo Broegg
Spello, Italy (map)

Tuition: € 600. ($800.) includes daily private lessons, master classes, three guided iconography field trips, concert admission

Accomodation: choose between lower or higher budget options, with or without meals, with or without Kalendimaggio add-on; non-musician partners are welcome.

Travel: organized by participant.

Schedule (may be subject to changes):

Mon 11: Lute course

Tues 12: Lute course

Wed 13: Iconography tripIMG_3420

Thurs 14: Morning Break, Lute Course in the afternoon

Fri 15: Lute Course

Sat 16: Lute Course

Sun 17: departures

 

Faculty: Crawford Young

 

 

How to apply: please send an email to info@centrostudiadolfobroegg.it for further information and an application form.

What a wonderful week – I cannot thank
you enough for hosting this!! (student, Musica e Arte in Umbria 2013)

off

MUSICA E ARTE IN UMBRIA 2014 Reviewed by Mike Peterson

“MUSICA E ARTE IN UMBRIA 2014 Renaissance Lute Course in Spello with Crawford Young 11-16 May. (Submitted by Mike Peterson)

This past May 2014, I spent a delightful and highly educational week at the “Musica e Arte in Umbria 2014” Renaissance Lute course in Spello, Italy. This is a one-week medieval and renaissance lute music course taught by Crawford Young (from the Basel Schola Cantorum), and includes a full-day guided iconographic tour of medieval and Renaissance art works containing musical instruments, including lutes, in museums in Perugia and Foligno, as well as in the awe-inspiring Basilica of Saint Francis of Assisi. The course takes place in the beautiful medieval hilltop town of Spello, near Assisi, at the Centro Studi Europeo Musica Medievale “Adolfo Broegg.” We arrived a day early and were treated to the world-renown Calendimaggio festival of Assisi, celebrating the local medieval heritage in a three-day competition of historical music drama and pageant.

10915277_10205799252318965_7511352472022531465_n

I was not familiar with the Centro Studi Europeo Musica Medievale “Adolfo Broegg.” This is an early music center and concert venue in the center of Spello. The center is housed in a recently restored medieval church donated for the Centro by the city of Spello. It acts as a musical center for Ensemble Micrologus, and provides concert space, a classroom, and a musical instrument museum. Tuition for the week was $800, which included twice a day group and private lessons with Crawford Young, the guided iconographic tour and transportation, and admission to the Calendimaggio pageant in Assisi. There was plenty of time to sample the restaurants of the charming medieval town, do local shopping, and tour Assisi. Convenient housing was just up the hill, in the center of the ancient city, in one of several reasonably priced and charming hotels with modern conveniences.

10409009_10205799268239363_4734517322162249988_nThe Calendimaggio festival of Assisi is something that cannot be explained but simply experienced, but I will try. Imagine a competition between the “upper city” of Assisi and the “lower city” in music, dance and drama played out for the local and international audience attending that has been played out every year since the Middle Ages. This represents a year of fierce rivalry and preparation, involving almost every inhabitant of the city, with props, musical instruments, actors in medieval costumes, and even animals. This takes place on one of the main city squares and we had comfortable bleacher seats in “blue” upper city section so we could cheer and root for the upper city presentation. There were all kinds of props and actors in historic costumes of the middle ages, and the play even included horses, pigs, chickens and a herd of uncooperative sheep. It was vastly entertaining and lasted the afternoon and evening.

There are several convenient ways to get to Spello, including flying into the local airport of Perugia which is about 20 minutes away by car, or by flying into Rome and taking a train. We flew into Milan and rented a car to sample the countryside and had no problems with this, outside of a long drive. Our hotel also provided free parking in the narrow confines of the ancient medieval streets–be sure to rent a very small car!

We had time for several side trips to Assisi and to Ancona (to pick up missing luggage) and we had no trouble with driving, trying out our Italian, and especially enjoying the ambiance of the Italian countryside. Breakfasts from our hotel veranda were a delight and there was a new restaurant to sample every night, plus the excellent Italian gelato. This trip might become an annual pilgrimage, it was so rewarding! If you were thinking about a lute workshop and want something different to try, I would highly recommend this trip.”

Mike Peterson

0

Masterclass con Guillermo Pérez – Johannes Ciconia 13-15/02 2015

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Johannes Ciconia (Liège ca. 1370 – Padova 1412)

 13-15 February 2015

Master of the isorhythm, strategist of the polyphony, expert in Ars Subtilior, composer of virtuoso trecento madrigals, omniscient genius as well as an eminent theorist: Johannes Ciconia is without doubt one of the most important musicians working in Italy at the beginning of the 15th century. Holder of Ars Nova traditions, Ciconia is also known as the “musicien de la transition”, composing in the most modern and experimental styles, predecessor of the Franco-Flemish aesthetic that will captivate European audiences during the quattrocento.

 

This weekend masterclass will offer the possibility of study his life and his musical and theoretical works. Furthermore to the presentation of musical forms, counterpoint, melodic and formal analysis, the students will perform a selection of Ciconia’s songs, liturgical works and motets. A complete set of scores will be sent three weeks before the masterclass.

 

We’re looking for a minimum of 4 singers (2 women, 2 men), 3 organetti, 2 lutes, 2 fiddles. Other instruments (keyboards, winds, …) are very well-come to join the ensemble!

 

The masterclass is open to active participants and auditors interested in theoretical and analytical presentations.

 

Tuition: 180€

Listeners: 130€

Info/application: info@centrostudiadolfobroegg.it

0

SEMINARIO: le cornamuse e zampogne italiane – 29 Dicembre 2014

Lunedì 29 dicembre 2014
Ore 10,00-13,00 – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”
SEMINARIO: le cornamuse e zampogne italiane
Docente: Goffredo Degli Esposti

Cornamuse e zampogne italiane tra tradizione e innovazione: zampogna a chiave, zampogna zoppa, piva.
Tecniche e repertori di base, nuove possibilità con l’applicazione delle chiave. Musica antica.
La piccola cornamusa elettronica: un’oggetto comodo da trasportare e pratico per studiare in appartamento.

Quota di partecipazione: 30 euro.

Info e iscrizioni: 3488722315, goffredodegliesposti@micrologus.it

0

5° International Course of Medieval Music – The polyphonic music to the Aragonese Court of Naples – 28 / 07-02 / 08 2014

 

 

 

 

V° International Medieval Music Course

 

28 July / 2 August – 2014

 

“Poliphonic music in the 15th century Aragonese Naples Court”

 

Based on the quality and number of its musicians, the 15th century Aragonese court in Naples boasted the premiere musical ‘capella’ in Europe, even more important than that of the court of Burgundy. The composers Cornago and Vincenet worked there, while Tinctoris formulated all his theoretical works in Naples. At the court, all types of music known in Europe flourished: ballate, strambotti and barzellette from Italy; canciones from Spain, rondeaux and dances from France.

 

As MAIN SUBJECT, at the 5th International Course, we will explore the sonority and particular atmosphere of each of these genres and the fertile exchanges between formal and popular music that characterized Aragonese Naples.

For BEGINNERS, it will be possible to study free medieval repertory.
Faculty:

 

Solo singing: Patrizia Bovi

Bowed instruments*: Gabriele Russo

Wind instruments**: Goffredo Degli Esposti

Choral singing: Simone Sorini

Lute: Crawford Young

Harp: Leah Stuttard

Alta Cappella: Ian Harrison

Hurdy Gurdy: Giordano Ceccotti

Percussions: Gabriele Miracle

Dance: Natalie Braker

 

*(vielle, rebec, lira da braccio)

**(recorder, traverso, double flute, pipe and tabor; shawn and bagpipes for beginners)

 

The full schedule, comprehensive of complementary theoretical courses, lectures and concerts, will be published soon.

 

Student fee:

 

Singing/Instrument course: 380€

Percussions course: 240€

Dance course: 240€

Theoretical courses only: 180€

 

Ensemble fee (minimum 3 members):

 

Singing/Instrument course: 320€

Percussions course: 200€

Dance course: 200€

Theoretical courses only: 160€

 

Deadline for inscriptions: 15 July 2014

 

Inscription/Informations: info@centrostudiadolfobroegg.it

+39 334 79 31 560 (Peppe Frana)

0

Masterclass with Guillermo Pérez – Italian 14th century monody – 2a pars Feb-Apr 2014

 

 (English Below)

Il Centro Studi “Adolfo Broegg” ospiterà nel 2014 due nuove sessioni di studio dedicate alla monodia italiana del XIV Secolo (incluse le famose istampitte dal codice London 29987, il codice Rossi e i compositori del trecento fiorentino) riguardanti la performance, il contesto del repertorio, l’analisi e la messa in relazione con la polifonia dell’Ars Nova
I seminari sono aperti a musicisti e cantanti principianti e avanzati e agli uditori. Un posto speciale sarà occupato dallo studio degli strumenti a tastiera medievali, dal punto di vista della tecnica e dell’interpretazione.

 

PRIMA SESSIONE: 21-23 Febbraio 2014

SECONDA SESSIONE: 4-6 Aprile 2014

 

Costo iscrizione: 180 euro (una sessione), 330 euro (due sessioni), 150 euro (uditori)

 

Informazioni ed iscrizione: info@centrostudiadolfobroegg.it

 

(EN)

 

The Centro Studi Adolfo Broegg will host in 2014 two new sessions dedicated to the Italian 14th century monodic pieces (including the well-known istampitte from London 29987, Rossi Codex and Florentine trecento composers) researching in practical-performance, repertoire context, analysis and relations with Italian Ars Nova polyphony.

These seminars are open to beginners and advanced players/singers in addition to everyone with interest as a listener to deepen the knowledge in Italian 14th century music. The sessions will give a special place to medieval keyboard instruments, including technique and performance aspects.

 

BLOCK I: 21-23 February 2014

BLOCK II: 4-6 April 2014

Tuition Fees: 180 eur (1 Block), 330 euro (2 Blocks), 150 eur (listeners)

 

Info and application: info@centrostudiadolfobroegg.it

 

 

0

3rd International Medieval Music Course

 

0

FIRST INTERNATIONAL MEDIEVAL MUSIC WORKSHOP

FIRST INTERNATIONAL MEDIEVAL MUSIC WORKSHOP

Topic: MEDIEVAL MUSIC AND ITALIAN POLYPHONY IN THE 14th CENTURY

Dates: August 2-7, 2010

Location: CENTRO STUDI EUROPEO DI MUSICA MEDIEVALE “ADOLFO BROEGG”
Chiesa della Madonna della Consolazione di Prato, Via Fonte del Mastro II,
Spello (Perugia), Italy

Main Classes:
SOLO SINGING – Patrizia Bovi (August 2-6)
VIOL, REBECK – Gabriele Russo
WIND INSTRUMENTS – Goffredo Degli Esposti
DANCE – Véronique Daniels (August 4-6)

Extraordinary Singing Class (August 4-7)
14th-CENTURY POLYPHONY IN FRANCE – Lucien Kandel
(in collaboration with Fondation Royaumont)

Subsidiary Subjects:
ENSEMBLE MUSIC – Group teaching
ENSEMBLE MUSIC FOR WIND AND PERCUSSION INSTRUMENTS – Goffredo Degli Esposti
NOTATION – Véronique Daniels
SEMINAR ON UMBRIAN AND ITALIAN ICONOGRAPHY AND ORGANOLOGY IN THE 14th CENTURY- Pier Maurizio Della Porta

Workshop Schedule:

MORNING
10am to 1pm: MAIN CLASSES

AFTERNOON
3pm to 4,30pm: NOTATION
5pm to 7pm: ENSEMBLE MUSIC and ENSEMBLE MUSIC FOR WIND AND PERCUSSION INSTRUMENTS
5pm to 8pm: DANCE

Class description:

MAIN CLASSES IN 14th-CENTURY ITALIAN POLYPHONY
The Ensemble Micrologus musicians will deal with performance and interpretation of 14th-century Italian Music, also known as “Ars Nova”. In written texts, that period marked the shift from monody to a more elaborate polyphony, with 2- and 3-part compositions by the great 14th-century Masters (Francesco Landini, Jacopo da Bologna, Gherardello, etc.): madrigals, cacce and ballads. You will also study instrumental music for salterelli and istampite from the London Codex.
Good technical background required.

SINGING CLASS: 14th-CENTURY POLYPHONY IN FRANCE
14th-century France was dominated by Guillaume de Machaut’s music and poetry.
This class is addressed to singers and suggests introspection into the monumental work of the greatest French poet-musician.
Interpreting his music means learning a text which is now transient, as well as the different reading techniques used by singers at that time (notation, solmization, musica ficta, etc.).
You will sing some of his motets and a part of his renowned “Missa Notra Dame” (Notre Dame Mass) directly in the original version, where each voice has their own independence.
The class will also deal with a specific vocal work on this music, on the basis of French and Latin pronunciation in the 14th century.
Good technical background required.

DANCE
15th -century Italian dances and Basse dance. You will learn how to improvise with the choreographies of Masters Domenico and Guglielmo, with a special focus on a 14th-century dance and a basse danse de Bourgogne.

AFTERNOON CLASSES

NOTATION
A class in 14th-century Italian notation (with musical examples studied in vocal and instrumental classes).
Open to all participants.

ENSEMBLE MUSIC
It is addressed to SOLO SINGING and STRING INSTRUMENT classes.
Ensemble music for WIND AND PERCUSSION INSTRUMENTS, which will be grouped according to the principles of 14th-century LOUD music, with reed flutes, bagpipes, trumpets, and percussion.
The class has two parts: the first one is on theory and aims at analyzing difficult aspects of specific texts. The second part is practical and deals with both technical and playful aspects of playing and singing together.

SEMINAR ON 14th-CENTURY ITALIAN ICONOGRAPHY AND ORGANOLOGY.
On Monday 2 and Tuesday 3, August, 2010.

Costs (Subsidiary subjects included):

Main instrumental classes                                  400,00
Singing (Main class)                                             340,00
Singing class in French Polyphony                    300,00
Dance                                             100,00
2 main classes 600,00

LODGING AND MEALS

You can get a discount on lodging and meals for most local restaurants and accommodations (on demand).

REGISTRATION FORM

Name…………………………………………………………………

Place and date of birth………………………………………..

Postal address……………………………………………………..

……………………………………………………………………………………..

Telephone……………………….. Portable………………………………….

e-mail……………………………………………………………………..

Ask to follow the Course of

Musical instruments bring at the Course (model and tuning level)

Musical studies…………………………………………………………..

At……………………………………………………………………………..

Teachers…………………………………………………………………..

Singing/playing experience

Other musical studies

Date………………………………………….

Signature………………………………………….

Please, send the registration form to:

centrostudiadolfobroegg@gmail.com

We will send you a confirmation e-mail for the end of June.

0

NATALE 2014 – 5° FESTIVAL “SPELLO SPLENDENS”

Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”
Associazione Musicale Micrologus
Comune di Spello – Assessorato alla Cultura

5° FESTIVAL “SPELLO SPLENDENS”
IL MEDIOEVO E IL SOFFIO INFINITO DELLA MUSICA IN FESTA

Il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”, curato dall’Associazione Musicale Micrologus, organizza e presenta il 5° Festival “SPELLO SPLENDENS”.
Il Festival intende valorizzare e far riscoprire, ad un vasto pubblico, alcune particolari e specifiche sonorità di antichi strumenti, una volta ben conosciuti, e che sono oggi considerati “minori”: parliamo di zampogne, ciaramelle, cornamuse e, soprattutto, la musica Medievale che, insieme a quella Tradizionale, ebbero e continuano ad avere, grande importanza per la festa del Natale. In questo periodo di crisi, economica ma anche sociale e di valori con conseguente smarrimento culturale, il nostro Festival cerca di salvaguardare e promuovere una parte preziosa, troppo spesso bistrattata, della nostra storia, andando contro la moderna tendenza “spettacolare” del quotidiano uso della cultura musicale.

Anche questa Quinta Edizione è dedicata ai migliori solisti e gruppi italiani che utilizzano in special modo zampogne e cornamuse, con una serata specifica del D.E.P. Duo, ci sarà il primo gruppo dall’estero, i Vruja, della vicina Istria, che canteranno in varie lingue e dialetti; i Cantsilena, giovane gruppo di sperimentazione di diversi linguaggi musicali, mentre dagli alti monti della Calabria, scenderanno, o meglio risaliranno fin qui, le Antiche Ferrovie Calabro-Lucane, potente quartetto portatore di forti tradizioni musicali. Per la musica antica avremo i “Carmina Burana”, quelli veri, eseguiti dai Narnia Cantores, mentre il Micrologus farà un concerto sul cibo e la musica tra Medioevo e Rinascimento. Il Festival sarà anche occasione di presentazione di vari CD, tra cui si segnalano ben 3 nuovi CD del Micrologus con cui si festeggiano i 30 Anni di attività.

Non può mancare in questa edizione “Zampogne e Lenticchie”, la passeggiata musicale, con raduno libero dei musicisti, che rinnova la tradizione dell’offerta propiziatoria del cibo, grazie alla collaborazione dei ristoratori del centro storico di Spello: con la sempre gradita partecipazione del cantautore Piero Brega e della polistrumentista Oretta Orengo oltre al gruppo delle Cornamuse del Drago, una nuova formazione di musica antica da corteo.

I musicisti, nei loro concerti, presenteranno le caratteristiche dei repertori e degli strumenti usati. I concerti, come sempre, si terranno in particolari luoghi della città di Spello: l’Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”, il Teatro Subasio, la Chiesa di S. Maria Maggiore, la Sala dell’Editto del Palazzo Comunale.

TUTTI I CONCERTI SONO AD INGRESSO GRATUITO.

I CONCERTI

Sabato 27 dicembre – Teatro Subasio, ore 21,15

MICROLOGUS (musica medievale/rinascimentale)
“CHE MANGERÀ LA SPOSA? UNA FAGIANA GRIGIA…”
Il cibo nella musica medievale e nei strambotti, frottole e saltarelli del XV-XVI
Con ospiti e presentazione del nuovo Doppio CD

Domenica 28 dicembre – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”, ore 16,15

NARNIA CANTORES (musica medievale)
DIVINA, MORALIA, LUDUS ET AMORES: I “VERI” CARMINA BURANA
Narnia Cantores
Direttore: Simone Sorini.

Lunedì 29 dicembre – Palazzo Comunale, Sala dell’Editto – ore 18,15

Goffredo Degli Esposti & Andrea Piccioni (medievale/tradizionale)
“Suoni di canne e di tamburi” – Viaggio in Italia tra zampogne e tamburelli
Con presentazione nuovo CD

Sabato 3 gennaio – Chiesa di S. Maria Maggiore – ore 21,15

VRUJA (Istria) (musica tradizionale)
I CANTI TRADIZIONALI DI QUESTUA NATALIZIA e musiche strumentali della penisola Istriana

Domenica 4 gennaio – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”, – ore 21,15

CANTSILENA (musica tradizionale/sperimentale)
“SCILLA”
Con presentazione nuovo CD

Lunedì 5 gennaio – Teatro Subasio, ore 21,15

ANTICHE FERROVIE CALABRO-LUCANE (musica tradizionale)
“ALACA – SUONI DA UN’ALTRA CALABRIA”

GLI ALTRI APPUNTAMENTI NELLA CITTA’

Domenica 28 dicembre – per le strade di Spello – ore 17,15-21,00

“ZAMPOGNE & LENTICCHIE”
“Zampogne & Lenticchie” è una passeggiata musicale-culinaria per il centro storico: con vari musicisti, si farà musica all’aperto, con alcune pause per degustare i piatti offerti dai ristoratori della città, secondo un percorso programmato, della durata di 3 ore circa.
Ospiti Speciali: Piero Brega e Oretta Orengo, le Cornamuse del Drago
Partenza da Piazza della Repubblica.

Lunedì 29 dicembre Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”, – ore 10,00-13,00

SEMINARIO: le cornamuse e zampogne italiane.
Docente: Goffredo Degli Esposti
Solo per gli iscritti.
Info e iscrizioni: 3488722315 e-mail goffredodegliesposti@micrologus.it

MOSTRA PERMANENTE DI “LIUTI E STRUMENTI A CORDA DAL MEDIOEVO AI NOSTRI GIORNI” (collezione Broegg)
Sono presenti 20 differenti strumenti a plettro (liuti, guinterne, chitarre, bouzouki), ricostruiti da diversi liutai.
Luogo: Centro Studi “Adolfo Broegg”
Apertura: domenica 28 dicembre, lunedì 29, domenica 4 gennaio.

TUTTI I CONCERTI SONO AD INGRESSO GRATUITO.
Info: 3488722314

0

27 dicembre 2014 – Presentazione nuovo CD Micrologus: LE VIE DEL SACRO

LE VIE DEL SACRO Doppio CD

a Spello Splendens, ore 21,15

MICROLOGUS

LE VIE DEL SACRO
Canti religiosi in Italia tra Medioevo e Rinascimento

CUM DESIDERIO VO CERCANDO
Laude e musica sacra a Venezia e Firenze (secc. XIII-XV)

01 Madonna santa Maria
02 Chi vole lo mondo desprecçare
03 Dami conforto, Dio, et alegrança
04 O dolce amor, Yhesù, quando serò
05 Con desiderio e vo cercando
06 Con desiderio io vo cercando
07 Onne homo ad alta voce
08 Ognon m’entenda devotamente
09 Anima benedeta da l’alto Creatore
10 Memento mei, o sacra virgo pia
11 Sepulto Domino
12 Umil madonna, de non m’ abandonare
13 Cum desiderio vo cerchando
14 Salve, regina de misericordia
15 Canti zoiosi e dolce melodia

DEVOTE PASSIONI
Laude e soni nelle feste religiose aquilane (secc. XV-XVI)

01 Giovanni da Capestrano – Alleluia amen Deo gratias
02 Giovanni da Capestrano – Amor Yhesù perché ’l sangue spargisti
03 Saltarello di Amatrice
04 O gloriosa vergene Maria
05 L’Amore a·mme venendo
06 Verbum caro factum est: Ave Vergine polçella
07 Nella digna stalla del dolce mammolino
08 Bianco da Siena – Vergene benedeta
09 Marcantonio del Pifaro – Chiarenzana de l’Aquila e Saltarello de l’Aquila
10 Vergene matre pia
11 Diana
12 O Maria dyana stella
13 Vanni di Martino – O peccatore perché
14 Chiarenzana de l’Aquila e Saltarello de l’Aquila
15 Leonardo Giustinian – Ave tempio sacrato et sancto

0

SPELLO SPLENDENS: sabato 27 dicembre ore 14,00/19,00 DEGUSTAZIONE VINI

DEGUSTAZIONE VINI NATURALI A CURA DEI VIGNAIOLO “CONSORZIO VINIVERI” E DELLE CANTINE DI SPELLO

0

6 DICEMBRE 2014 – Presentazione del volume “LE PAGELLE DEGLI OGGETTI D’ARTE DEL COMUNE DI SPELLO”

Associazione MAGISTER sine REGISTRO
presenta il volume

“LE PAGELLE DEGLI OGGETTI D’ARTE DEL COMUNE DI SPELLO”

Il contributo di Luigi Carattoli
di Giulio Proietti Bocchini

SABATO 6 DICEMBRE 2014 – ORE 16.00

Chiesa di S. Maria della Consolazione di Prato
Sede del Centro Studi Europeo di Musica Medievale “A. Broegg”
in Via Fonte del Mastro I – Spello

L’AUTORE TERRÀ UNA PUBBLICA CONFERENZA
Letture di Marina Sozi

Il volume è stato prodotto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, edito dalla EFFE di Fabrizio Fabbri editore
In collaborazione con il Comune di Spello e l’Associazione Micrologus
TUTTA LA CITTADINANZA È INVITATA A PARTECIPARE

0

Seminario di liuto medievale con Peppe Frana 20-21 Dicembre 2014

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Seminario di liuto medievale

20-21 dicembre 2014

Quota di iscrizione: 60€

 Informazioni e iscrizione: info@centrostudiadolfobroegg.it

Il seminario si propone di fornire elementi per un’ipotesi di prassi esecutiva per strumenti a plettro di repertori medievali selezionati, con particolare attenzione alla musica dei secoli XIV e XV.

La didattica comprenderà elementi tecnici, posturali, uso delle figure di plettro per l’articolazione del fraseggio, uso ritmico e melodico dei bordoni nella monodia, tecniche di ornamentazione, esercizi per l’uso consapevole e funzionale degli abbellimenti, elementi di contrappunto, notazione, iconografia medievale e organologia.

Il repertorio affrontato verrà comunicato agli studenti con anticipo, sarà tuttavia possibile sottoporre al docente qualsiasi repertorio medievale di interesse personale.

 

 

0

Seminario Intensivo con Giovannangelo De Gennaro: La Messe De Notre Dame di Guillaume de Machaut

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

21 -22-23 Novembre 2015

La sera del 23 Novembre sarà prevista un’esecuzione in pubblico della Messa.

Quota di partecipazione: 50 €

Informazioni ed iscrizione: info@centrostudiadolfobroegg.it

Il seminario è aperto a tutti, non è richiesta nessuna particolare padronanza dello strumento vocale ma è tuttavia consigliabile una formazione musicale di base.

Il seminario permetterà la lettura della notazione quadrata mensurale francese. Si affronterà un percorso di ricostruzione della messa direttamente dalla scrittura originale. La dimensione della partitura, il posizionamento del leggio corale, le condizioni spaziali e acustiche sono alcuni elementi fondamentali che aiuteranno a ri-costruire il contesto rituale e sonoro, altrimenti difficilmente determinabile con l’utilizzo di trascrizioni moderne diffuse in piccoli formati.

L’esecuzione della Messe de Notre Dame dal leggio corale fa sì che i tempi di esecuzione siano più lenti, creando un dialogo più attivo tra i cantori e maggiore relazione nella polifonia. La notazione originale permetterà di avvicinarsi alla ricerca del suono vocale: in essa si racchiude l’intensità dell’emissione vocale, la relazione degli intervalli e l’ornamentazione.

Guillaume De Machaut nacque intorno al 1300 in un villaggio della Champagne, nel nord della Francia. Attorno al 1323 Machault appare impegnato come «secrétaire et familier» presso Giovanni di Boemia del Casato di Lussemburgo, principe «hardi et chevaleresque» (audace e cavalleresco) che con la sua natura instabile, determinò e plasmò la creatività del compositore.

Nel 1340 Machault si stabilì definitivamente a Reims, con l’incarico di canonico. Questa nuova posizione gli permise di ottenere una certa stabilità e di completare le sue opere che ci sono pervenute integralmente e sorprendentemente nella forma originale. Con la Messa di Notre Dame, per la prima volta nella storia della musica religiosa, i cinque brani dell’ordinarium missae, trattati polifonicamente, sono designati con il termine “messa” e raggruppati in un unico corpus composto dallo stesso autore. Già Machault intravide gli stretti rapporti che intercorrono tra testo e musica. Una particolare ricerca espressiva sottolinea i passaggi importanti come l’omofonia presente nell’ Et in terra pax, nel Juesu Christe e nel Ex Maria Virgine. D’altra parte, la messa traduce la volontà di organizzare i diversi brani, variandoli e accordandoli tra loro.

 

Giovannangelo de Gennaro inizia gli studi di flauto traverso all’età di 8 anni. La sua ricerca affonda nella pratica della musica medievale italiana e della Spagna. Ha studiato musica medievale frequentando corsi stabili alla Fondazione Royaumont di Parigi e successivamente al CIRMA di Moissac con il maestro Marcel Peres. Nel suo percorso musicale ha incontrato grandi maestri provenienti da ogni parte del mondo della world music: Ustad Nustrat Fateh Ali Khan (Pakhistan), Jamal Oassini (Marocco), Michel Godard (Francia), Kudzi Erguner (Turchia), Bob Mecferrin (USA), Confraternita sufi di Sfax (Tunisia), Begonia Olavide (Spagna), Arash Yari ( Iran) e Ramiro Amusategui(Argentina-Spagna). Frequenta come cantore, stage e seminari residenziali presso la Fondation Royaumount e il CIRMA di Moissac diretti dal maestro Marcel Perés studiando monodia e polifonia sacra dal XI al XIV secolo. Successivamente diventa cantore solista dell’Ensemble Organum diretto da Marcel Perés. Collabora in diverse formazioni musicali, Micrologus, Mudejar, Compagnia Hora Decima, Avinar e Terra d’Otranto con i quali partecipa a numerosi festivals nazionali ed internazionali e registrazioni radiofoniche. Incide per le case discografiche: Naive, Zig-Zag Territoires, Alpha, Enja, Opus 111, San Paolo, Tactus, III Millennio e Digressione Contemplativa.

0

Masterclass con Guillermo Pérez – 7-9 Novembre 2014

 

7-9 Novembre 2014

Il tema di questa sessione di studio sarà l’evoluzione del mottetto medievale dal ‘200 al ‘400. Sarà inoltre possibile sottoporre al docente qualsiasi brano medievale di interesse personale nelle sessioni individuali, che saranno alternate allo studio collettivo teorico e pratico del suddetto repertorio. Una porzione del seminario si concentrerà sugli aspetti tecnici legati all’Organetto Portativo.

Venerdì 7 Novembre

17.oo-19.00

Sabato 8 Novembre

10.00-13.00

15.00-18.00

Domenica 9 Novembre

10.00-13.00

15.00-18.00

 

Le date per il secondo incontro verranno annunciate durante il seminario

 

Costo iscrizione:  180€, 120€ (uditori)

Informazioni e iscrizione: info@centrostudiadolfobroegg.it

 

(En)

The main subject of this particular session will be the evolution of medieval Motets from XI to XV century. It will be also possible to work on every medieval repertoire of personal interest during the individual sessions. Apart from those and the collective lessons about Motets, a portion of the seminar will be dedicated to the technical aspects regarding the Portative Organ.

Schedule:

Friday 7 November

17.oo-19.00

Saturday 8 November

10.00-13.00

15.00-18.00

Sunday 9 November

10.00-13.00

15.00-18.00

 

Student fee:  180€, 120€ (listeners)

Informations and application: info@centrostudiadolfobroegg.it

 

0

PNEUMA – Incontro con Giovannangelo De Gennaro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

26 Settembre ore 15.00

 

Giovannangelo De Gennaro condurrà un mini-workshop  sulla vocalità medievale e la teoria modale applicata al repertorio monodico della penisola iberica del XIII secolo.

 

Cantante, strumentista e performer, è tra i più apprezzati interpreti di musica medievale. È fondatore e direttore musicale dell’Ensemble Calixtinus, ha collaborato tra gli altri con l’Ensemble Organum e l’Ensemble Micrologus

Ha all’attivo una vasta discografia e si è esibito nei più prestigiosi festival in Italia e all’estero.

 

Informazioni ed iscrizioni: info@centrostudiadolfobroegg.it

0

Balfolk: Cantalusa in concerto Venerdì 12 settembre

 

«CHE COS’E’ IL BALFOLK?
IL BALFOLK È UN MOVIMENTO TROPPO VASTO , VARIEGATO E FRENETICO PER ESSERE RACCHIUSO IN UN’UNICA DEFINIZIONE.
IL BALFOLK È UNA TRIBU’ MONDIALE CHE VIAGGIA SUONANDO E DANZANDO AI RITMI DI CULTURE CHE NON SI VOGLIONO DIMENTICARE.

 

ORE 21,00 INGRESSO LIBERO

 

IL BALFOLK È UN CANTASTORIE MILLENARIO CHE CANTA LE SUE FILASTROCCHE AD UN PUBBLICO SENZA CONFINI. PARTECIPARE AD UN EVENTO BALFOLK È L’UNICO MODO PER CAPIRNE LA SUA ESSENZA.
IL BALFOLK È IL LUOGO DOVE CONVERGONO CANTI LONTANI, DANZE DIMENTICATE, MUSICHE ONIRICHE E
DI CUI ANCHE TU DEVI FAR PARTE»

[MarleneMichelleConsoli- “OrcoFolkFestival”del RifugioMassimoMila]

Cantalusa è un gruppo di recentissima formazione composta da musicisti di esperienza pluridecennale in ambito musicale internazionale: dalla musica popolare d’autore alla musica antica su strumenti originali, dalla musica etnica alla musica di danza, con una vasta esperienza che riguarda anche la musica da film e per spettacoli teatrali.

L’intento di CANTALUSA è quello di diffondere il balfolk e riuscire a far muovere con la danza anche le persone più pigre e timide.
Il gruppo, composto da musette (cornamusa del centro Francia), ghironda e organetto, propone melodie tradizionali e composizioni moderne. Gli arrangiamenti, molto curati, sono adatti anche ad un pubblico di solo ascolto ma l’energia che viene prodotta alimenta il movimento facendo esplodere grandi e divertenti danze di gruppo.

Si passa da un’energica bourrée a 2 tempi, ad un valzer, da un ritmato circolo circasso ad una romantica mazurka, atmosfere adatte ad un pubblico più e meno giovane.
Cantalusa propone la musica dei più importanti e conosciuti autori come Jon Swayne, Andy Cutting, Stephan Durand, Nigel Eaton, Greg Jolivet, Julien Barbance, Patrick Bouffard, Philippe Prieur, Gilles Chabenat, Pierre Imbert, facenti parte dei gruppi storici e più importanti del centro Francia e Inghilterra come Blowzabella, Tapage, Trio Bouffard, ecc.

Cantalusa:

GIORDANO CECCOTTI, ghironda, violino, nyckelharpa

MADANA (MARCO RUFO), organetto e fisarmonica

GIORGIO PINAI, cornamusa, ceccola, traversa, bombarda, flauto

0

Conferenza di David Fallows “Performing Aragonese music of the 15th century in the 21st century”

Il prof. David Fallows inaugurerà il V Corso Internazionale con una conferenza dal titolo “Performing Aragonese music of the 15th century in the 21st century” il 28 Luglio alle 19.00 presso l’auditorium del Centro Studi Adolfo Broegg. La conferenza si terrà in Inglese con traduzione in italiano.

0

ASSISI, 14 giugno 2014: MICROLOGUS PER P. EVANGELISTA

Una rassegna musicale in memoria di padre Evangelista Nicolini

Sabato 14 giugno, alle ore 18,00, Sala delle Volte di Assisi,
con l’ Ensemble “Orientis Partibus” di Assisi, l’ Ensemble “Anonima Frottolisti” di Assisi e l’ Ensemble “Micrologus”.

maggiori info su

http://www.vivereassisi.it/index.php?page=articolo&articolo_id=474854

0

“PRO-FUGA” in ricordo di Adolfo Broegg

 

 

Il Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg ,il Piccolo Teatro degli Instabili e l’Associazione Musicale Micrologus presentano: “PRO-FUGA suoni profumi e sapori migranti” In ricordo di Adolfo Broegg

Giovannangelo De Gennaro: canto, viella, kamanchè, kaval, flauto traverso & food

Adolfo La Volpe: oud, saz, buzuki e programming

Sarà lo spettacolo di music & food PRO-FUGA del duo Giovannangelo De Gennaro ( canto, viella, kamanchè, kaval, flauto traverso & food) e Adolfo la Volpe (oud, saze, buzuki e programming) in una serata dalle atmosfere e sonorità mediterranee di grande suggestione a ricordare quest’anno Adolfo Broegg dopo otto anni dalla sua scomparsa: un viaggio tra suoni ,profumi,cibo .

Due musicisti che s’incontrano e dialogano con strumenti musicali del mediterraneo, proponendo un coinvolgente viaggio attraverso le musiche migranti, l’elettronica e l’arte della cucina. Pro-fuga è il risultato di una ricerca fatta di suoni e ingredienti lontani che, nota dopo nota si avvicinano, per mettere su una tavola fatta di differenze, un piatto costruito attraverso il bisogno del nutrimento, non soltanto fisico La peculiarità di questo spettacolo è proprio data dal fatto che le musiche migranti si fondono agli odori dei cibi cucinati al momento dagli stessi musicisti durante il concerto

Al termine si degusteranno i piatti preparati durante lo spettacolo. Ingresso 10 euro Info: 333 7853003 – info@teatroinstabili.com

0

Leah Stuttard e Agnethe Christensen in concerto – 20 Marzo 2014

Oluf Strangesøns dystridt – la giostra di Oluf Strangeson

20 Marzo 2014 – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”

Ore 21.00

Ingresso libero

 

“Un mondo nordico, un po’ scuro e misterioso, lontano…fra brume di mattine si vede cavalieri con armature splendenti. L’inverno ci congela indurendo anche i nostri cuori… suoni eterei dal cielo galleggiano nell’aria, lodando la Vergine Maria sopra le candele. La primavera infine ci ammorbidisce e la rondine annuncia il suo arrivo. Gli amanti si incontrano fra rose e danze al suono di un’arpa…..”

 

 

 

Questo concerto si presenta come un “album amicorum”, un album per ritagli, un’antologia pieno di musica e poesia bella al cavallo del ‘500. L’arpista Leah Stuttard e la cantante Agnethe Christensen presentano canti popolari, musica strumentale virtuosistica, filastrocche, ninne nanne, danze vivaci e inni sereni alla Beata Vergine. L’ispirazione per il concerto è un ‘ballad’ medievale danese dall’atmosfera sanguinaria e un po’ inquietante, Oluf Strangesøns dystridt – la giostra di Oluf Strangeson.

 

Agnethe Christensen – voce, lire nordice (kankles, gussli), campana

Leah Stuttard – voce, arpa gotica

 

 

Leah e Agnethe si incontrano all’inizio del 2012, grazie a Björn Ross di Copenaghen Renaissance Music Festival. Da allora hanno suonato insieme in Danimarca, Norvegia, Estonia, Inghilterra e Scozia. Il loro CD di ballate e canzoni del Nord è in uscita a Marzo 2014. Hanno lavorato con tutti i più importanti esponenti della musica antica in Europa, tra cui Sequentia e Hesperion XXI. Potete saperne di più su di loro sui loro siti web, www.agnethechristensen.org

www.leahstuttard.co.uk

 

 

https://www.youtube.com/watch?v=IdgfO2dDcqc

http://vimeo.com/73752487

 

 

0

5° Corso Internazionale di Musica Medievale – La musica polifonica alla Corte Aragonese di Napoli – 28/07-02/08 2014

 

 

 

 

 

 

Programma giornaliero – Daily Schedule


“La musica polifonica alla Corte Aragonese di Napoli (sec. XV)”

Dal 28 Luglio al 2 Agosto – 2014

 

Durante il Quattrocento la Corte Aragonese di Napoli vantava la principale cappella musicale d’Europa, per numero e qualità dei suoi musicisti, più importante persino di quella di Borgogna. Vi furono attivi compositori come Cornago e Vincenet, mentre Tinctoris scrisse a Napoli tutta la sua opera teorica e, a corte, fiorivano tutti i generi musicali europei (ballate, strambotti e barzellette italiane; canciones spagnole; rondeaux e danze francesi).

Come TEMA DELL’ANNO, il 5° Corso Internazionale esplorerà le sonorità e le atmosfere peculiari di ciascuno dei generi musicali, e la contaminazione degli stili esecutivi, sia colti che popolari, per ricostruire la fedele immagine sonora della Napoli Aragonese.

Per i principianti sarà possibile studiare repertori a piacere.

 

Docenti:

 

Canto solista: Patrizia Bovi

Strumenti ad arco*: Gabriele Russo

Strumenti a fiato**: Goffredo Degli Esposti

Canto corale: Simone Sorini

Liuto: Crawford Young

Arpa: Leah Stuttard

Alta Cappella: Ian Harrison

Ghironda: Giordano Ceccotti

Percussioni: Gabriele Miracle

Danza: Natalie Braker

 

* (viella, ribeca, lira da braccio)

**(flauto dritto , flauto traverso, flauto doppio, flauto e tamburo; cennamella e cornamusa per principanti)

 

Il calendario completo, comprensivo delle materie teoriche complementari, le conferenze e i concerti verrà pubblicato prossimamente

 

Costi allo studente:

 

Corso di canto/strumento: 380€

Corso di percussioni: 240€

Danza: 240€

Solo materie teoriche complementari: 180€

 

Costi per ensemble (minimo 3 membri):

 

Corso di canto/strumento: 320€

Corso di percussioni: 200€

Danza: 200€

Solo materie teoriche complementari: 160€

 

 

Termine iscrizioni: 15 Luglio 2014

 

Inscrizione/informazioni: info@centrostudiadolfobroegg.it

+39 334 79 31 560 (Peppe Frana)

 

 

0

MUSICA E ARTE IN UMBRIA 2014 Renaissance Lute Course in Spello with Crawford Young 11-16 May

spello

Lute music and iconography in paintings of the Italian Renaissance is the focus of an intimate one-week course in the beautiful hilltop town of Spello, near Assisi, at the Centro Studi Europeo musica medievale Adolfo Broegg. Daily private lute lessons (all levels welcome), guided trips to study music iconography in Assisi, Perugia and Monte Oliveto (Siena), and a recital by Crawford Young, are offered within the setting of a virtual paradise of medieval and Renaissance art, Italian cuisine and Umbrian landscape. Ensembles are also welcome for coaching of 16th – 15th – 14th c. repertoire.

PLUS, as an option for those who wish to arrive two-to-three three days early: experience the magic of the world- renowned Kalendimaggio festival of Assisi celebrating the local medieval heritage in an unforgettable three-day competition of historical music drama and pageant.

Where and when: 11 – 16 May 2014 Centro Studi Europeo di musica medievale Adolfo Broegg
Spello, Italy (map)

Tuition: € 600. ($800.) includes daily private lessons, master classes, three guided iconography field trips, concert admission

Accomodation: choose between lower or higher budget options, with or without meals, with or without Kalendimaggio add-on; non-musician partners are welcome.

Travel: organized by participant.

Schedule:

Sun 11: Lute course

Mon 12: Lute course

Tues 13: Iconography trip

Wed 14: Morning Break, Lute Course in the afternoon

Thurs 15: Lute Course

Fri 16: Lute Course

Sat: departures

 

Faculty: Crawford Young

 

How to apply: please send an email to info@centrostudiadolfobroegg.it for further information and an application form.

What a wonderful week – I cannot thank
you enough for hosting this!! (student, Musica e Arte in Umbria 2013)

0

4° FESTIVAL “SPELLO SPLENDENS” – Natale 2013

Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”
Associazione Musicale Micrologus
Comune di Spello – Assessorato alla Cultura

FESTIVAL “SPELLO SPLENDENS”
IL MEDIOEVO E IL SOFFIO INFINITO DELLA MUSICA IN FESTA

Quarta edizione – Natale 2013

Il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”, curato dall’Associazione Musicale Micrologus, presenta la Quarta Edizione del Festival “SPELLO SPLENDENS”.
Il Festival tratta di un tema particolare come la musica medievale, oltre a quella rinascimentale, e quella tradizionale, riferita alle festività intorno al Natale, eseguita dai migliori solisti e gruppi italiani, che utilizzano in special modo zampogne e cornamuse.
Il programma, continuando la formula delle precedenti edizioni, si articola tra Concerti, Mostre di strumenti musicali, Seminari e Conferenze, che si tengono in particolari luoghi della città di Spello: l’Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”, il Teatro Subasio, la Chiesa di S. Andrea, e lungo alcune strade e piazze del Centro storico Spello.
Il periodo di svolgimento è tra il 28 dicembre 2013 e il 6 gennaio 2014.

PROGRAMMA

Sabato 28 dicembre

ore 17,30/19,00 – Bar Bonci
TÈ con CONFERENZA di Francesco Zimei su:
“Nella digna stalla”
I Canti dell’Osservanza francescana nelle feste religiose tra Medioevo e Rinascimento

ore 21,15 – Chiesa di Santa Maria Maggiore
CONCERTO
MICROLOGUS (Medievale)
“Nella digna stalla”
Devozione francescana con canti e danze per le feste religiose tra Medioevo e Rinascimento
Concerto con il coro “Spello Splendens”, in coproduzione con il Comune di Spello.
www.centrostudiadolfobroegg.it/archives/3265

Domenica 29 dicembre

ore 11,30-13,00 – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”
“Vielle, liuti, ribeche… e altro ancora”
LEZIONE-CONCERTO ALLA SCOPERTA DELLA MUSICA E DEGLI STRUMENTI MUSICALI DEL MEDIOEVO
A cura di Micrologus
CONSIGLIATO ALLE FAMIGLIE – solo su prenotazione INCONTRO ANNULLATO

ore 16,30 – Chiesa di Sant’Andrea
CONCERTO
NARNIA CANTORES (Medievale)
“Legenda translationis Sancti Juvenalis”
Officio Ritmico del Santo Patrono di Narni, del XIII sec., e i più famosi canti natalizi medievali.
Narnia Cantores
Direttore: Simone Sorini.
/www.centrostudiadolfobroegg.it/archives/3265

ore 17,30/20,00 – Per le strade di Spello
“ZAMPOGNE & LENTICCHIE”
Passeggiata musicale-culinaria per il centro storico, con raduno libero dei musicisti e degustazione dei piatti offerti dai ristoratori della città, proseguendo la tradizione della Questua della Pasquarella e dell’ offerta del cibo.
Ospiti Speciali: Piero Brega (voce e chitarra) e Oretta Orengo (chitarra, voce)

Lunedì 30 dicembre

ore 17,30/19,00 – Bar Bonci
TÈ con CONFERENZA di Stefano Graziano e Vincenzo Cipriani su:
“La Poesia per Musica a Napoli nel XVI secolo”
“Il buttafuoco e la sua ricostruzione: uno strumento musicale italiano o spagnolo?”

ore 21,15 – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”
CONCERTO
LIRUM LI TRONC (Rinascimentale)
“Villanelle, moresche, canzoni e danze del Rinascimento napoletano”
www.centrostudiadolfobroegg.it/archives/3265

domenica 5 gennaio

ore 17,30/19,00 – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”
Incontro con Piero Arcangeli e presentazione del libro (con 2 CD):
“Musiche tradizionali dell’Umbria”. Le registrazioni di Diego Carpitella e Tullio Seppilli (1956).
A cura di Piero G. Arcangeli e Valentino Paparelli (Ed. Squilibri, Roma 2013)
Dalle tradizioni umbre del Natale e dell’Epifania al “Ciclo dell’anno”.
In ricordo di Valentino Paparelli

ore 21,15 – Teatro Subasio
CONCERTO
ZAMPOGNORCHESTRA (contaminazioni Folk/Rock/Classica/Jazz/Pop)
“Bag to the future”
www.centrostudiadolfobroegg.it/archives/3265

Lunedì 6 gennaio

ore 11,30/13,00 e 15,00/16,30 – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”
SEMINARIO con Pietro Ricci e Goffredo Degli Esposti
“LA ZAMPOGNA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE”
Dalle zampogne tradizionali alla zampogna modificata ed elettronica: nuove tecniche e nuove musiche.
CONSIGLIATO AGLI STRUMENTISTI A FIATO – solo su iscrizione

ore 17,00 – Sala dell’Editto, Palazzo Comunale
CONCERTO
MOLIFONIE – Pietro Ricci Quartetto (Folk/Classica)
“I Suoni del Molise”
www.centrostudiadolfobroegg.it/archives/3265

MOSTRE

Centro Studi “Adolfo Broegg”
“MOSTRA PERMANENTE DI “LIUTI E STRUMENTI A CORDA DAL MEDIOEVO AI NOSTRI GIORNI” (collezione Broegg)
Sono presenti 20 differenti strumenti a plettro (liuti, guinterne, chitarre, bouzouki), ricostruiti da diversi liutai.

6 gennaio – Centro Studi “Adolfo Broegg” – ore 11,30/13,00 – ore 15,00/16,30
“LA CAPRA CHE CANTA” – MOSTRA DI ZAMPOGNE, CORNAMUSE e CIARAMELLE DELLA TRADIZIONE POPOLARE E COLTA.
Sono esposti e presentati con esempi musicali alcuni strumenti a fiato che rappresentano il patrimonio musicale di varie popolazioni che hanno avuto, ed hanno ancora, un legame con la civiltà pastorale. Una selezione di circa 20 strumenti dei popoli europei.

LE ANTEPRIME DEL FESTIVAL

A dicembre: venerdì 13, martedì 17, giovedì 19, venerdì 27.
Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg
STAGE DI CANTO
DIVINE PASSIONI 1: “Nella digna stalla” – il CANTO CORALE DELLE LAUDI
Docenti: Patrizia Bovi e Simone Sorini
Incontri per la preparazione del Coro “Spello Splendens” per partecipare al concerto di inaugurazione del Festival, il 28 dicembre.
La partecipazione è gratuita, con prova di ammissione per il giorno 13.
www.centrostudiadolfobroegg.it/archives/3276

Tutti i CONCERTI e gli EVENTI sono ad INGRESSO LIBERO.

Per il SEMINARIO e la Lezione-concerto è necessaria un’ Iscrizione e una Quota di Partecipazione.

Info e iscrizioni: 3488722315 e-mail goffredodegliesposti@micrologus.it

0

Gli APPUNTAMENTI in CITTA’: FESTIVAL SPELLO SPLENDENS – NATALE 2013

“SPELLO SPLENDENS”
IL MEDIOEVO E IL SOFFIO INFINITO DELLA MUSICA IN FESTA
Quarta edizione – Natale 2013

GLI APPUNTAMENTI NELLA CITTA’

28 dicembre

Bar Bonci – ore 17,30/19,00
TÈ con CONFERENZA di Francesco Zimei su:
“Nella digna stalla”
I Canti dell’Osservanza francescana nelle feste religiose tra Medioevo e Rinascimento

29 dicembre

Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg” – ore 11,30-13,00
“Vielle, liuti, ribeche… e altro ancora”
ALLA SCOPERTA DELLA MUSICA E DEGLI STRUMENTI MUSICALI DEL MEDIOEVO
L’incontro con gli strumenti medievali include, inoltre, la visita guidata alla Mostra di “Liuti e strumenti a corda dal Medioevo ai nostri giorni”, alla BIBLIOTECA in cui sono esposti alcuni fac-simili a colori e la PROIEZIONE DI IMMAGINI MEDIEVALI raffiguranti gli strumenti ricostruiti.
Lezione-concerto a cura di Micrologus
CONSIGLIATO ALLE FAMIGLIE – solo su prenotazione INCONTRO ANNULLATO

Per le strade di Spello – ore 17,30/20,00
“ZAMPOGNE & LENTICCHIE”
Passeggiata musicale-culinaria per il centro storico, con raduno libero dei musicisti e degustazione dei piatti offerti dai ristoratori della città, proseguendo la tradizione della Questua della Pasquarella e dell’ offerta del cibo.
Ospiti Speciali: Piero Brega (voce e chitarra) e Oretta Orengo (chitarra, voce)

30 dicembre

Bar Bonci – ore 17,30/19,00
TÈ con CONFERENZA di Stefano Graziano e Vincenzo Cipriani su:
“La Poesia per Musica a Napoli nel XVI secolo”
“Il buttafuoco e la sua ricostruzione: uno strumento musicale italiano o spagnolo?”

5 gennaio

Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg” –ore 17,30/19,00
Incontro con Piero Arcangeli e presentazione del libro (con 2 CD):
“Musiche tradizionali dell’Umbria”. Le registrazioni di Diego Carpitella e Tullio Seppilli (1956). A cura di Piero G. Arcangeli e Valentino Paparelli (Ed. Squilibri, Roma 2013)
Dalle tradizioni umbre del Natale e dell’Epifania al “Ciclo dell’anno”.
In ricordo di Valentino Paparelli


6 gennaio

Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg” – ore 11,30/13,00 – ore 15,00/16,30
SEMINARIO con Pietro Ricci e Goffredo Degli Esposti
LA ZAMPOGNA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE”
“Dalle zampogne tradizionali alla zampogna modificata ed elettronica: nuove tecniche e nuove musiche”
CONSIGLIATO AGLI STRUMENTISTI A FIATO – solo su iscrizione

MOSTRE

Centro Studi “Adolfo Broegg”
MOSTRA PERMANENTE DI “LIUTI E STRUMENTI A CORDA DAL MEDIOEVO AI NOSTRI GIORNI” (collezione Broegg)
Sono presenti 20 differenti strumenti a plettro (liuti, guinterne, chitarre, bouzouki), ricostruiti da diversi liutai.

6 gennaio – Centro Studi “Adolfo Broegg” – ore 11,30/13,00 – ore 15,00/16,30
“LA CAPRA CHE CANTA” – MOSTRA DI ZAMPOGNE E CORNAMUSE DELLA TRADIZIONE POPOLARE E COLTA.
Sono esposti e presentati con esempi musicali alcuni strumenti a fiato che rappresentano il patrimonio musicale di varie popolazioni che hanno avuto, ed hanno ancora, un legame con la civiltà pastorale. Una selezione di circa 20 strumenti dei popoli europei.

Tutti i CONCERTI e gli EVENTI sono ad INGRESSO LIBERO.

Per il SEMINARIO e la Lezione-concerto è necessaria un’ Iscrizione e una Quota di Partecipazione.


Info e iscrizioni: 3488722315 e-mail goffredodegliesposti@micrologus.it

0

IL CORO a “SPELLO SPLENDENS” 2013 – Stage di CANTO CORALE

“SPELLO SPLENDENS”
IL MEDIOEVO E IL SOFFIO INFINITO DELLA MUSICA IN FESTA

Quarta edizione – Natale 2013

IL CORO – STAGE

A dicembre: venerdì 13, martedì 17, giovedì 19, venerdì 27.

Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”
Orari degli incontri: 18,30-20,00

DIVINE PASSIONI 1:
“Nella digna stalla” – il CANTO CORALE DELLE LAUDI
Docenti: Patrizia Bovi e Simone Sorini

Stage formativo sul canto delle LAUDI POLIFONICHE suddiviso in 4 incontri finalizzati alla preparazione del Coro “Spello Splendens” che parteciperà al concerto di inaugurazione del Festival, il 28 dicembre.

Partecipazione con prova di ammissione, giorno 13 dicembre, ore 18,30.

EVENTO GRATUITO.

INFO: 3488722315
E-MAIL: goffredodegliesposti@micrologus.it

0

I CONCERTI AL FESTIVAL “SPELLO SPLENDENS 2013″

FESTIVAL “SPELLO SPLENDENS”
IL MEDIOEVO E IL SOFFIO INFINITO DELLA MUSICA IN FESTA

Quarta edizione – Natale 2013

I CONCERTI

Sabato 28 dicembre – Chiesa di Santa Maria Maggiore, ore 21,15

MICROLOGUS (Medievale)
“Nella digna stalla”

Devozione francescana con canti e danze per le feste religiose tra Medioevo e Rinascimento
Concerto con il coro “Spello Splendens”, in coproduzione con il Comune di Spello.

Alla riscoperta – in prima esecuzione moderna – dei repertori vocali e strumentali in uso nel Centro Italia nelle feste religiose di Natale, tra Medioevo e Rinascimento. In particolar modo, abbiamo la testimonianza delle tradizioni spirituali della Città de L’Aquila, inaugurate in modo emblematico e singolare con l’istituzione del Perdono di Celestino V (1294). La speciale prescrizione celestiniana, fatta propria dalle confraternite aquilane, conobbe una nuova fioritura attraverso la predicazione dei francescani osservanti, che dal pulpito o in occasione dei loro spettacoli edificanti furono soliti cantare e far “cantare laude”, spesso basate su canzoni a ballo di grande successo popolare, che in varie occasione si tendeva a danzare. Canti monodici e polifonici accompagnati da alcuni strumenti storici e altri, come le zampogne e i tamburelli, di precisa tradizione popolare.
Inoltre, vi sarà la partecipazione straordinaria di un piccolo coro, in parte già precostituito dall’attività del Centro Studi di Spello e in parte integrato da nuovi coristi.

MICROLOGUS
Patrizia Bovi canto, arpa
Goffredo Degli Esposti flauto e tamburo, zampogna, fl. doppio e fl. dritto
Luca Dellacasa canto e organo portativo
Peppe Frana liuto
Gabriele Russo viella, ribeca
Enea Sorini canto, percussioni

Domenica 29 dicembre – Chiesa di Sant’Andrea, ore 16,30

NARNIA CANTORES (Medievale)
“Legenda translationis Sancti Juvenalis”

Officio Ritmico del Santo Patrono di Narni, del XIII sec., e i più famosi canti natalizi medievali.
Narnia Cantores – Simone Sorini

La vera storia del trafugamento e della traslazione delle reliquie di San Giovenale, primo Vescovo e Patrono di Narni, dalla Cattedrale della Città alla Pieve piemontese di S. Maria del Salice. Il suggestivo racconto, tramandato in un documento dell’Anno Mille, è narrato in musica e parole nel concerto in prima assoluta del gruppo corale Narnia Cantores.
Brani estratti dall’Officium Rythmicum Sancti Juvenalis – un raro documento musicale del primo ‘300 – cadenzati dalla lettura di alcuni passi della “Legenda Translationis”.
Nella seconda parte saranno riproposti alcuni tra i più suggestivi canti Sacri Natalizi e Mariani del Medioevo, dalle Piae Cantiones alle Cantigas de Santa Maria.

NARNIA CANTORES: Caterina Austeri, Francesco Coppo, Pietro Flori, Francesco Fonzoli, Isabella Fuccello, Daisy Gramendola, Daniele Masuadi, Laura Matticari, Anna Mattorre, Elsa Pacelli, Luigino Pasquini, Maria Pilss, Dominic Ronayne, Laura Roscini, Massimo Rossi, Marta Santanicchia, Arianna Svizzeretto, Francesca Troiani, Claudia Viviani.
Direttore: M° Simone Sorini

Lunedì 30 dicembre – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”, ore 21,15

LIRUM LI TRONC (Rinascimentale)
“Villanelle, moresche, canzoni e danze del Rinascimento napoletano”

Le musiche di questo concerto, provenienti da un manoscritto riscoperto da pochi anni, sono eseguite con il più popolare degli strumenti a corde tipici dell’area napoletana in epoca rinascimentale, il colascione, qui, per la prima volta, riproposto in un concerto inedito per la nostra regione, insieme alla sconosciuta sordellina (una zampogna di corte) e il buttafuoco (un salterio a percussione). Con questi particolari strumenti e la pratica dell’arte della variazione/improvvisazione su dei bassi ostinati, Lirum Li Tronc esegue un repertorio di danze italiane, della seconda parte del ‘500 e del primo ‘600, e accompagna il canto di villanelle, canzoni e moresche napoletane.

LIRUM LI TRONC
Goffredo Degli Esposti sordellina e buttafuoco col flauto
Simone Sorini liuto e canto
Mauro Squillante colascione piccolo, medio e grande

domenica 5 gennaio – Teatro Subasio, ore 21,15

ZAMPOGNORCHESTRA (contaminazioni Folk/Rock/Classica/Jazz/Pop)
“Bag to the future”

La Zampognorchestra suona il rock! …e il jazz, la classica, il blues, i Beatles e i Rolling Stones…
Scordatevi per un attimo lo stereotipo dello zampognaro e provate invece a immaginare che quattro musicisti armati di “bagpipe”, invece di intonare le musiche della tradizione natalizia, attacchino con il riff di “Satisfaction” dei Rolling Stones o l’intro di “With a little help from my friends” dei Beatles.
È lo straordinario e originalissimo esperimento di Zampognorchestra: sono riusciti a piegare uno degli strumenti tipici dell’Italia Centro-meridionale, trasformandolo in una vera e propria “orchestra”, tanto atipica quanto irresistibile e trascinante.
BAG TO THE FUTURE alterna composizioni originali e arrangiamenti di brani famosi, in un viaggio sonoro in cui i ritmi e le melodie tradizionali virano verso il rock, il jazz, la musica classica, dando così vita a un incontro di generi e ispirazioni eterogenee, legate insieme da tanto groove, per un impatto travolgente.

ZAMPOGNORCHESTRA
Giuseppe Moffa zampogne
Aldo Iezza zampogne
Antonello di Matteo ciaramelle
Massimiliano Mezzadonna ciaramelle

Lunedì 6 gennaio – Sala dell’Editto, Palazzo Comunale, ore 17,00

MOLIFONIE – Pietro Ricci Quartetto (Folk/Classica)
“I Suoni del Molise”

Piero Ricci è compositore e musicista polivalente, considerato il massimo esponente del suo strumento, ha portato la zampogna in tutto il mondo fino ad esibirsi al Teatro alla Scala di Milano sotto la direzione di Riccardo Muti.
Suona uno strumento da lui costruito e modernizzato.
MOLIFONIE, il nuovo gruppo di Piero Ricci, propone un nuovo genere musicale che fonde la musica classica con quella popolare: un singolare mix tra strumenti etnici come la zampogna, il mandolino e le percussioni con il pianoforte. La loro musica è una continua ricerca e sperimentazione tra le atmosfere ‘ricercate’ della musica classica e i ritmi della tradizione popolare del centro e sud Italia.

MOLIFONIE
Piero Ricci zampogna e fisarmonica
Tiziano Palladino mandolino e mandola
Luigi Vitullo pianoforte
Carmine Bruno percussioni

Tutti i CONCERTI sono ad INGRESSO LIBERO.


Info: 3488722315 e-mail goffredodegliesposti@micrologus.it

0

MUSICA SON – Masterclass in tre incontri con Patrizia Bovi – Primo incontro 31 Gennaio / 2 Febbraio 2014

 

Musica son

Il madrigale e la caccia tra ‘300 e primo  ‘400 in Italia

Patrizia Bovi

 

 

Il seminario sarà articolato su tre incontri di 3 giorni ciascuno ed esplorerà le caratteristiche compositive e l’evoluzione delle forme del madrigale  e della caccia attraverso lo studio degli autori piu importanti del ‘300 e del primo ‘400. Jacopo da Bologna, Gherardello da Florentia, Giovanni da Cascia, Vincenzo da Rimini,Jhoannes Ciconia, Lorenzo da Firenze Zachara da Teramo.

Partendo dai madrigali anonimi del codice Rossi 213 fino a quelli di Jhoannes Ciconia, si esplorerà un repertorio che attraverso la sua evoluzione compositiva e poetica cambierà completamente stile e forma solo due secoli piu tardi, analogie e differenze di una delle forme poetiche e musicali piu dibattute sia dagli studiosi  che dagli stessi interpreti. Particolare attenzione si riserverà alla tecnica vocale per l’esecuzione delle ornamentazioni.

 

Il madrigale si tratta di una forma lirica d’origine popolare, che conservò il suo carattere rustico anche quando se ne impadronirono, nella prima metà del sec. XIV, i poeti d’arte.

Una forma di poesia per musica in senso stretto, giacché i testi di tutti i madrigali e delle cacce a noi pervenuti, in larga parte anonimi, sono tràditi esclusivamente da codici musicali: la sola eccezione sembrerebbe costituita da quattro madrigali di Petrarca, inclusi nei Rerum vulgarium fragmenta.

 

Nella letteratura musicale del 1300, il madrigale ebbe come compagni la caccia e la ballata: la prima delle quali  si conservò per l’impiego del canone e la tendenza descrittiva; mentre la seconda non può andare confusa col madrigale, a causa del diverso schema metrico.

Le fonti musicali dei madrigali e delle cacce trecentesche sono riccamente rappresentate nel codice miniato Squarcialupi, conservato nella Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze, e da altri manoscritti custoditi ancora a Firenze, Roma, Padova, Parigi e Londra, dei quali i più antichi databili risalgono al 1340.

Antonio  Da  Tempo ne dettava già nel 1332 le regole in un trattatello in latino sulle forme poetiche e poetico-musicali in volgare (Summa arthis rithimici vulgaris dictaminis).Questo ci conferma l’uso di questa forma poetico musicale, precedente alle più antiche fonti che la riportano.

Gidino da Sommacampagna nel trattato delle “Rime volgari” basato sul piu antico trattato di Da Tempo trovava encomiabili i madrigali “per plures”, ossia a più voci, di Iacopo da Bologna.

E ci ricorda, inoltre,  che ciascun madrigale “dee esser cantato per tri cantori, o almeno per due cantori”.

 

 

Ai nomi di Giovanni da Cascia, o da Firenze e di Iacopo da Bologna, posti dal Villani fra i primi maestri dell’Ars nova italiana, segue, lungo il ‘300, una serie di altri madrigalisti, dei quali buona parte appartiene alla Toscana, mentre nomi di altri provengono da città dell’Italia settentrionale e centrale. Il maggiore e più ricordato fra i madrigalisti fiorentini fu il cieco Francesco Landini, morto nel 1397,e alla Toscana appartennero pure: Ser Gherardello da Florentia, Lorenzo Masini,Donato da Cascia, Franco Sacchetti, del quale peraltro non ci sono pervenuti che i testi poetici.Sulla fine del 300, appaiono ancora Abate Paolo da Firenze e frate Andrea de Servi organista, per non citarne che alcuni. Altri, invece, ebbero i natali fuori della  Toscana: Frate Bartolino e Grazioso da Padova, Ottolino da Brescia, Vincenzo da Rimini, Ser Niccolò prevosto di Perugia, Bonavito Corsini, Magister Zacarias da Teramo.

 

 

Costi:

 

Singolo incontro: 180 euro (obbligatorio il versamento di un acconto di 50 euro)

Iscrizione ai tre incontri: 450 euro (obbligatorio il versamento di un acconto di 200 euro, saldo entro il secondo incontro)

 

Arrivo venerdi mattina inizio corso ore 15-18

Sabato  10-13    15-18

Domenica 10 -13 pomeriggio partenza

 

Aperto a cantanti e musicisti – inviare curriculum

 

La Dott. Nora Tigges, filologa, introdurrà i testi poetici durante gli incontri.

 

13/14/15 dicembre 2013

 

31 gennaio, 1/2 febbraio 2014

 

marzo 7/8/9 2014

 

Scadenza iscrizioni 9 Dicembre

 

Informazioni e iscrizioni: info@centrostudiadolfobroegg.it

 

0

Il Medioevo Panalpino 2 – Maccagno Medievale 2/5 Gennaio 2014

 

CORSI DI MUSICA MEDIEVALE A MACCAGNO, 2-5 GENNAIO 2014

con

Gabriele Russo: viola e ribeca

Goffredo Degli Esposti: flauti dritti, traversi, doppio, col tamburo, cennamella, cornamusa

Ulrich Pfeifer: canto solista e corale

Giordano Ceccotti: ghironda e sinfonia

Francesco Savoretti: tamburello e percussioni

Peppe Frana: liuto e strumenti a pizzico

ISCRIZIONI APERTE FINO AL 23 DICEMBRE

Con grande piacere, con il sostegno del Comune di Maccagno (Lago Maggiore – VA), la Pro-Loco e l’Associazione Musicale Micrologus, possiamo annunciare la Seconda Edizione del nostro piccolo Corso “Maccagno Medievale”.  Visto il successo della Prima Edizione, abbiamo deciso di tornare una seconda volta ai repertori che sono in relazione con  l’arco alpino.

Visto che Maccagno, il comune ospitante, si trova presso uno dei più importanti accessi alle Alpi, ci piace dare un significato geografico ai repertori musicali che verranno studiati durante il Corso, includendovi anche brani di questo momento particolare dell’anno: dell’Avvento (San Nicola),  della nascita di Cristo (Puer natus est),  dell’inizio dell’anno (Festa dei folli/dell’asino) e dell’Epifania (viaggio ed adorazione dei Magi).

Quest’anno il corpo docenti è raddoppiato: oltre a Gabriele Russo (strumenti ad  arco), Goffredo Degli Esposti (fiati) e Ulrich Pfeifer (canto), vengono a proporre i loro corsi, a Maccagno Medievale, Giordano Ceccotti (ghironda/sinfonia), Francesco Savoretti (percussioni) e Peppe Frana (strumenti a pizzico).

Ogni corso si attiva con un minimo di 3 iscritti; il costo di ogni singolo corso è di € 200. Nel prezzo sarà inclusa la partecipazione ad un secondo corso opzionale che dovrà essere esplicitato nella domanda di iscrizione e che sarà comunque subordinato agli orari dei corsi principali, per non creare problemi di sovraffollamento delle classi. Non è chiesto alcun versamento d’acconto – confidiamo nella serietà dei partecipanti. Una volta iscritti, si prega di mantenere l’impegno, dato che la vostra iscrizione rappresenta per gli insegnanti l’assunzione dell’incarico.

Il saldo dei corsi avverrà giovedì, 2 gennaio 2014 dalle ore 9,30. I corsi inizieranno poi alle ore 10,00.

Termine dei corsi è Domenica, 5 gennaio 2014, ore 13,00. Si prevede un saggio, aperto al pubblico, la sera del 4 gennaio, all’Auditorium di Maccagno.

Inoltre, il Comune ci ha messo a disposizione diverse aule supplementari, per poter studiare individualmente in loco,  senza disturbare le lezioni vicine, e senza doversi spostare nelle camere d’albergo.

 

Per ridurre l’impegno organizzativo, chiediamo ai partecipanti di prenotare loro stessi l’alloggio; forniremo una lista di possibilità per alloggiare; ci sarà, quest’ anno, la scelta tra 3 alberghi diversi, tutti nelle vicinanze del luogo delle lezioni (max. 5 min. a piedi).

Le strutture alberghiere sono (in ordine di prezzo):

*Casa Emmaus (€20 p.p.)  tel. 3899940528

*Albergo Maccagno (€70 la doppia e €40 la singola), tel./fax 0332 560606

*Hotel Torre Imperiale (€90 la doppia e € 60 la singola,  con colazione),   tel. 0332 561000

Invitiamo i partecipanti al corso di prenotare con una certa celerità dato il periodo di vacanza.

 

Ecco il link per il MODULO D’ISCRIZIONE MACCAGNO II; vi preghiamo di rinviarcelo compilato e firmato alla mail di Lorella Erbifori:

lorellaerbifori@yahoo.it , che risponde anche a domande riguardo la logistica.

Invece, per domande riguardanti le lezioni, scrivete direttamente agli insegnanti:

uldericopifferaio@gmail.com (Ulrich Pfeifer)    gabrielerusso@micrologus.it         goffredodegliesposti@micrologus.it                     lausveris@libero.it  (Giordano Ceccotti)           info@francescosavoretti.com        peppefrana@me.com

0

Masterclass con Guillermo Pérez – La monodia del Trecento italiano: ballate & istampitte

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

12-13 Ottobre 2013

La masterclass, aperta a tutti gli strumenti, si concentrerà sullo studio del repertorio monodico vocale e strumentale dell’Ars Nova Italiana.

(En)

“Italian 14th century monody”

Istampitte and dance’s repertoire from London B.L. Add. 29987, anonymous Rossi Codex pieces, works by Florentine trecento composers.

Open course for medieval keyboards (organetto, clavisimbalum), string instruments (lute, harp, fiddle), wind instruments (recorders, alta capella), percussion players…

Schedule:

Saturday 12th October

10h-13h

15h-18h

20h30 Concert recital Guillermo Pérez

Sunday 13th October

10h-13

15h-18h

In addition to their own repertoire, the organisation will send to the students a selection of pieces to be performed during the course.

Costo iscrizione:  180€

Informazioni e iscrizione: info@centrostudiadolfobroegg.it

0

27-30 luglio 2013: “Magister In Concerto”

TUTTI I CONCERTI SONO AD INGRESSO GRATUITO

0

27 luglio/1 agosto 2013 – CORSO DI PERCUSSIONI: il Tamburello

CORSO DI PERCUSSIONI: il Tamburello.

 “Le tecniche esecutive del  tamburello nel saltarello del centro Italia: gli stili e le occasioni di esecuzione e le possibili applicazioni nella musica medievale”

Docente: FRANCESCO SAVORETTI

Nell’ambito del  IV Corso Internazionale di Musica Medievale 27 Luglio/1 Agosto 2013

Programma

IMPOSTAZIONE E TECNICHE ESECUTIVE

L’ impugnatura, il ruolo delle due mani e la posizione dello strumento rispetto al corpo del suonatore.

FIGURE DI BASE

Gli accenti Sulla cornice del Tamburello per le metriche in 2 e in 4.

TA TI RI, la sequenza base dei tre colpi per l’esecuzione del saltarello  e studio degli accenti e relative figurazioni.

­La “Battuta”, tecnica percussiva sulla pelle del tamburo effettuata con l’utilizzo del dito indice e del dito medio.

­Tecnica dell’”Urlo”.

­Il “Trillo”: tecnica di base.

FIGURE AVANZATE

­Tecnica Dell’”Urlo” a suono continuo.

­Il “Trillo”: tecnica avanzata.

Figure composte.

 

FRANCESCO SAVORETTI

Studia percussioni presso l’Università della Musica di Roma e nella capitale inizia un percorso di approfondimento verso le sonorità mediterranee con i maestri Arnaldo Vacca, Mohamed Abdalla, Andrea Piccioni e Massimo Carrano.

A Siena continua lo studio delle percussioni in ambito jazzistico con il maestro Ettore Bonafè e parallelamente si reca a Friburgo per i corsi sui tamburi a cornice con Murat Coskun, Glèn Velez, Michael Metzler, Ramesch Schotam, David Kukermann e ancora a Creta per seguire il maestro Zohar Fresco.

Le tecniche tradizionali del tamburello legate al saltarello gli sono tramandate dalla propria famiglia, vive i contesti tradizionali in cui quel repertorio veniva eseguito  e si appropria del linguaggio specifico.

Attualmente fa parte del Luca Ciarla 4’et con il quale si esibisce in importanti festival internazionali (Sud Africa, Nuova Zelanda, Stati Uniti, Cina, India, Canada, Indonesia, Malesia), collabora con il chitarrista compositore Gionni Di Clemente, con il chitarrista Giovanni Seneca, con le formazioni di world Music degli OGAM, Spring trio ed Hexperos.

www.francescosavoretti.com

www.myspace.com/francescosavoretti

www.youtube.com/FrancescoSavoretti

TERMINE ISCRIZIONI: 29 GIUGNO
I costi e le modalità di iscrizione si trovano nel form di registrazione scaricabile al link sottostante.
http://www.centrostudiadolfobroegg.it/archives/3101/form-di-registrazione-2013
Informazioni: info@centrostudiadolfobroegg.it
0

CORSO GRATUITO PER ADULTI: ALLA SCOPERTA DELLA MUSICA E DELLA CULTURA MEDIEVALE

AVVISO : IL CORSO DI PERUGIA INIZIERA’ A LUGLIO (con pausa estiva), GLI ALTRI CORSI INIZIERANNO A SETTEMBRE PROSSIMO.

Gli iscritti saranno direttamente contattati dall’Agenzia Ecipa Umbria per tutte le informazioni sulle date, i luoghi e gli orari delle lezioni.

VIAGGIO IN MUSICA ALLA SCOPERTA DELLE PROPRIE RADICI: LA CULTURA MEDIEVALE (ARTE, LINGUA E RITUALITà)

PER COMPRENDERE IL MEDIOEVO ATTRAVERSO IL CANTO, LA PRATICA STRUMENTALE E LA DANZA

IL CORSO SI TERRA’ IN 3 SEDI DIVERSE:

SPELLO

ASSISI

PERUGIA

il CORSO è GRATUITO PER ADULTI CON Più DI 25 ANNI

ed ha il fine di ricostruire l’insieme dei valori e della cultura dell’epoca medievale attraverso la piena comprensione e l’apprezzamento della produzione artistica musicale, locale ed europea.

Il Corso è tenuto da vari Docenti del Micrologus ed ha una durata di 60 ore suddivise in:

una parte teorica

(Inquadramento generale e lessico di riferimento: Medioevo; Musica: la composizione musicale, l’esecuzione musicale in forma strumentale e in forma cantata, la danza di gruppo. Storia della società medievale dal X al XV sec.. Storia della musica: generi, forme, compositori del Medioevo nella sua dimensione locale ed europea. Funzione sociale della musica. Musica e cultura orale. Storia dell’arte locale: romanico, gotico, umanesimo. Iconografia musicale di riferimento e simbologia. Principali opere musicali locali del periodo medievale. Storia dello sviluppo degli strumenti musicali. Tecnologia degli strumenti musicali.)

 

e una parte pratica (canto/canto corale, tutti gli strumenti musicali e la danza).

FREQUENZA: da stabilire, probabilmente, UNA VOLTA A SETTIMANA (SERALE)

CHI LO PUò FREQUENTARE: ADULTI CON Più DI 25 ANNI, PURCHè RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI PERUGIA (ANCHE SENZA ALCUNA PREPARAZIONE ALLA PRATICA MUSICALE).

COSTO: GRATUITO

NUMERO MASSIMO PARTECIPANTI: 15

PER ISCRIVERSI:  STAMPARE COMPILARE E SPEDIRE IL MODULO ENTRO IL 22 APRILE 2013 ALL’INDIRIZZO IN ESSO CONTENUTO.

SPELLO : nel Progetto SMART TRAINING il Corso è il n.17

ASSISI:nel Progetto AFFRESCHI il Corso è il n.9

PERUGIA: nel Progetto LA FONTANA il Corso è il n. 35 (

Domanda di iscrizione Affreschi

Domanda di iscrizione Fontana

Domanda di iscrizione smart training

0

4° Corso Internazionale di Musica Medievale 27 Luglio/1 Agosto 2013

“Guillaume de Machaut e la sua influenza sulla musica in Italia nel XIV° secolo”

IV° CORSO DI INTERNAZIONALE DI MUSICA MEDIEVALE

presso il CENTRO STUDI EUROPEO DI MUSICA MEDIEVALE “ADOLFO BROEGG” Spello (PG), Italia

 

Corsi principali:

Canto (Avanzati)  – Patrizia Bovi (Micrologus)

Canto (Principianti) – Ulrich Pfeifer (Micrologus)

Approfondimento (avanzati): “La polifonia di Guillaume De Machaut” – Lucien Kandel

Liuto – Crawford Young

Arpa – Leah Stuttard (Micrologus)

Archi medievali – Gabriele Russo (Micrologus)

Fiati medievali – Goffredo Degli Esposti (Micrologus)

Percussioni – Francesco Savoretti

Ghironda, Symphonia – Giordano Ceccotti

Danza (Avanzati) – Veronique Daniels

Danza (Principianti) – Natalie Braker

Materie complementari:

Musica e retorica – Simone Sorini

Notazione – Veronique Daniels

Musica D’insieme (Avanzati) – Patrizia Bovi, Crawford Young

Musica D’insieme (Principianti) – Goffredo Degli Esposti, Gabriele Russo, Ulrich Pfeifer

 

Il Corso sarà volto allo studio della musica italiana e francese del XIV secolo e inizi XV, per comprenderne le caratteristiche che ne definiscono lo stile, forme, strumenti, notazione: le ballate, i madrigali, la musica strumentale del Codice di Faenza, la musica di Machaut e dei musicisti che a lui si sono ispirati anche in epoca successiva, per ricostruire una prassi esecutiva appropriata che metta in luce i tratti fondamentali, e le differenze, di questi due universi musicali.

 

ARTICOLAZIONE DEL IV CORSO INTERNAZIONALE DI MUSICA MEDIEVALE

MATTINA: Corsi principali (ordinari e avanzati)

POMERIGGIO: Corsi complementari teorici  (Visita guidata della città, “Musica e retorica”,  Notazione) e Corsi complementari pratici (Musica d’Insieme principianti, Musica d’Insieme avanzati, Approfondimento del Canto per Avanzati su: “La polifonia di Guillaume De Machaut” con Lucien Kandel, Danza Principianti)

SERA: serate musicali a sorpresa, con concerti e altro, in vari luoghi della città di Spello (programma in preparazione). 1 Agosto: SAGGIO FINALE.

 

“L’influenza di Guillaume de Machaut sui compositori italiani di fine ‘300″

La fine del 300 è l’inizio di una grande stagione per la cultura occidentale, ove si conclude l’opera di Machaut e inizia quella di una generazione di seguaci  innovatori in Italia e Francia.

Ma in quali aspetti, si manifestò l’influenza del noble retorique nei compositori italiani?

Dobbiamo ricordare che solo parte dell’opera di Machaut è stata tramandata nel XV sec., da fonti principalmente venete e fiorentine: i trascrittori hanno quindi operato una scelta che seguiva il loro gusto.

La prima chiave di lettura dell’intero operato di Machaut è legata all’ars retorica, nella quale eccelsero i maestri parigini per tutto il medioevo.

Fu definito il grande poeta in forme nuove che impose ogni sorta di nuove strutture strofiche, e vi è certo gesto retorico anche nella precisione in  cui ordinò e classificò le sue opere: infatti fu uno dei pochi compositori  medievali presente alla redazione dei suoi manoscritti.

Della musica di Machaut in Italia troviamo prove certe, sotto forma di citazione musicale, in Matteo da Perugia e, per alcuni suoi testi musicati, da parte di Anthonello da Caserta, tra la Napoli Angioina e la corte Papale Avignonese, oltre alla presenza di rivisitazioni  strumentali del Codex Faenza.

(Testo estratto dalla lezione su “MUSICA E RETORICA” di Simone Sorini)

 

TERMINE ISCRIZIONI:  1 LUGLIO

I costi e le modalità di iscrizione si trovano nel form di registrazione scaricabile al link sottostante.
Previsti sconti per ensemble musicali (minimo 3 elementi)
Informazioni: info@centrostudiadolfobroegg.it
0

16 marzo 2013 – Concerto musica celtica: “MICROLOGUS PER SAN PATRIZIO”

“MICROLOGUS PER SAN PATRIZIO”

Sabato 16 marzo 2013 – ore 21,30

Auditorium del Centro Studi Adolfo Broegg – Spello (Pg)

Serata speciale al Centro di Musica Medievale di Spello, per la celebrazione del Saint Patrick’s Day (la Festa del patrono d’Irlanda), con musica tradizionale irlandese (ma anche bretone e galiziana) eseguita dai musicisti del Micrologus: struggenti slow airs, songs, marches e le danze tipiche, come reels, jigs, slip jigs, hornpipes, e quelle particolari di Bretagna e di Galizia.

MICROLOGUS:

Goffredo Degli Esposti – flauti e cornamuse

Gabriele Russo – chitarra

Ospite per l’occasione: Giordano Ceccotti – violino

 

Ingresso ad offerta (contributo al Centro Studi)

0

9-12 Febbraio 2013: CORSO DI MUSICA MEDIEVALE a MACCAGNO (Lago Maggiore)

Febbraio 9-10-11-12  2013

CORSO DI MUSICA MEDIEVALE  a MACCAGNO Lago Maggiore (Va)

Il Medioevo Panalpino

La musica nelle corti e nelle chiese dell’arco alpino tra il XII e XIV secolo

Docenti dell’Ensemble MICROLOGUS

Ulrich Pfeifer (canto medievale)
Goffredo Degli Esposti (flauti, cialamelli e cornamuse)
Gabriele Russo (viella e ribeca)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Corso si terrà  presso la Fondazione Emmaus a Maccagno  (Varese)

Mattina: Corso Vocale e Strumentale

Pomeriggio: Musica d’Insieme.

SERATA SPECIALE – sabato 9 febbraio, a Porto Valtravaglia, ore 21,00

Conferenza di Walter Chinaglia “ORGANI, MUSICA E MATEMATICA”

 a seguire, concerto con organo e il coro gregoriano CONCENTUS MONODICUS

Schola Gregoriana (Milano-Verbania), Direttore ed Organo: Riccardo Zoja

DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA DI STUDIO

Le Alpi, da sempre luogo di transito, d’incontro e di scambio, hanno  visto affrontarsi e confrontarsi  varie popolazioni per motivi i più diversi, economici, politici, linguistici e culturali. Ne sono prova le testimonianze dei numerosi artisti ultramontani attivi nelle corti del Nord d’Italia e, per un interessantissimo movimento contrario, quelle di artisti italiani presenti nelle corti d’Oltralpe.

Tutto questo ‘transito’ ha lasciato dietro di sé vistose tracce culturali, fra le quali va ricordata l’importante produzione di manoscritti di musica sacra nei monasteri svizzeri (San Gallo, Einsiedeln, Engelberg), austriaci (Innsbruck, Graz) ed italiani (Cividale, Ivrea).

L’Alto Adige è la terra natale dei due più famosi Minnesaenger (Poeti-musici dell’amor cortese) di lingua tedesca, Walther von der Vogelweide ed Oswald von Wolkenstein. Il primo diventa ‘combattente-musico’  dell’impero  tedesco;  il secondo, di famiglia nobile,  mentre commissiona a diversi manoscritti la propria notevole opera musicale, percorre  l’intera Europa del tempo a servizio dell’imperatore Sigismondo come suo ambasciatore diplomatico, senza trascurare di fornire interessanti descrizioni dei luoghi che visita e che mette persino in musica!

Nelle corti  del Nord Italia, dove è di moda parlare francese,  si invitano a soggiornare anche per lunghi periodi vari trovatori francesi, i quali, con le loro poesie e le loro composizioni, dilettano la vita di corte.

Da ultimo non va dimenticata l’ulteriore, fondamentale, occasione di scambio culturale rappresentata dai pellegrini che a migliaia attraversano le Alpi da Nord a Sud, da Est ad Ovest e viceversa, tutti diretti ai luoghi sacri e ai santuari più importanti e famosi, vicini, lontani e persino lontanissimi.

Il corso si occuperà da un lato di musiche  sacre e profane contenute nei manoscritti conservati nelle biblioteche alpine o che provengono dall’arco alpino, e dall’altro di musiche di compositori che sono nati nelle zone alpine oppure nelle corti alpine e in genere nel  Nord hanno operato.

IL CANTO

Il repertorio da affrontare nelle lezioni di canto verrà scelto in base alle capacità ed esperienze dei partecipanti;  verrà distribuito e studiato ‘in loco’. Per la parte profana, è previsto lo studio di brani monodici e polifonici come i Canti dei Trovatori, i Minnegesang,  le Ballate ed i Madrigali italiani del Codex Rossi 215; per la parte che riguarda la musica sacra, ci si occuperà di Canto Gregoriano o Ambrosiano, di ‘Organum e’ di ‘Lectio’ polifoniche.

LA MUSICA CON GLI STRUMENTI

Riguardo il versante nord-est delle Alpi, si studierà la monodia e la polifonia dei lavori di Walther von der Vogelweide e Oswald von Wolkenstein, con particolare attenzione alll’applicazione dei modi ritmici medievali nell’accompagniamento del canto.

Per la parte italiana si studieranno alcune Ballate monodiche e Madrigali polifonici del Codex Rossi 215, del primo Trecento, e anche qualche composizione dei trovatori  che, all’epoca, sono transitati nel nord Italia.

LISTA Brani:

Profani:

Codex Rossi 215:   Amor mi fa cantar – ballata,  Per troppo fede – ballata, Dal bel castel – madrigale

Segugi a corde – madrigale.

Trovadori:   Lanquan li jorn (Rudel), Kalenda maya (Raimbaud), Tut cilh’ chi sunt (anon.).

Wolkenstein:  Ain graserin, Her wiert uns dürstet also sere,  Mein Herz  ist versehrt

Vogelweide:   Palästinalied, Under der Linden

Carmina Burana: Bacche bene venies, Alte clamat epicurus

Brani profani solo per  gli strumenti:

Che ti çova nascondere – ballata (Cod. Rossi 215) La desiosa brama – madrigale (Cod. Rossi 215).

 

COSTO

Il costo del corso è  di €. 200  (sconto del 20% per nucleo familiare).
L’alloggio presso la Fondazione Emmaus di Maccagno è di €. 20 a notte per persona.

La struttura è formata da mini appartamenti  di recentissima ristrutturazione, ben arredati e tutti  con piccola cucina e bagno. Non vi sono  camere singole.
Chi fosse interessato ad avere la pensione completa può servirsi del Ristorante La Cupola situato nello stesso  edificio e convenzionato con la Fondazione Emmaus (pasto €. 10).
L’attivazione del corso è soggetta alla partecipazione di almeno  20 persone.

La sera del giorno 8 (venerdì) febbraio ci sarà l’incontro coi docenti e la presentazione del corso dove verranno date tutte le indicazioni per i giorni successivi. Ad inizio corso si verserà il saldo della quota di partecipazione.

Se interessati,  prego compilare il seguente modulo di iscrizione specificando il corso scelto e quali strumento/i intende portare.

 

MODULO D’ISCRIZIONE

Nome…………………………………………………………………

 

Cognome…………………………………………………………..

 

Data e luogo di nascita………………………………………..

 

Residente in……………………………………………………..

 

CAP………………….Città………………………………………

 

Tel……………………….. Cell………………………………….

 

e-mail………………………………………………………………

 

Richiesta di iscrizione al Corso di

 

Strumenti musicali utilizzabili per il Corso (modello e tono di accordatura)

 

Conoscenza della voce/dello strumento (specificare possesso di diploma di

conservatorio, frequenza corsi regolari scuola comunale, insegnamento privato,

autodidatta):

 

Pratica vocale o strumentale  dall’anno ……………………… presso

 

Insegnanti avuti …………………………………………………..

 

Altre conoscenze musicali…………………………………

………………………………………………………………………….

 

Si concede l’autorizzazione al trattamento dei dati personali secondo le norme

del Dlgs 196/2003.

Data………………………………………….

Firma………………………………………….

Per cortesia, indicate anche con chi desiderereste condividere la camera. I mini appartamenti possono essere anche di tre, quattro letti (due per camera).

Inviare il modulo d’iscrizione a:

lorellaerbifori@yahoo.it

Sarà inviata una e-mail di conferma.

Termine iscrizioni: 10 gennaio 2013

Dopo questa data ci si potrà comunque iscrivere con una sovrattassa di € 40 e previa disponibilità di posti.

La somma da versare come anticipo per l’iscrizione  è di € 100, sul conto dell’

ASSOCIAZIONE MUSICALE MICROLOGUS
VICOLO BOVI 3 06081 ASSISI PG
Iban:  IT30J0605538280000000000630

 

PER INFORMAZIONI:

Lorella, tel. (0039) 329 4652663
Oppure inviate una mail al seguente indirizzo:
lorellaerbifori@yahoo.it

0

29 e 30 dicembre 2012 – Seminario: LA VIELLA, LA RIBECA E LA MUSICA DEL NATALE con Gabriele Russo

LA VIELLA, LA RIBECA E LA  MUSICA DEL NATALE

Docente:  Gabriele Russo (Micrologus)

Data: 29  e 30 dicembre, ore 10,00-13,00 – Seminario al Centro Studi “Adolfo Broegg”

Durata: 6 ore.

(solo per gli iscritti)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Costo di partecipazione: 40 euro.

Termine iscrizioni: 21 novembre

contatti: info@centrostudiadolfobroegg.it

0

29 e 30 dicembre 2012 – Seminario: L’ARPA MEDIEVALE con Leah Stuttard

Seminario di ARPA MEDIEVALE

Tema: La musica inglese di Natale (carole medievali)

Docente: Leah Stuttard

Data: sabato 29 e domenica 30 dicembre 2012

Luogo: Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”

PROGRAMMA DI STUDIO
mattina – lezioni individuali
pomeriggio – musica d’insieme (aperto anche ad altri strumenti e cantanti)

 

Costo – €. 75,00 (inclusa la partecipazione in un concerto nel Centro Studi, domenica 30 alle ore 21,00)

Termine iscrizioni: 21 novembre

contatti: info@centrostudiadolfobroegg.it

0

Natale 2012: Festival “SPELLO SPLENDENS” – Terza edizione

“SPELLO SPLENDENS”
IL MEDIOEVO E IL SOFFIO INFINITO DELLA MUSICA IN FESTA

3° FESTIVAL DI MUSICA DEL NATALE, MEDIEVALE E TRADIZIONALE, E DI CORNAMUSE E ZAMPOGNE – Spello (Pg)

Il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”, curato dall’Associazione Musicale Micrologus, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Spello, organizza la Terza Edizione del Festival “SPELLO SPLENDENS”. Il Festival tratta una tematica particolare coma la musica medievale e quella tradizionale, le zampogne e le cornamuse, collegate alle festività intorno al Natale, e si svolge in suggestivi luoghi della città di Spello: l’Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”, il Teatro Subasio, la Chiesa di Santa Maria Maggiore, la Chiesa di S. Andrea, e lungo alcune strade e piazze di Spello.

Il periodo di svolgimento è tra la fine di dicembre 2012 e l’inizio del gennaio 2013, con una concentrazione degli eventi principali nei due fine settimana del 28-30 dicembre e del 4-6 gennaio.
Il programma, continuando la formula delle altre due edizioni, si articola tra Concerti, Mostre di strumenti musicali, Seminari, Conferenze e Lezioni-concerto.

TUTTI GLI EVENTI SONO A INGRESSO LIBERO (eccetto i Seminari)

I CONCERTI

 

Venerdì 28 dicembre – ore 21,15 – Concerto alla Chiesa di Sant’Andrea

“STELLA NOVA IN FRA LA GENTE”

Laudi della Natività tra Medioevo e musica della tradizione orale

Micrologus & Pino De Vittorio

Con la partecipazione straordinaria del Coro “Spello Splendens”

Dalle Laudi, del codice di Cortona (fine XIII sec.), alle  composizioni liturgiche medievali passando per varie musiche di tradizione orale del sud Italia sul tema del Natale, con la partecipazione straordinaria di Pino De Vittorio: canti processionali,  canti rituali, sonate e  danze, ninne nanne per la nascita di Gesu Bambino, novene natalizie; questi repertori paraliturgici rimasti in uso in alcune zone della penisola,  sono  la sopravvivenza di stili e tecniche musicali, di significati antropologici e sociali,  e di una spiritualità, che affondano le proprie radici nel Medioevo e forse anche oltre.
Voci e suoni quasi completamente dimenticati, che nel mondo attuale sono relegati nel folklorico,  rivivono della loro antica funzione, rivelandosi una chiave di lettura di una cultura distante e altrimenti difficilmente comprensibile.
Gli strumenti musicali utilizzati sono, invece, un’eccezione nella pratica del canto devozionale; in occasioni di festività particolari, nelle processioni e glorificazione dei santi, questi strumenti si potevano aggiungere, fornendo sostegno e rinforzo al canto, su richiesta di quelle confraternite che potevano permettersi il pagamento di musicisti professionisti.
Il concerto, nella sua essenziale ricostruzione, tende alla riproposta non solo degli aspetti propriamente musicali di questo repertorio, ma anche della funzione che queste musiche avevano nel mondo delle confraternite dei Laudesi, delle cattedrali romaniche e di quel repertorio della tradizione orale di oggi ancora presente nelle sue caratteristiche di arcaicità e autenticità.

Il programma prevede la partecipazione del Coro “Spello Splendens”, formato dai bambini della Scuola Primaria, dai ragazzi della Scuola Secondaria di Primo Grado di Spello e da alcuni adulti, preparati sul canto medievale grazie ad una serie di lezioni specifiche effettuate dai docenti del Micrologus.
Per tale motivo si prevede un periodo di preparazione dei coristi che va da Ottobre a Natale 2012.
MICROLOGUS
Patrizia Bovi – canto, arpa, buccina
Goffredo Degli Esposti – cornamusa, flauto bicalamo, cennamella, flauto
Gabriele Russo – viola, ribeca, buccina, lira calabrese
Mauro Borgioni – canto, cimbali
Peppe Frana – liuto, guinterna
Enea Sorini – canto, naccheroni, campane
Pino De Vittorio  – voce, chitarra battente, percussioni
Coro “Spello Splendens”

 

Sabato 29 dicembre – ore 21,15 –  Concerto al Teatro Subasio

‘PIPER’S NIGHT’

Racconti di  cornamuse dall’Irlanda, la Scozia e la Francia

Birkin Tree

Fabio Rinaudo – uilleann pipes, scottish small pipes, musette bourbonnaise

Michel Balatti – flauto traverso irlandese

Filippo Gambetta – organetto diatonico

Claudio De Angeli – chitarra

Da circa duemila anni la cornamusa è presente nel panorama degli strumenti musicali e nonostante l’età esercita sempre un grande fascino sugli ascoltatori.

Il concerto presenta un itinerario  musicale  attraverso la tradizione irlandese, scozzese, francese (e, a sorpresa, qualcosa del nord Italia), illustrando  le analogie e le differenze tra diversi strumenti e tra i diversi stilemi musicali.

 

Domenica 30 dicembre – ore  21,15 – Concerto all’ Auditorium CeSAB

“BE MERRY BE MERRY ”

Passatempi Piacevoli e Carole di Natale: come gli inglesi medievali  e gli scozzesi si divertivano 

Leah Stuttard & Gaita

Leah Stuttard – arpa

Con la partecipazione dei Gaita (Scozia)

Chris Elmes – cornamusa, viella, liuto, percussioni

Cait Webb – cennamella, arpa, percussioni

Leah Stuttard, inglese, suona l’arpa medievale, di cui è specialista, da oltre 10 anni. Ha studiato col Professore David Fallows, a Manchester, e ha vinto un “Leverhulme Trust Study Abroad Studentship” per studiare alla prestigiosa Schola Cantorum di Basilea, Svizzera. Nel 2003-4 è stata Lettrice Ospite all’Università di Birmingham, insegnando notazione dei secoli XV e XVI. Collabora con i gruppi Micrologus, Bardos Band (Gran Bretagna) e Hesperion XXI (Spagna).

 

Venerdì 4  gennaio  – ore 21,15 – Concerto all’ Chiesa di S. M. Maggiore

“IL SUONO DEL VENTO, ORGANI E ZAMPOGNE”

Le pastorali tra musica colta e tradizionale

Suoni della Terra

Alessandro Mazziotti – zampogne, ciaramelle, cornamuse, bombarde

Orlando D’Achille – zampogne, ciaramelle, cornamuse, bombarde

Luigina Parisi – Organo

 Un concerto che attraversa suoni, melodie e versi tramandati da una secolare tradizione della quale gli zampognari sono l’emblema. Si rievoca questo straordinario incontro tra musica liturgica, pastorali per organo, musiche natalizie e cultura pastorale proponendo sia repertori di tradizione zampognara, che repertori scritti da grandi musicisti, viaggiatori incantati dalle suonate degli zampognari del loro periodo e dai quei suoni che, dal 1500 ad oggi, conservano ancora intatti i loro tratti arcaici.

 

Sabato 5  gennaio – ore 17,00 – Concerto alla Chiesa di San Ventura

CANTO DI NATALE

musiche di Natale tradizionali ed antiche

Sonidumbra

Barbara Bucci – voce,  percussioni

Marco Baccarelli – organetto, fisarmonica, cornamusa, ciaramella, doppio flauto

Gabriele Russo – violino, lira calabrese, nichelarpa, zampogna, viella

Luca Piccioni – chitarra, chitarra battente

La mancanza di una ricca tradizione musicale natalizia nella nostra regione, fatta eccezione per il canto delle “pasquarelle” nel periodo dell’Epifania, ha portato Sonidumbra ad intraprendere un ipotetico viaggio che volge lo sguardo verso le tradizioni musicali orali di alcune regioni italiane per interpretare i più bei canti del Natale.

Spesso le prassi esecutive delle culture tradizionali tramandano consuetudini direttamente dalle tradizioni musicali antiche; nel concerto è possibile cogliere stretti legami tra le varie epoche: come nelle forme polivocali a due voci o nell’uso dell’accompagnamento strumentale con suoni fissi, è l’esempio di strumenti quali la viella, la cornamusa, la lira e della zampogna, strumento che identifica nell’immaginario collettivo il Natale.

Accanto alla coppia storica Zampogna ciaramella, verranno presentati canti accompagnati da strumenti come la lira mediterranea (quella tipica calabrese), il mandolino, il violino popolare,  la chitarra battente, tamburelli, tamorre e il baghet una delle poche cornamuse italiane estinte e cadute dall’uso nei primi anni del ‘900.

Infine gli strumenti moderni, l’organetto diatonico e la fisarmonica, che, nel secolo XIX, hanno sostituito le zampogne un po’ ovunque nel ruolo di strumenti popolari, qui riuniti e “riappacificati” insieme con i loro antenati agresti nei repertori umbri tradizionali.

 

Domenica  6  gennaio – ore 17,30 – Concerto al Teatro Subasio

“MARTÉLA LA PAJA” Musiche dell’Appennino piacentino

I Musetta

Ettore Losini “Bani”: piffero, flauto, voce

Pier Carlo Cardinali: müsa, piva, chitarra, voce

Marion Reinhard: fagotto, piffero

Davide Balletti: fisarmonica

I Musetta, che prendono il nome dal duo formato da piffero e musa, sono un gruppo di musica tradizionale italiano originario della provincia di Piacenza. Nascono all’inizio degli anni settanta con Ettore Losini, suonatore di piffero e, nel 1988, con Piercarlo Cardinali reintroducono l’uso della müsa, cornamusa appenninica, da tempo scomparsa perché soppiantata dalla fisarmonica. L’incontro con la fagottista Marion Reinhard, nel 2009, musicista della Filarmonica di Berlino e dell’Orchestra del Teatro alla Scala, stabilitasi a Degara di Bobbio dalla Germania, porta il gruppo a nuove esperienze inserendo il fagotto come nuovo strumento. Davide Balletti, cugino di Attilio Rocca (della formazione originaria), ha preso dal suo parente la passione per la musica tradizionale e così è diventato il fisarmonicista attuale del gruppo.

Portatori della tradizione musicale delle Quattro Provincie, insieme raccolgono un vastissimo repertorio di musiche da piffero in Val Trebbia. Questo repertorio comprende oltre le antiche melodie da ballo come alessandrina, monferrina, giga, bisagna, perigordino, quelle più recenti, polca, mazurca, valzer e i brani che scandivano i momenti della vita contadina: questue come il Carlin di maggio, la leva con Leva levon; il matrimonio con la Sposina (brano per accompagnare la sposa dalla sua casa alla chiesa) e altri brani “da strada” come la sestina, per accompagnare cortei nelle varie occasioni.

 

EVENTO SPECIALE

Sabato 5  gennaio - dalle ore 18,30 alle 21,30

“Zampogne & Lenticchie” e “Pasquarelle” con Piero Brega

Passeggiata musicale-culinaria per le strade della città: con musica all’aperto e alcune soste per degustare i piatti offerti dai ristoratori della città.

 

LE VISITE GUIDATE- CONFERENZE

 

Sabato 29 dicembre  – ore  17,00-18,00  – Centro Studi “Adolfo Broegg”

“ALLA SCOPERTA DELLA MUSICA E DEGLI STRUMENTI MUSICALI DEL MEDIOEVO”

A cura di Micrologus

 

Domenica  6  gennaio – ore  11,00-12,00  – Centro Studi “Adolfo Broegg”

“ALLA SCOPERTA DELLA MUSICA E DEGLI STRUMENTI MUSICALI DEL MEDIOEVO”

A cura di Micrologus

 

LE MOSTRE

 

dal 27 dicembre al 6 gennaio “LA CAPRA CHE CANTA”

Sal Prampolini, Pro-loco

 

dal 27 dicembre al 6 gennaio Mostra PERMANENTE di “Liuti e strumenti a corda dal Medioevo ai nostri giorni” (collezione  Broegg)

Centro Studi “Adolfo Broegg”

 

I SEMINARI

 

29 e 30 dicembre – ore 10,00-13,00 e 15,00-18,00 – Centro Studi “Adolfo Broegg”

L’ ARPA MEDIEVALE

con Leah Stuttard

 

29 e 30 dicembre – ore 10,00-13,00 – Centro Studi “Adolfo Broegg”

LA VIELLA, LA RIBECA E LA  MUSICA DEL NATALE

con Gabriele Russo (Micrologus)

 

29 e 30 dicembre – ore 10,00-13,00

I FLAUTI, LA CORNAMUSA, E LA  MUSICA DEL NATALE

con Goffredo Degli Esposti (Micrologus)

 

ALTRI SEMINARI fuori programma natalizio


 

27 Novembre, 14, 18 e 27 Dicembre 2012 – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”

STELLA NOVA IN FRA LA GENTE

Laudi della Natività

Docente: Mauro Borgioni

La partecipazione al seminario è GRATUITA.

 

17 Dicembre 2012 – Teatro Subasio

LEZIONI-CONCERTO “GLI STRUMENTI MEDIEVALI, LE ZAMPOGNE  E LE CIARAMELLE”

3° Incontro con gli strumenti medievali per le Scuole di Spello

A cura di Micrologus

0

Novembre-Dicembre 2012 – Seminario: LAUDI DELLA NATIVITA’ con Mauro Borgioni e Patrizia Bovi

Novembre-Dicembre 2012

 

“STELLA NOVA IN FRA LA GENTE”

Laudi della Natività

Docente: Mauro Borgioni e Patrizia Bovi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luogo: Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”

Seminario articolato in 4 incontri finalizzati alla preparazione di alcune Laudi medievali che verranno eseguite in concerto con il Micrologus il 28 dicembre, alle ore 21,15, nella Chiesa di Sant’Andrea.

Le laudi che verranno studiate, nella sezione dei ritornelli, sono:

LAUDE NOVELLA
DAL CIEL VENNE MESSO NOVELLO
CRISTO E’ NATO ET HUMANATO
GLORIA ‘N CIELO
STELLA NOVA
AVE DONNA SANTISSIMA
DOLCE VERGINE MARIA

Gli incontri sono fissati per le ore 17,30 dei giorni:

Martedì 27 NOVEMBRE
Giovedì 13 DICEMBRE
Martedì 18 DICEMBRE
Giovedì 27 DICEMBRE

La partecipazione al seminario è GRATUITA.

Termine iscrizioni: 21 novembre

contatti: info@centrostudiadolfobroegg.it

0

Corso di Solmisazione con Emiliano Finucci

Il corso di solmisazione con Emiliano Finucci è dedicato agli studenti del III Corso Internazionale di Musica Medievale che si terrà presso il Centro Studi “Adolfo Broegg” dal 30 luglio al 4 agosto 2012.

 

Il corso sull’antica pratica della Solmisazione, che da sempre rappresenta «l’ottime porte e vie da condurre ogni cantante che brami di cantar per via di ragione al desiato fine di saper ben cantare e solfeggiare» [«Prattica di Musica», Lodovico Zacconi, Venetia 1592], e che fu principalmente il frutto dell’esperienza didattica del monaco aretino, Guido, sarà sviluppato sia sotto il profilo puramente teorico, sia sotto quello pratico attraverso esercitazioni di lettura cantata in solmisazione che tendano all’acquisizione delle competenze oggetto del corso.

 

Saranno trattati i seguenti argomenti:

  • la teoria musicale medievale (cenni sulla notazione e sulla modalità);
  • l’inno Ut queant laxis e l’esacordo;
  • il Gamut e la mutazione;
  • le qualità delle sillabe;
  • la mano guidoniana;
  • la musica ficta.
0

4 e 5 Giugno 2012 – Saggi degli allievi della Scuola ad Indirizzo Musicale di Spello

4 e 5 Giugno 2012, Santa Maria della Consolazione di Prato, ore 17.30

SAGGI DEGLI ALLIEVI DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE
“G. FERRARIS” SPELLO

Classe di chitarra Prof.ssa Lucia Bellucci
Classe di flauto Prof.ssa Mariella Spinosa
Classe di pianoforte Prof.ssa Fiorella Rambotti
Classe di violino Prof.ssa Alessia Monacelli

PROGRAMMA del 4 giugno

Marzioli Carlo Andrea YANKEE DOODLE Trad. U.S.A
Gervasi Matteo CACCIA NELLA JUNGLA Trad. Malesia
Brunetti Leonardo

Antiseri Samuele GYMNOPEDIE n.1 E. Satie

Menichelli Angelo IL SOLE ILLUMINA BOTTIGLIE S. Covello
COLORATE

Mannola Chiara CANZONE NOSTALGICA F. Gulli

Michela De Luca A BIRTHDAY CAKE P. van Deer Staak
Valeria Cantoni BOURRE’ J. Krieger

Baranenco Ekaterina IL CIGNO C. Saint Saens

Arianna Lupia LIBIAM DEI LIETI CALICI G. Verdi
LA DONNA E’ MOBILE G. Verdi

Tardioli Matteo NOTTE ARABA G. Fricelli

Diotallevi Camilla CONCERTINO IN SI MINORE O. Rieding
OP. 35 III TEMPO

Azzarelli Giorgia ACQUARIO C. Saint Saens

Marzioli Carlo Andrea LA GRANDE MELA Trad. Usa

Plotnic Paula Elena IL TRENINO C. Moretti
MOTIVETTO DI PRIMAVERA S. Covello

Alimenti Maria Vittoria LONG, LONG AGO T. H. Bayly

Ortolani Simone IL BEL DANUBIO BLU J. Strauss

Fochini Chiara GO TELL AUNT RHODY Folk Song

Buono Riccardo VIAGGIO IN GROPPA AL TONNO F. Carpi
Trufan Anca Silvia

Brunetti Leonardo MODERATO D. Mastrangelo
STUDIO G. Unterberger

Giorgettini Sofia TEMPO DI GAVOTTA A. Trombone

Pietrarelli Chiara ANDANTINO S. Suzuki

De Gaetano Hilde SERENATA MELANCONICA J. Andersen

Lupparelli Luca LEZIONE J. Kuffner

Marzioli Carlo Andrea FRAMMENTO DA BALLETTO J. B. Besard

Di Camillo Federico CANTO DEI CAVALIERI L.Knipper
E’ ARRIVATO L’ACCORDATORE? A.Mozzati

Marzioli Carlo Andrea FRAMMENTO DA BALLETTO J. B. Besard

Scarponi Asia BARCAROLLE E.T.A. Hoffmann

Buono Riccardo MARCIA TRIONFALE AIDA G. Verdi

Federici Filippo ANTICA CANZONE NAPOLETANA P.I.Ciaikovski
ASSIM NINAVA MAMAM H. Villa-Lobos
BRINQUEDO DE RODA H. Villa-Lobos

De Gaetano Hilde DANISH FOLK SONG Trad. Danese
Ortolani Simone TRE CANZONI POPOLARI B. Bartok
Scarponi Asia CANZONE POPOLARE Z. Kodaly

PROGRAMMA del 4 giugno

Paradisi Linda PAVANE G. Faure
Tordoni Matisse

Buono Riccardo STUDIO 61 J. Sagreras
PICCOLE VARIAZIONI R. Fancini

Segarelli Damiano SERENATA ORIENTALE M. Cagnacci

Bibi Elena TEMA E VARIAZIONI J. Andersen

Cantoni Angelo SCARAZULA, MARAZULA Trad.
STUDIO R. Fabbri
MALAGUENA Trad. Spagna

Dionisi Lorenzo IL MULINO T. Aprea
TAMBURI INDIANI Bastien

Preziosi Filippo GAVOTTA F. Gulli

Maccari Federico LA MARCIA DI TOPOLINO J. Dodd
MINUETTO J. S. Bach

Lupparelli Emily CONCERTINO N. 2 E. Bernardi
IN SI MIN OP. 8

Proja Laura SONATA IN FA MAGG. G.F. Telemann

Soravia Marco FRA MARTINO Trad.
TEMA DI PAPAGENO W. A. Mozart

Spalletta Sofia PICCOLA STELLA Tradizionale

Trufan Anca Silvia SERENATELLA T. Aprea
LA PICCOLA FILATRICE T. Aprea

Taccucci Riccardo MARCH J. S.bach

Proja Laura ANDANTE Schneider
Tordoni Matisse MINUETTO E TRIO von Dittersdorf
Mazzocanti Elia
Bibi Elena

Fantini Simona LIGHTLY ROW S. Suzuki

Verdi Sebastiano VALZER op.24 n.1 F. Kuhlau
Basarab Iryna

Roani Giovanni ALLEGRO S. Suzuki

Raggi Lara CIARDA A. Curci

Lupia Arianna CANZONE C. Antitomaso
BARCAROLA C. Antitomaso
PRELUDIO IN LA MIN. M. Carcassi

Basarab Iryna TEMA E VARIAZIONI D. Kabalevsky
OP..51 N. 3

Masciotti Francesca TRIO in re magg J.J. Quantz
Paradisi Linda Vivace e Minuetto
Americcioni Elia

Crescentini Vittoria IRISH FOLK SONG Trad.
Pantalla Chiara SIMPLE BLUES Trad.
INNO ALLA GIOIA L. van Beethoven

Pierantozzi Lorenzo MARCIA J. F. Handel

Verdi Sebastiano SONATINA op.168 n.1 A. Diabelli
Moderato-Andante-Rondò
DANZA DI COLOMBINA B. Martinů

Diotallevi Camilla TRIO DELLE DAMIGELLE W. A. Mozart
Lupparelli Emily
Raggi Lara

0

16 maggio 2012 – CONCERTO DI SAROD con Sougata Roy Chowduri

Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”, Spello (Pg)
16 maggio 2012, ore 21,00

Sougata Roy Chowduri – sarod
Ciro Montanari – tabla


Il Centro Studi “Adolfo Broegg” ospita il concerto di uno dei più affermati giovani esponenti della tradizione musicale Hindustana: Sougata Roy Chowduri, virtuoso del liuto a plettro Sarod. Per l’occasione sarà accompagnato da Ciro Montanari, italianissimo esperto di tabla di fama internazionale.

SOUGATA ROY Chowdhury è uno dei musicisti prossime giovani nati nel 1973 in una famiglia di arte e musica. Suo padre Prof. Sarbari Roy Chowdhury, un eminente scultore del nostro paese, è anche un grande appassionato e collezionista di musica classica Hindustani per circa quattro decenni. Madre di Sougata di Smt. Ajanta Roy Chowdhury ha studiato musica classica vocale Hindusthani nel grande Agra Gharana.
Sougata è stato portato in un ambiente artistico e musicale, che lo fece conoscere la musica classica Hindusthani, e la musica divenne il suo primo amore della sua infanzia. All’età di dieci anni ha iniziato le sue lezioni in calssical musica Hindusthani instumental (Sarod) sotto la guida del suo Guru, Late Dhyanesh Khan che ha ereditato la musica della tradizione ‘SENI Gharana’ dal (suo nonno) Late Acharya Shri Allauddin Khan, (padre) Shri Ustad Ali Akbar Khan e (zia) Smt. Annapurna Devi. Sougata Talim ha ricevuto il suo rigoroso iniziale da lui, fino alla sua morte improvvisa e sfortunata nel 1991 all’età di 48. Sougata continuato a studiare con Shri Dhyanesh Khan fratello maggiore di Shri Aashish Khan, il giocatore più importante Sarod del Gharana.
Attualmente, Sougata riceve la sua Talim regolare dal Prof. Santosh Banerjee il Sitar e il giocatore più importante Surbahar e vive a Calcutta allenatore che nel discepolo di Ustad Md Dabir Khan Sahib di Rampur ‘Seni Gharana’ il BINKAR grande della famiglia di Mian Tan Sen.
Dal 1994 Sougata iniziato a dare le sue performaces pubblico Solo nel resto del paese. Nel maggio 2000 era stato in Europa (Francia, Germania Austia) per un tour di concerti.

Titolo di studio: Sougata completato il suo BA e MA presso il Dipartimento di Storia Antica indiana, Cultura e Archeologia, Visva-Bharati University (Santiniketan) durante gli anni 1993-1998. Ha conseguito anche una laurea in Musica di Prachin Kala Kendra (Chandigarh). Nel 2000 ha ricevuto borse di studio nazionale dal Ministero delle Risorse Umane, New Delhi. 2000 – 2001 assegnato dalla Pt. Ravi Kichlu d’oro Talent Contest fondazione.

0

8 maggio 2012 – Crawford Young: Concerto di Liuto

Foligno, Palazzo Trinci, Sala Sisto IV 8 maggio 2012 – ore 21,00 Concerto di Crawford Young
INTABULATURA DE LAUTO, LIBRO TERTIO: IL REPERTORIO PERDUTO
Ingresso: intero € 7,00 ridotto € 5,00

Nel 1501 Ottaviano Petrucci pubblicò il primo codice musicale stampato a Venezia, comprendente quattro volumi di musica per solo liuto uno dei quali, il più prezioso e costoso al tempo, pubblicato nel 1508, è andato perduto. Il suo autore era il famigerato liutista Gian Maria Alemanni, celebre alle cronache a causa della sua condanna a morte per aver assassinato l’amante di sua moglie circa quindici anni prima. Fuggito da Firenze e dalla compagnia di colleghi musicisti come il famoso compositore Alexander Agricola, Alemanni ebbe salva la vita e divenne uno dei più famosi liutisti della sua generazione. INTABULATURA DE LAUTO, LIBRO TERTIO: Il REPERTORIO PERDUTO fornisce una panoramica della musica per liuto degli anni 1470, 80 e 90, presentando arrangiamenti del repertorio internazionale della corte del Magnifico, oltre che balli e basse danze italiane, inclusa una bassadanza attribuibile all’Alemanni stesso.

Crawford Young 

PROGRAMMA Quene Note Anon., Oxford, Bodl. Libr. MS Digby 167 Rostiboli Tenor: Domenico da Piacenza Verceppe “ *** Myn trud gheselle Anon., Wolfenbüttel, Staatsarchiv VII B Hs 264 Ich far dahin wen es syn mus “ Gross senen “ En avois Anon.,Berlin, Staatsbibl. MS 40613 Wann ich betracht die vasenacht Anon., München, Bay. Staatsbibl. Cim 352b *** De tous biens plaine Johannes Tinctoris (c.1435 – 1511) Comme femme Alexander Agricola (c.1446 – 1506) Due ricercare antichi Francesco da Milano *** Tenore del Re di Spagna Guilermo Ebreo et al *** Pavana Anon., Paris, Bibl. nat., Rés. Vmd MS 27 Pavana regio “ Saltarello “ Ricercar “ Va t’en regrets “ Nec mihi nec tibi Jacob Obrecht (c.1458 – 1505) *** Il fantazies de joskin Josquin des Prez (?) (d. 1521) So ys emprinted Walter Frye (fl. 1450 – 75) Tres doulx regart Johannes Martini (d. 1497) *** Cayphas Loyset Compère Le grant desir “ Se non dormi donna “ *** La Spagna Francesco da Milano Bassadanza Anonymous/Gian Maria Alemanni (?) Zappay Anon., Montecassino, Bibl. dell’Abbazia MS 871

0

28 Aprile-1 Maggio 2012 – CORSO INTERNAZIONALE DI GHIRONDA

28 Aprile-1 Maggio 2012
V° CORSO INTERNAZIONALE DI GHIRONDA – Prima parte: principianti

Docente: Marcello Bono

Argomenti del Corso di ghironda per principianti:
– regolazione, accordatura e messa a punto dello strumento
– postura
– diteggiatura di base
– divisione ritmica per l’esecuzione dei “colpi” fondamentali
– esecuzione di semplici melodie

Marcello Bono, docente dello stage, musicista, studioso, scrittore e costruttore egli stesso di ghironde, considerato uno dei maggiori esperti della ghironda: ne ha studiato i metodi e ricostruito copie dello strumento d’epoca barocca, con cui si è esibito in lezioni-concerto in Italia e all’estero.

Sale espositive del palazzo comunale – Spello (Pg)
Orario: 10,30-13,00 e 15,30-18,00 (21,00 -24,00 jam session)

Marcello Bono vanta un’esperienza ultra trentennale sulla ghironda.
Ha studiato particolarmente la pratica barocca dedotta dai metodi dell’epoca, costruendo numerose copie di ghironde del XVIII secolo con le quali si è esibito in concerto in Italia ed all’estero.
Oltre ai repertori barocchi ha proposto in concerto, con varie formazioni e come solista, repertori che spaziano dalla musica medievale alla contemporanea.
Ha tenuto numerosi stage di ghironda barocca ai corsi di musica antica di Urbino ed all’OTW Festival di Seattle (USA, dal 1997 al 2002).Nel 1989 ha pubblicato per le Edizioni Forni la tutt’ora unica monografia in italiano sulla Ghironda (Ghironda, storia, repertorio, tecnica esecutiva e costruzione – Forni editore).
Ha tenuto numerose conferenze e lezioni-concerto, le ultime delle quali a Palazzo Venezia, Roma, dove un suo strumento è stato esposto alla mostra di strumenti antichi “Leutaro in Roma”, alla Schola Cantorum Basiliensis (CH), dove la sua conferenza sulla costruzione di ghironde barocche ha aperto un simposio internazionale interamente dedicato alla ghironda, ed al Museo della Musica di Bologna dove ha ideato e curato la produzione artistica di un ciclo di conferenze dedicate alla “storia degli strumenti bizzarri e dei loro repertori inconsueti” in collaborazione con l’accademia Arcanto.

Organizzato da Giordano Ceccotti in collaborazione con il Centro Studi.
Per info: 3479133050

RINVIATA la Seconda Parte: livello avanzato
Docente: Stephane Durand

0

Concerto “INSIEME PER ADOLFO” Spello, 26 aprile 2012

“INSIEME PER A DOLFO”
Concerto ENSEMBLE MICROLOGUS/ESTATE DI SAN MARTINO
Teatro Subasio, ore 21,00 – Spello, giovedì 26 aprile
In memoria di Adolfo Broegg.

Un progetto speciale, di musica medievale, etnica e composta, in collaborazione col gruppo rock-progressivo Estate di San Martino.
Nel commemorare il 6° anniversario della scomparsa di Adolfo Broegg, si presenterà una suite, realizzata da Gabriele Miracle, dei brani musicali del film “Mediterraneo” di Salvatores, che vinse l’Oscar nel 1992 come Miglior Film Straniero, e che il Micrologus realizzò come colonna sonora nel 1991.
Da allora non ha più ripreso queste musiche, tra l’altro, composte da Giancarlo Bigazzi, recentemente scomparso.
La serata si aprirà con la presentazione del nuovo CD “Talsete di Marsantino” del gruppo, di Perugia, Estate di San Martino.

ENSEMBLE MICROLOGUS
Patrizia Bovi – canto, arpa
Gabriele Russo – viella, ribeca, nyckelharpa (viola meccanica svedese)
Goffredo Degli Esposti – kaval (flauto obliquo balcanico), piffero
Gabriele Miracle – salterio e percussioni
Peppe Frana – oud (liuto arabo)

ESTATE DI SAN MARTINO
Massimo Baracchi – basso
Marco Pentiricci – voce, chitarra, flauto, sax soprano
Riccardo Regi – chitarre
Sergio Servadio – batteria
Stefano Tofi – tastiere

A sei anni dalla scomparsa di Adolfo Broegg, L’Estate di San Martino, storico gruppo di rock progressive perugino con il quale lui ha suonato dal 1980, anno in cui arrivò da Roma, e i Micrologus, Ensemble di musica medievale fondato da Broegg nel 1984 assieme a Patrizia Bovi, Goffredo Degli Esposti e Gabriele Russo, il 26 aprile 2012 terranno un concerto che li vedrà “insieme” sul palco del teatro Subasio di Spello, città nella quale Adolfo abitava con la famiglia e della quale è stato anche assessore alla cultura. Il concerto che inizierà alle ore 21, si articolerà in tre fasi. La presentazione in anteprima da parte dell’Estate di San Martino del cd “Talsete di Marsantino” che ha visto la partecipazione dell’ex chitarrista dei Genesis, Steve Hackett che nel cd suona due brani, del cantante del Banco del Mutuo Soccorso, Francesco Di Giacomo, e di due componenti dei Micrologus, Goffredo degli Esposti e Gabriele Russo. Durante l’esibizione sarà proiettato integralmente il progetto video appositamente creato per questo lavoro da Massimo Achilli. Ci sarà anche la partecipazione dell’attore Mauro F Cardinali come voce narrante che leggerà un estratto del racconto breve scritto dall’Estate di San Martino dal quale prende spunto il nuovo lavoro del gruppo. Seguirà l’esibizione dei Micrologus che presenterà alcuni dei brani più significativi tratti dal loro ampio repertorio e, infine, i due gruppi saliranno assieme sul palcoscenico per suonare una suite originale appositamente creata per questa occasione, tratta dalla colonna sonora del film premio Oscar “Mediterraneo” di Gabriele Salvatores nel quale l’Ensemble suonò nel 1991. Il concerto è organizzato da Comune di Spello, Fontemaggiore e Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”.

INGRESSO: 10 euro
(Il ricavato del concerto andrà a sostegno dell’attività del Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”)

0

Concerto – Sabato 7 aprile: MICROLOGUS “PRINCIPIO DI VIRTU’”

Sabato 7 aprile, ore 18,00

Auditorium del Centro Studi

“PRINCIPIO DI VIRTU’”
MUSICHE MARIANE AL TEMPO DEI PELLEGRINAGGI MEDIEVALI
(LECANTIGAS DE SANTA MARIA, LE LAUDI, LLIBRE VERMELL DI MONTSERRAT )

MICROLOGUS
Goffredo Degli Esposti – doppio flauto, zufolo e tamburo,
traverso, cornamusa, organo portativo
Gabriele Russo – viella, ribeca, piffero, buccina
Peppe Frana – liuto, guinterna, oud,percussioni

0

3° Corso Internazionale di musica medievale – 30 luglio/4 agosto 2012


3° CORSO INTERNAZIONALE DI MUSICA MEDIEVALE – Spello (Italia)



30 Luglio – 4 Agosto 2012

Continua a leggere

0

MUSICA E ARTE IN UMBRIA Renaissance Lute Course in Spello 6-10 May 2013

spello

Lute music and iconography in paintings of the Italian Renaissance is the focus of an intimate one-week course in the beautiful hilltop town of Spello, near Assisi, at the Centro Studi Europeo musica medievale Adolfo Broegg. Daily private lute lessons (all levels welcome), guided trips to study music iconography in Assisi, Perugia and Monte Oliveto (Siena), and a recital by Crawford Young, are offered within the setting of a virtual paradise of medieval and Renaissance art, Italian cuisine and Umbrian landscape. Ensembles are also welcome for coaching of 16th – 15th – 14th c. repertoire.

PLUS, as an option for those who wish to arrive two-to-three three days early: experience the magic of the world- renowned Kalendimaggio festival of Assisi celebrating the local medieval heritage in an unforgettable three-day competition of historical music drama and pageant.

Continua a leggere

0

SPELLO SPLENDENS 7 Gennaio 2012 – Ensemble ORIENTIS PARTIBUS: GLORIA ‘N CIELO E PACE ‘N TERRA

sabato 7 gennaio, ore 21,00 – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”
GLORIA ‘N CIELO E PACE ‘N TERRA

Il canto devozionale nell’ Europa medioevale, tra la lingua latina e volgare.

ORIENTIS PARTIBUS
Marco Becchetti: viella, ribeca
Roberto Bisogno: liuto, ghironda, saz
Giovanni Brugnami: flauto traverso, flauto con tamburo, ciaramello, flauto doppio, flauto cilindrico medioevale in sol e in fa
Valeria Puletti: canto, viella
Vladimiro Vagnetti: ciaramello, flauto di corno, cornamusa, salterio, tamorra, bendir, coro

L’ensemble di musica medioevale e rinascimentale “Orientis Partibus” nasce ad Assisi agli inizi degli anni ‘90, dal fortunato incontro fra alcuni musicisti umbri già esecutori attivi ed apprezzati nel panorama musicale classico italiano. Mosso dal comune interesse per la cultura e la musica antica, il gruppo si impegna fin dall’inizio a ricreare l’atmosfera popolare e cortese del mondo medioevale.
Il nome dell’ensemble, che letteralmente significa “dalle parti d’Oriente”, è ispirata ad un omonimo conductus natalizio ed allo stesso tempo richiama i versi del Paradiso dantesco che paragonano Assisi ad un nuovo oriente da cui è sorto Francesco, astro raggiante di santità.
“…chi d’esso loco fa parole
non dica Ascesi, chè direbbe corto,
ma Oriente, se proprio dir vuole”.
(Dante Alighieri, Paradiso XI, vv. 54-54)
L’ensemble “Orientis Partibus” legge oggi il medioevo con spirito di appartenenza a luoghi e visioni sempre vive nella terra dei santi. La fedeltà interpretativa, giocata sapientemente sulle antiche architetture musicali, è espressa al meglio da una meticolosa ricerca timbrica, ottenuta anche con attente ricostruzioni di strumenti musicali dell’epoca, spesso su base di precisi riferimenti iconografici. Il tutto è impreziosito delle esperienze dei singoli esecutori del gruppo che, sempre nell’ambito della musica medioevale, hanno al loro attivo tournée in Italia, Francia, Germania, Polonia, Olanda, Austria, Finlandia, Ungheria, Australia. La preziosa discografia all’attivo del gruppo, testimonia la qualità delle godibili esecuzioni dell’ensemble. I programmi tematici allestiti per l’attività concertistica, così come i progetti discografici, sviluppano suggestioni care al pensiero e al costume medioevale.

PROGRAMMA
Solaris nos adveniens
Angelus Ad Virginem
Veni, Veni Emanuel
Missus est Gabriel
Laude Novella Sia Cantata
Vernans Rosa
Missus Baiulus
Maria peperit Salvatorem
Laudemus Cum Armonia
Salutiam Divotamente
Tu Nobis
In presepe ponitur
Angelorum Gloriae
Beata Es Maria
Puer Nobis Nascitur
Ab oriente venerunt Magi
Poys Que Dos reys
Des Oge Mais
Gloria ‘n Cielo e Pace ‘n Terra
Nato è ‘l Nostro Salvatore!

0

SPELLO SPLENDENS – 4 Gennaio 2012, Concerto/Liturgia: GAUDEAMUS OMNES IN DOMINO

4 gennaio 2012, ore 17,00 – Chiesa di S. Maria di Vallegloria
GAUDEAMUS OMNES IN DOMINO

Le straordinarie polifonie di una Messa Medievale di Natale
Eseguite durante la celebrazione liturgica.

Anteprima Nazionale.

Introduzione del Prof. Francesco Zimei – ore 16,30 – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”

ENSEMBLE MICROLOGUS
Paolo Borgonovo – superius
Luca Della Casa – superius & contratenor
Nicolò Pasello – superius
Mauro Borgioni – tenor & primicerius
Roberto Beltrame – tenor
Enea Sorini – tenor & contratenor
Goffredo Degli Esposti – organo portativo
Gabriele Russo – viola
Michele Pasotti – liuto

Il progetto GAUDEAMUS OMNES IN DOMINO, ideato dal Prof. Francesco Zimei (Musicologo e Presidente dell’Istituto Abruzzese di Storia Musicale) , contempla l’esecuzione di una liturgia medievale natalizia cantata a Firenze nella seconda metà del Trecento. L’Ordinarium missae, interamente polifonico, è opera di alcuni tra i maggiori esponenti dell’ars nova fiorentina come Gherardello, Bartolo, Lorenzo e Paolo Tenorista, quest’ultimo probabile responsabile dell’assemblaggio – tramandato in buona parte dal ms. Paris, Bibliothèque Nationale, It. 568, appartenuto alla famiglia Capponi –, avvenuto tra gli anni Ottanta e Novanta del secolo. Del Proprium gregoriano sono eseguiti, per ragioni di brevità, visto che la polifonia vocale è inserita in una liturgia breve di una messa infrasettimanale, solo l’Alleluia e il Communio. Il primicerius (ovvero, il coordinatore e responsabile della schola e della parte musicale della liturgia) è Mauro Borgioni, mentre le elaborazioni aggiunte di nuove parti polifoniche, sia vocali che strumentali, sono di Michele Pasotti.

INGRESSO LIBERO

0

SPELLO SPLENDENS, seconda edizione – Natale 2011

Il Medioevo e il soffio infinito della musica in festa

“Spello Splendens”, nata dalla collaborazione dell’Associazione Musicale Micrologus con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Spello, continua la formula della prima edizione con concerti, lezioni-concerto, mostre e seminari, confermandosi, così, come una rassegna musicale unica nel panorama italiano nel seguire il filo conduttore della musica sacra medievale nella tradizionale del Natale. Apre la rassegna un il concerto inaugurale con il Micrologus in grande formazione e coro, sulla devozione alla Madonna nei canti di pellegrinaggio ad un importante santuario in Spagna; lo stesso Micrologus, con una nuova formazione tutta maschile, sarà interprete, nell’ambito di una celebrazione religiosa, dell’anteprima nazionale di GAUDEAMUS OMNES IN DOMINO, liturgia musicale sulle polifonie di una messa medievale della Festività del Natale ed Epifania. I Cantsilèna, giovane gruppo vincitore del concorso “Suonare a Folkest” e lì rivelatosi al pubblico e alla critica, presenteranno in concerto un raffinato lavoro sugli stili tradizionali più poetici del Mediterraneo; i Musicanti Del Piccolo Borgo, uno dei gruppi più longevi e importanti del folk-revival italiano, saranno interpreti di canti della tradizione molisana, campana e siciliana, novene al suono delle zampogne e ciaramelle, canti religiosi, tammurriate, pastorali e ninne nanne al Bambin Gesù; l’ensemble Orientis Partibus di Assisi, un altro gruppo storico dell’Umbria di musica medievale sarà interprete di un programma di canti di laudi dedicati alla Madonna. Per la parte didattico-scientifica, sono in programma i seminari in stretto collegamento con i concerti e le mostre. Nel seminario vocale si formerà un Coro, costituito appositamente per cantare insieme al Micrologus al concerto di inaugurazione e ci sarà una mostra fotografica sul manoscritto contenente i canti che verranno eseguiti; altro seminario, sulle zampogne e cornamuse, collegato alla mostra di strumenti musicali esposti in alcune sale della città, apre una giornata, quella del 30 dicembre, interamente dedicata a questi strumenti, con varie e piacevoli iniziative. Infine, si terranno lezioni-concerto che, nella loro formula divulgativa e ludica, sono rivolte ai giovani studenti della città e ai loro insegnanti.

PROGRAMMA

STELLA SPLENDENS

Seminario – 25 Novembre, 2, 7, 21 Dicembre
Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”
Canti di pellegrinaggio al Monte Serrato (Spagna, XIII-XIV sec.)
Docenti: Patrizia Bovi, Mauro Borgioni (Micrologus)

Gli strumenti medievali, le zampogne e le ciaramelle

Lezioni-concerto – lunedì 19 dicembre, ore 9,00, 10,30 e 11,30
Teatro Subasio
Per la Scuola Primaria di Spello.
Docenti: Goffredo Degli Esposti, Gabriele Russo (Micrologus)

Gli strumenti e la nusica medievale

Lezioni-concerto – mercoledì 21 dicembre, ore 10,15 e 11,15
Teatro Subasio
Per la Scuola Secondaria di I grado di Spello.
Docenti: Patrizia Bovi, Goffredo Degli Esposti, Gabriele Russo (Micrologus)

STELLA SPLENDENS IN MONTE

Concerto – mercoledì 28 dicembre, ore 21,00
Chiesa di Sant’Andrea

Canti di pellegrinaggio al Monte Serrato (Spagna, XIII-XIV sec.)
Concerto con coro, in coproduzione con Assessorato alla Cultura del Comune di Spello, che inaugura la II edizione del Festival “Spello Splendens”. In memoria di Montserrat Figueras

MICROLOGUS
Patrizia Bovi – canto e arpa; Goffredo Degli Esposti – flauto e tamburo, flauto traverso; Gabriele Russo – viella, ribeca; Mauro Borgioni – canto; Giordano Ceccotti – viella; Peppe Frana – liuto; Gabriele Miracle – salterio, percussioni; Enea Sorini – canto e campane; coro “Spello Splendens” con gli allievi della Scuola Secondaria di Primo Grado di Spello

LUNGU SONNU

Concerto – giovedì 29 dicembre, ore 18,00
Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”
“Tradizione è custodire un fuoco, non adorare la cenere”
Musiche tra modalità extraeuropee e tradizione orale, dal Veneto alla Campania e l’Impero Ottomano.

CANTSILENA
Alberto Ferraro – voce, corde; Peppe Frana – oud, robab, bodhran, lira cretese, percussioni; Paolo Rossetti – daf, bodhran, bendir, marranzano, kalimba, campane tibetane, canto armonico, bicchieri e oggetti, voce;

Zampogne e cornamuse, tra tradizione e innovazione

Seminario – venerdì 30 Dicembre, ore 9,30-13,30
Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”
Docente: Goffredo Degli Esposti (Micrologus)
Solo per gli iscritti.

GAUDEAMUS OMNES IN DOMINO

Concerto – mercoledì 4 gennaio, ore 17,00
Chiesa di S. Maria di Vallegloria
Le straordinarie polifonie di una Messa Medievale di Natale, eseguite durante la celebrazione liturgica officiata da Don Mario Sensi. Anteprima Nazionale. Introduzione del Prof. Francesco Zimei – ore 16,30 – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”

ENSEMBLE MICROLOGUS
Nicolò Pasello – canto (Superius); Luca Della Casa – canto (Superius); Paolo Borgonovo – canto (Superius); Mauro Borgioni – canto (Tenor); Enea Sorini – canto (Tenor); Roberto Beltrame – canto (Tenor); Goffredo Degli Esposti – organo portativo (Tenor); Gabriele Russo – viola; Michele Pasotti – liuto

STELLA COMETA

Concerto – venerdì 6 gennaio, ore 17,00
Chiesa di San Claudio
CANZONI ACCANTO AL PRESEPE – Canti natalizi della tradizione italiana del Centro-Sud. Il concerto comprende i canti della tradizione italiana (molisana, campana, siciliana) legati alla narrazione e ai riti della Natività. Dalle novene al suono delle zampogne e ciaramelle ai canti religiosi di S. Alfonso Maria de’ Liguori, dalle tammurriate per la questua alle pastorali settecentesche alle ninne nanne al Bambin Gesù.

MUSICANTI DEL PICCOLO BORGO
Elvira Impagnatiello: voce, chitarra; Silvio Trotta: mandolino, mandoloncello, chitarra battente, violino, voce; Stefano Tartaglia: flauto dritto, piffero, voce; Alessandro Bruni: basso acustico, bufù; Mauro Bassano: organetto, zampogna; Gianmichele Montanaro: tamburelli.

GLORIA ‘N CIELO E PACE ‘N TERRA

Concerto – sabato 7 gennaio, ore 21,00
Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”
Il canto devozionale nell’ Europa medioevale, tra la lingua latina e volgare.

ORIENTIS PARTIBUS
Marco Becchetti: viella, ribeca; Roberto Bisogno: liuto, ghironda, saz; Giovanni Brugnami: flauto traverso, flauto con tamburo, ciaramello, flauto doppio, flauto cilindrico medioevale in sol e in fa; Valeria Puletti: canto, viella; Vladimiro Vagnetti: ciaramello, flauto di corno, cornamusa, salterio, tamorra, bendir, coro;

LA CAPRA CHE CANTA

Mostra – Zampogne, cornamuse, ciaramelle e flauti della tradizione popolare e colta (circa 60 pezzi). Seconda edizione della Mostra, riveduta e ampliata con altri nuovi pezzi della collezione personale di Goffredo Degli Esposti.
Luogo: Sale di Oro di Spello (orario 10,00-13,00 e 15,30-19,30) e Pro-loco (orario 9,30-12,30 e 15,00-17,00)
Dal 20 dicembre all’ 8 gennaio.

Liuti e strumenti a corda dal Medioevo ai nostri giorni
(collezione Broegg)

Luogo: Centro Studi “Adolfo Broegg”
Venti differenti strumenti a plettro (liuti, guinterne, chitarre, bouzouki), ricostruiti da diversi liutai.

Mostra fotografica del manoscritto del LLIVRE VERMELL

Luogo: Centro Studi “Adolfo Broegg” o altro spazio
Esposizione delle riproduzioni a colori delle pagine musicali del ms. Llivre Vermell di Monserrat (XIV sec.) contenenti i brani dello spettacolo. La mostra è collegata con il concerto di “Stella Splendens”

FUORI PROGRAMMA
SVEGLIA PASTORI

Concerto – venerdì 30 Dicembre, ore 17,15
Chiesa di Santa Maria Maggiore
GOFFREDO DEGLI ESPOSTI & GABRIELE RUSSO

CONCERTO DI ZAMPOGNE
Musiche natalizie tradizionali ed antiche
Concerto organizzato dalla parrocchia di Santa Maria Maggiore.

Goffredo Degli Esposti: flauto doppio, launeddas, ciaramella, zampogna zoppa, zampogna moderna a chiave, piva emiliana, zampogna a paro siciliana; Gabriele Russo: piffero, lira calabrese, zampogna a chiave, chitarra battente

ZAMPOGNE & LENTICCHIE

venerdì 30 Dicembre, ore 18,30
Centro storico
Passeggiata musicale-culinaria per le vie del Centro storico di Spello

* * *

Tutti i CONCERTI e gli EVENTI sono ad INGRESSO LIBERO.
Per il SEMINARIO è necessaria una iscrizione e una Quota di Partecipazione.

Per info:

Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg
tel. 3921536022, 3488722315

Comune di Spello – Ufficio Cultura,
tel. 0742300034/39
www.comune.spello.pg.it

0

“SPELLO SPLENDENS” – Natale 2011 – I CONCERTI

CONCERTI

28 dicembre, ore 21,00 – Chiesa di Sant’Andrea
STELLA SPLENDENS IN MONTE

Canti di pellegrinaggio al Monte Serrato (Spagna, XIII-XIV sec.)
Concerto con coro, in coproduzione con Assessorato alla Cultura del Comune di Spello.

MICROLOGUS
Patrizia Bovi – canto e arpa
Goffredo Degli Esposti – flauto e tamburo, flauto traverso, cennamella
Gabriele Russo – viella, ribeca
Mauro Borgioni – canto
Giordano Ceccotti – viella
Peppe Frana – liuto
Gabriele Miracle – salterio e percussioni
Enea Sorini – canto e campane
Coro “Spello Splendens”

Dalle più preziose fonti musicali testimonianti il pellegrinaggio medioevale, il Llibre Vermell e i codici delle Cantigas de Santa Maria, un concerto con musiche nei diversi stili del periodo: l’inno gregoriano, il canone, il rondello, il mottetto e la ballata.
Il Llibre Vermell contiene dieci brani, di stile molto diverso, ad uso dei pellegrini che si recavano in adorazione della Vergine Nera del Monastero di Montserrat in Catalogna; tale repertorio, ritenuto consono alla sacralità del luogo di culto, era probabilmente cantato dall’ assemblea dei pellegrini che rispondeva ai solisti (cantori e strumentisti) del Monastero. Le Cantigas del Re Alfonso X “el Sabio” sono selezionate tra quelle che narrano dei miracoli avvenuti proprio sulla montagna sacra di Montserrat.
Il programma prevede la formazione di un Coro con la speciale partecipazione dei ragazzi della Scuola Secondaria di Primo Grado di Spello, selezionati dal Prof. Vincenzo Guerra e preparati sul canto medievale, grazie ad una serie di lezioni specifiche, dai docenti del Micrologus; a questi si aggiungono altri cantori preparati nel medesimo seminario.
Il concerto è in memoria di Montserrat Figueras, la grande cantante catalana recentemente scomparsa, una delle prime interpreti di questo repertorio.

29 dicembre, ore 18,00 – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”
LUNGU SONNU

“Tradizione è custodire un fuoco, non adorare la cenere”.
Musiche tra modalità extraeuropee e tradizione orale, dal Veneto alla Campania e l’Impero Ottomano.

CANTSILENA
Alberto Ferraro – voce, corde
Peppe Frana – oud, robab, bodhran, lira cretese, percussioni
Paolo Rossetti – daf, bodhran, bendir, marranzano, kalimba, campane tibetane, canto armonico, bicchieri e oggetti, voce

I componenti del gruppo si incontrano nel settembre 2009 in occasione della realizzazione della colonna sonora dello spettacolo “E ritornammo sul cammino” dell’attrice veneziana Marina Furian, una piéce di commedia dell’arte itinerante che viaggerà a partire dalla primavera del 2010 ripercorrendo le tappe del cammino di Santiago. L’immediata sinergia e la quantità di materiale
accumulato durante questo incontro artistico ci ha convinto di proseguire nelladirezione intrapresa. Così nasce Cantsilèna: una cantilena, una nenia senza tempo o il canto di un fauno (sileno). Nel maggio del 2010 viene pubblicato l’album “Lungu Sonnu”, prodotto dalla label romana Helikonia Factory, presentato a Roma con un concerto al Piccolo Teatro dell’Assurdo. Nel settembre 2010 il gruppo allestisce una performance teatrale e musicale all’interno del sito archeologico delle domus del Celio. Nell’inverno 2010 il gruppo vince il concorso “suonare a Folkest” e si esibisce a Spilimbergo
nell’agosto 2011 sul palco del prestigioso festival ricevendo il plauso del pubblico e della critica specializzata. Attualmente i Cantsilèna lavorano alla realizzazione del secondo lavoro discografico che vedrà la luce nei primi mesi del 2012.

4 gennaio, ore 17,00 – Chiesa di S. Maria di Vallegloria
GAUDEAMUS OMNES IN DOMINO

Le straordinarie polifonie di una Messa Medievale di Natale
Eseguite durante la celebrazione liturgica, officiata da Mons. Mario Sensi.
Anteprima Nazionale.
Introduzione del Prof. Francesco Zimei – ore 16,30 – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”

ENSEMBLE MICROLOGUS
Paolo Borgonovo – superius
Luca Della Casa – superius & contratenor
Nicolò Pasello – superius
Mauro Borgioni – tenor & primicerius
Roberto Beltrame – tenor
Enea Sorini – tenor & contratenor
Goffredo Degli Esposti – organo portativo
Gabriele Russo – viola
Michele Pasotti – liuto

Il progetto GAUDEAMUS OMNES IN DOMINO, ideato dal Prof. Francesco Zimei (Musicologo e Presidente dell’Istituto Abruzzese di Storia Musicale) , contempla l’esecuzione di una liturgia medievale natalizia cantata a Firenze nella seconda metà del Trecento. L’Ordinarium missae, interamente polifonico, è opera di alcuni tra i maggiori esponenti dell’ars nova fiorentina come Gherardello, Bartolo, Lorenzo e Paolo Tenorista, quest’ultimo probabile responsabile dell’assemblaggio – tramandato in buona parte dal ms. Paris, Bibliothèque Nationale, It. 568, appartenuto alla famiglia Capponi –, avvenuto tra gli anni Ottanta e Novanta del secolo. Del Proprium gregoriano sono eseguiti, per ragioni di brevità, visto che la polifonia vocale è inserita in una liturgia breve di una messa infrasettimanale, solo l’Alleluia e il Communio. Il primicerius (ovvero, il coordinatore e responsabile della schola e della parte musicale della liturgia) è Mauro Borgioni, mentre le elaborazioni aggiunte di nuove parti polifoniche, sia vocali che strumentali, sono di Michele Pasotti.

6 gennaio, ore 17,00 – Chiesa di San Claudio
STELLA COMETA

“CANZONI ACCANTO AL PRESEPE” Canti natalizi della tradizione italiana del Centro-Sud

MUSICANTI DEL PICCOLO BORGO
Elvira Impagnatiello: voce, chitarra
Silvio Trotta: mandolino, mandoloncello, chitarra battente, violino, voce
Stefano Tartaglia: flauto dritto, piffero, voce
Alessandro Bruni: basso acustico, bufù
Mauro Bassano: organetto, zampogna
Gianmichele Montanaro: tamburelli

Il concerto comprende i canti della tradizione italiana (molisana, campana, siciliana) legati alla narrazione e ai riti della Natività. Dalle novene al suono delle zampogne e ciaramelle ai canti religiosi di S. Alfonso Maria de’ Liguori, dalle tammurriate per la questua alle pastorali settecentesche alle ninne nanne al Bambin Gesù.
I “Musicanti del piccolo borgo” possono essere considerati una formazione storica del folk revival italiano. Il gruppo si è, infatti, costituito alla metà degli anni Settanta, con l’intento, che rimane immutato, di recuperare e riproporre il patrimonio della tradizione musicale popolare dell’Italia centro-meridionale. I “Musicanti” hanno perciò svolto, particolarmente nel primo periodo della loro attività, una serie di ricerche sul campo, soprattutto nel Molise e nel Lazio, che hanno prodotto un’ampia documentazione del repertorio musicale tradizionale; queste iniziali campagne di registrazione etnofonica si sono poi trasformate in un più generale contatto con la cultura contadina, e quindi in una conoscenza più profonda non solo degli esempi, ma anche dei modi e dei significati dell’espressione musicale all’interno di quella cultura. Uno dei settori nei quali i “Musicanti del piccolo borgo” si sono più impegnati nel corso della loro lunga attività è quello dell’organologia, con l’apprendimento e l’uso degli strumenti più strettamente legati al nostro mondo agropastorale, come il piffero, la zampogna, la chitarra battente, l’organetto e, recentemente, il “bufù”, il grande tamburo a frizione molisano. Il repertorio proposto dai “Musicanti del piccolo borgo” comprende tutte le forme musicali tradizionali tipiche dell’Italia centro-meridionale, dalle ninne nanne agli stornelli, dai canti religiosi ai saltarelli e alle tarantelle, e presenta, in una rispettosa rielaborazione, che ne permetta la fruizione anche in contesti diversi da quello originario, sia testi e melodie frutto della ricerca sul campo, sia brani tratti dalla discografia esistente. I “Musicanti”, nei CD pubblicati, ed ed ancor più nei concerti, vogliono infatti realizzare un viaggio attraverso i suoni, innanzitutto, della tradizione molisana e laziale, ma anche, superando confini spesso culturalmente poco consistenti, di quella campana, lucana, pugliese, calabrese, siciliana. Di ciò, e della varietà di colori e di impatto sonoro, è testimonianza anche l’elenco degli strumenti utilizzati: mandolino, mandola, mandoloncello, chitarra, chitarra battente, chitarra basso, piffero, zampogna(a chiave e alla zoppa, surdulina), flauto dritto, violino, organetto (a due, quattro e otto bassi), castagnette, traccole, tamburi e tamburelli (campani, pugliesi e calabresi), “bufù” molisano.
I “Musicanti del Piccolo Borgo” hanno all’attivo più di seicento concerti. Si sono esibiti in moltissimi teatri italiani e piazze, hanno partecipato ai più importanti festival italiani.di musica etnica.
All’estero hanno suonato in Francia, Svizzera, Germania, Spagna e Uzbekistan.

sabato 7 gennaio, ore 21,00 – Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”
GLORIA ‘N CIELO E PACE ‘N TERRA

Il canto devozionale nell’ Europa medioevale, tra la lingua latina e volgare.

ORIENTIS PARTIBUS
Marco Becchetti: viella, ribeca
Roberto Bisogno: liuto, ghironda, saz
Giovanni Brugnami: flauto traverso, flauto con tamburo, ciaramello, flauto doppio, flauto cilindrico medioevale in sol e in fa
Valeria Puletti: canto, viella
Vladimiro Vagnetti: ciaramello, flauto di corno, cornamusa, salterio, tamorra, bendir, coro
L’ensemble di musica medioevale e rinascimentale “Orientis Partibus” nasce ad Assisi agli inizi degli anni ‘90, dal fortunato incontro fra alcuni musicisti umbri già esecutori attivi ed apprezzati nel panorama musicale classico italiano. Mosso dal comune interesse per la cultura e la musica antica, il gruppo si impegna fin dall’inizio a ricreare l’atmosfera popolare e cortese del mondo medioevale.
Il nome dell’ensemble, che letteralmente significa “dalle parti d’Oriente”, è ispirata ad un omonimo conductus natalizio ed allo stesso tempo richiama i versi del Paradiso dantesco che paragonano Assisi ad un nuovo oriente da cui è sorto Francesco, astro raggiante di santità.
“…chi d’esso loco fa parole
non dica Ascesi, chè direbbe corto,
ma Oriente, se proprio dir vuole”.
(Dante Alighieri, Paradiso XI, vv. 54-54)
L’ensemble “Orientis Partibus” legge oggi il medioevo con spirito di appartenenza a luoghi e visioni sempre vive nella terra dei santi. La fedeltà interpretativa, giocata sapientemente sulle antiche architetture musicali, è espressa al meglio da una meticolosa ricerca timbrica, ottenuta anche con attente ricostruzioni di strumenti musicali dell’epoca, spesso su base di precisi riferimenti iconografici. Il tutto è impreziosito delle esperienze dei singoli esecutori del gruppo che, sempre nell’ambito della musica medioevale, hanno al loro attivo tournée in Italia, Francia, Germania, Polonia, Olanda, Austria, Finlandia, Ungheria, Australia. La preziosa discografia all’attivo del gruppo, testimonia la qualità delle godibili esecuzioni dell’ensemble. I programmi tematici allestiti per l’attività concertistica, così come i progetti discografici, sviluppano suggestioni care al pensiero e al costume medioevale.

PROGRAMMA
Solaris nos adveniens
Angelus Ad Virginem Londra, British Library, Arundel Ms
Veni, Veni Emanuel Parigi, Bib. Nat. fond lat. 10581
Missus est Gabriel
Laude Novella Sia Cantata Laudario di Cortona
Vernans Rosa Laudario di Bobbio
Missus Baiulus Laudario di Bobbio
Maria peperit Salvatorem
Laudemus Cum Armonia Ms di Aosta
Salutiam Divotamente Laudario di Cortona
Tu Nobis Laudario di Bobbio
In presepe ponitur
Angelorum Gloriae Ms di Aosta
Beata Es Maria Laudario di Bobbio
Puer Nobis Nascitur Graduale di Moosburg
Ab oriente venerunt Magi
Poys Que Dos reys El Escorial, Ms J.B.
Des Oge Mais El Escorial, Ms J.B.
Maravillosos Miragres El Escorial, Ms J.B.
Gloria ‘n cielo e pace ‘n terra
Gloria ‘n Cielo e Pace ‘n Terra
Nato è ‘l Nostro Salvatore! Laudario di Cortona

Tutti i CONCERTI e gli EVENTI sono ad INGRESSO LIBERO.

CENTRO STUDI EUROPEO DI MUSICA MEDIEVALE “ADOLFO BROEGG”
presso: Chiesa di Santa Maria della Consolazione del Prato
Via Fonte del Mastro II, Spello (Pg)
Per info: 3921536022, 3488722315 www.centrostudiadolfobroegg.it
COMUNE DI SPELLO – Ufficio Cultura, tel. 0742300034/39 www.comune.spello.pg.it

0

“SPELLO SPLENDENS” – venerdì 30 Dicembre 2011 – I FUORI PROGRAMMA

FUORI PROGRAMMA

CONCERTO venerdì 30 Dicembre, ore 17,15 – Chiesa di Santa Maria Maggiore
GOFFREDO DEGLI ESPOSTI & GABRIELE RUSSO
“SVEGLIA PASTORI”

CONCERTO DI ZAMPOGNE – Musiche natalizie tradizionali ed antiche

Concerto organizzato dalla parrocchia di Santa Maria Maggiore.

Goffredo Degli Esposti: flauto doppio, launeddas, ciaramella, zampogna zoppa, zampogna moderna a chiave, piva emiliana, zampogna a paro siciliana
Gabriele Russo: piffero, lira calabrese, zampogna a chiave, chitarra battente

venerdì 30 Dicembre, ore 18,30 – Centro storico
“ZAMPOGNE & LENTICCHIE”

Passeggiata musicale-culinaria per le vie del Centro storico di Spello

Tutti i CONCERTI e gli EVENTI sono ad INGRESSO LIBERO.

CENTRO STUDI EUROPEO DI MUSICA MEDIEVALE “ADOLFO BROEGG”
presso: Chiesa di Santa Maria della Consolazione del Prato
Via Fonte del Mastro II, Spello (Pg)
Per info: 3921536022, 3488722315 www.centrostudiadolfobroegg.it

COMUNE DI SPELLO – Ufficio Cultura, tel. 0742300034/39 www.comune.spello.pg.it

0

8 Dicembre, celebrazione nella sede del Centro Studi.

0

“SPELLO SPLENDENS” – Natale 2011 – I SEMINARI E LEZIONI-CONCERTO

SEMINARI

STELLA SPLENDENS
Canti di pellegrinaggio al Monte Serrato (Spagna, XIII-XIV sec.)
25 Novembre, 2, 7, 21 Dicembre
Docenti: Patrizia Bovi, Mauro Borgioni (Micrologus)
Luogo: Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”

Il seminario è rivolto ai cantanti e prevede la formazione di un coro, in parte basato sui ragazzi della Scuola Secondaria di Primo Grado di Spello. Alla fine del Seminario si effettuerà il concerto insieme al Micrologus.

LEZIONI-CONCERTO
“GLI STRUMENTI MEDIEVALI, LE ZAMPOGNE E LE CIARAMELLE”

Due mattinate di incontri con gli strumenti medievali e relativa musica.
Per la Scuole Primaria e Secondaria di I grado di Spello.
Luogo: Teatro Subasio, Spello
Data: 19 e 21 dicembre
Interpreti: Patrizia Bovi, Goffredo Degli Esposti e Gabriele Russo (Micrologus)

“ZAMPOGNE E CORNAMUSE, TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE”
Docente: Goffredo Degli Esposti (Micrologus)
venerdì 30 Dicembre
Luogo: Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”
4 ore di durata. Solo per gli iscritti

Una panoramica sui vecchi e nuovi strumenti della tradizione pastorale, del Nord, Centro e Sud Italia, tra musica antica e tradizione e nuove composizioni, per piva, zampogna zoppa e zampogna a chiave.

Tutti gli EVENTI sono ad INGRESSO LIBERO.
Per il SEMINARIO DI ZAMPOGNE è necessaria una iscrizione e una Quota di Partecipazione.

CENTRO STUDI EUROPEO DI MUSICA MEDIEVALE “ADOLFO BROEGG”
presso: Chiesa di Santa Maria della Consolazione del Prato
Via Fonte del Mastro II, Spello (Pg)
Per info: 3921536022, 3488722315 www.centrostudiadolfobroegg.it
COMUNE DI SPELLO – Ufficio Cultura, tel. 0742300034/39 www.comune.spello.pg.it

0

“SPELLO SPLENDENS” – Natale 2011 – LE MOSTRE

MOSTRE

“LA CAPRA CHE CANTA”
Zampogne, cornamuse, ciaramelle e flauti della tradizione popolare e colta (circa 60 pezzi).
Seconda edizione della Mostra, riveduta e ampliata con altri nuovi pezzi della collezione personale di Goffredo Degli Esposti.
Luogo: Sale di Oro di Spello, orario 10,00-13,00 e 15,30-19,30 (chiuso il 25 dicembre) e Pro-loco, orario 9,30-12,30 e 15,00-17,00 (chiuso il 25, 26, 31 dicembre e 1 gennaio).
Dal 20 dicembre all’ 8 gennaio.

MOSTRA PERMANENTE DI “LIUTI E STRUMENTI A CORDA DAL MEDIOEVO AI NOSTRI GIORNI” (collezione Broegg)
Sono presenti 20 differenti strumenti a plettro (liuti, guinterne, chitarre, bouzouki), ricostruiti da diversi liutai.
Luogo: Centro Studi “Adolfo Broegg”
Aperta secondo gli orari delle attività svolte nel Centro Studi.

MOSTRA FOTOGRAFICA DEL MANOSCRITTO DEL LLIVRE VERMELL
Esposizione delle riproduzioni a colori delle pagine musicali del ms. Llivre Vermell di Monserrat (XIV sec.) contenenti i brani dello spettacolo. La mostra è collegata con il concerto di “Stella Splendens”
Luogo: Centro Studi “Adolfo Broegg” o altro spazio.
Aperta secondo gli orari delle attività svolte nel Centro Studi.

Tutti gli EVENTI sono ad INGRESSO LIBERO.

CENTRO STUDI EUROPEO DI MUSICA MEDIEVALE “ADOLFO BROEGG”
presso: Chiesa di Santa Maria della Consolazione del Prato
Via Fonte del Mastro II, Spello (Pg)
Per info: 3921536022, 3488722315 www.centrostudiadolfobroegg.it
COMUNE DI SPELLO – Ufficio Cultura, tel. 0742300034/39 www.comune.spello.pg.it

0

Giovedì 8 Dicembre, ore 16:30 – Celebrazione nella Chiesa di Santa Maria della Consolazione di Prato

Giovedì, 8 Dicembre 2011

Ore 16,30 – Celebrazione della Santa Messa, in occasione della solenità dell’Immacolata Concezione, nella Chiesa della Madonna della Consolazione di Prato, officiata dal parroco di San Lorenzo Martire in Spello, don Diego Casini.

(8 Dicembre 2010)

0

30.12.2011: Zampogne e cornamuse tra tradizione e innovazione (seminario)


(Spello Splendens 2010)

30 Dicembre 2011
Seminario ZAMPOGNE E CORNAMUSE TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE
Docente: Goffredo Degli Esposti (Micrologus)
Luogo: Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg”, Spello
4 ore di durata.
ORE 9,30-13,30

Una panoramica sui vecchi e nuovi strumenti della tradizione agr-pastorale, del Nord, Centro e Sud Italia, tra storia (musica colta) e innovazione attuale. Le problematiche relative alle differenti accordature, gli stili esecutivi e i repertori. Con visita guidata alla Mostra di zampogne e cornamuse.
PRINCIPALI STRUMENTI TRATTATI: zampogna zoppa, zampogna a chiave, piva e ciaramella.

Costo:
EFFETTIVI – 40 euro.

UDITORI – 20 euro.

Per info:
telefono: 3488722315-3921536022
e-mail: centrostudiadolfobroegg@gmail.com

0

Novembre-Dicembre 2011: Stella Splendens (seminario di canto corale)

STELLA SPLENDENS
Seminario sui Canti di pellegrinaggio al Monte Serrato (Spagna, XIII-XIV sec.)

Docenti: Mauro Borgioni e Patrizia Bovi (Micrologus)
Luogo: Auditorium del Centro Studi “Adolfo Broegg
Periodo di preparazione: Novembre-Dicembre
Date Novembre: venerdì 25
PROSSIMI APPUNTAMENTI. venerdì 2 dicembre ore 15,00
mercoledì 7 dicembre; mercoledì 21 dicembre.

Il seminario è rivolto ai cantanti e prevede la formazione di un coro misto, in parte basato sui ragazzi della Scuola Secondaria di Primo Grado di Spello. Alla fine del Seminario si effettuerà il concerto “STELLA SPLENDENS” insieme al Micrologus, il 28 DICEMBRE 2011 a Spello.

Il programma che verrà preparato sono alcune musiche del Llibre Vermell de Montserrat e di due Cantigas de Santa Maria.

  • Stella splendens – ad tripudium rotundum (a ballo rotondo) – (Llibre Vermell)
  • A Madre de Jhesu Cristo que é Sennor de Nobrezas (Cantiga de Santa Maria)
  • Mui grandes noit e dia (Cantiga de Santa Maria)
  • Laudemus Virginem / Splendens Ceptigera – canone a 3 voci (Llibre Vermell)
  • Polorum Regina – a ball redòn (a ballo rotondo) (Llibre Vermell)
  • Los set gotxs – ballada dels goyts de Nostre Dona en vulgar cathallan a ball redòn (Llibre Vermell)
  • Cuncti simus concanentes – a ball redòn (a ballo rotondo) (Llibre Vermell)

Il Seminario è GRATUITO.

Per INFO scrivere a : mauborg@yahoo.it

0

Rimandato al 2012 l’annunciato seminario di Mauro Squillante

L’annunciato seminario “IL MANDOLINO E GLI STRUMENTI A PLETTRO STORICI: CETRA, CHITARRINO, CALASCIONE, MANDOLINO CREMONESE, MANDOLA, MANDOLINO NAPOLETANO BAROCCO E MODERNO”, docente Mauro Squillante, primo del progetto “LA CETERA, CITHARA, CETRA IN UMBRIA E IN ITALIA DAL XIV AL XVI SEC.” In collaborazione con l’Associazione E Voce Du Comune (Corsica) e l’Associazione Musikè di Bari, è stato rimandato al 2012.

0

2° Corso Internazionale – Galleria

Galleria di immagini del II° Corso Internazionale di Musica Medievale, che si è svolto a Spello dal 1 al 7 Agosto. Didattica, esercitazioni, conferenze, saggio finale e consegna degli attestati di partecipazione agli allievi.

0

2° Corso Internazionale – Saggio Finale – Sabato 6 agosto

E’ in corso dal 1° al 7 Agosto a Spello, presso il Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg, con sede nella Chiesa di Santa Maria della Consolazione di Prato, il II° Corso Internazionale di Musica Medievale, intitolato La musica medievale e la polifonia italiana del Trecento sul tema L’arte musicale di Francesco Landini. Il Corso si svolgerà per l’intera settimana. Sono confermati i corsi di: canto, docente Patrizia Bovi; viella e ribeca, docente Gabriele Russo; strumenti a fiato, docente Goffredo Degli Esposti; arpa, docente Leah Stuttard; organo portativo, docente Guillermo Perez; danza e notazione, docente Veronique Daniels; percussioni, docente Massimiliano Dragoni. Il corso ha registrato una significativa partecipazione, con molti allievi giunti da molte parti d’Italia e dall’estero, dalla Germania, dala SVizzera, dalla Scozia, dalla Spagna ed anche dalla Russia.

A margine si sono si svolgono inoltre alcuni eventi speciali aperti al pubblico. Lunedì 1 Agosto, ore 15,00-16,30, si è tenuto un seminario di Iconografia musicale in Umbria nel Trecento, a cura di Pier Maurizio Della Porta; martedì 2 Agosto la conferenza su Francesco Landini e presentazione del libro “Francesco Landini”, editrice L’Epos, di Alessandra Fiori, a cura dell’autrice; mercoledì 3 Agosto si è tenuta la conferenza sulla vita di Francesco Landini e un’analisi delle possibilità di eseguire la sua musica con l’organetto, a cura di Guillermo Perez; il 4 Agosto si è svolta una conferenza sul Contrappunto del Trecento (basato sul trattato di Johannes de Muris) e analisi di alcuni brani di Francesco Landini, a cura di Guillermo Perez.

Sabato 6 Agosto dalle ore 18:30 alle ore 19:30, al Palazzo Comunale di Spello, in Piazza della Repubblica, nella Sala Consiliare, si terrà il saggio finale degli allievi dei corsi. L’ingresso è libero.

Sessione di MUSICA D’INSIEME – 2 Agosto 2011

Corso di CANTO – 2 Agosto 2011

Conferenza di ALESSANDRA FIORI – 2 Agosto 2011

Conferenza di ALESSANDRA FIORI – 2 Agosto 2011

0

2° Corso Internazionale: eventi speciali

Lunedì 1 Agosto avrà inizio il II Corso Internazionale di Musica Medievale. Contestualmente, presso la sede del Centro Studi, avranno luogo alcuni eventi speciali, ad ingresso libero.

LUNEDI 1 AGOSTO ore 11,00-13,00
TOUR DELLA CITTà DI SPELLO Appuntamento alle 11,00 in Piazza del Comune (per chi deve lasciare strumenti e valigie, alle 10,45 al Centro Studi). Ci accompagnerà il Prof. Angelo Mazzoli.

LUNEDI 1 AGOSTO, ore 15,00-16,30
SEMINARIO DI ICONOGRAFIA
“Iconografia musicale in Umbria nel Trecento”
con Pier Maurizio Della Porta

Martedì 2 Agosto, ore 15,00-16,30
CONFERENZA su Francesco Landini e presentazione del libro “Francesco Landini” (Editrice L’Epos) di Alessandra Fiori, a cura dell’autrice.

MERCOLEDì 3 AGOSTO, ore 18,30-19,30
CONFERENZA: La vita di Francesco Landini e un’ analisi delle possibilita di eseguire la sua musica con l’organetto. A cura di Guillelmo Perez.
Ingresso libero.

GIOVEDì 4 AGOSTO, ore 18,30-19,30
CONFERENZA: Il Contrappunto del Trecento (basato sul trattato di Johannes de Muris) e analisi di alcuni brani di Francesco Landini. A cura di Guillelmo Perez.

Ingresso libero.

0

Musica e Arte in Umbria – Gallerie

Perugia, Galleria Nazionale dell’Umbria

Spello, Centro Studi

0

Rosa tra le Rose – Galleria

Spello, 26 Giugno 2011 ore 1:00 – Chiesa di San Martino

0

“Rosa tra le Rose”, concerto per la notte dei fiori a Spello

 Il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”, con sede in Spello presso la Chiesa di Santa Maria della Consolazione di Prato, partecipa alla manifestazione delle Infiorate di Spello in occasione della solennità religiosa del Corpus Domini con un concerto alle ore 1:00 di notte di domenica 26 giugno, “la notte dei Fiori”, presso la Chiesa di San Martino. Titolo del concerto è “Rosa tra le Rose” – I fiori e la simbologia mariana nel XIII e XIV secolo. Il tema floreale in musica, in sintonia con la manifestazione, è infatti presente nella letteratura di lode e di preghiera dove la Vergine Maria viene invocata con appellativi quali “Rosa Mystica”, “Rosa Fragrans”, “Rosa Rubens”, “Rosa Novella”, fino a “Rosa das Rosas”, Rosa tra le rose, superlativo di maestà della “Regina delle regine”. Inoltre, secondo la leggenda, durante la fuga in Egitto la Vergine Maria avrebbe appeso ad un ramo di un cespuglio di rosmarino le fasce del Bambino Gesù; da allora i fiori hanno il colore del cielo. Interpreti saranno Gabriele Russo, Patrizia Bovi, Goffredo Degli Esposti e Leah Stuttard, con brani vocali e strumentali tratti dal repertorio medievale.

0

Stage di ghironda di Valentin Clastrier – Galleria

0

Stage di ghironda di Valentin Clastrier.


Valentin Clastrier nella copertina del suo CD “Hérésie” (1991)

Si terrà venerdì 27 e sabato 28 maggio al Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg di Spello, su ideazione ed organizzazione di Giordano Ceccotti, uno stage di ghironda del musicista francese Valentin Clastrier, che si svolgerà per motivi pratici presso le sale espositive del Palazzo Comunale. I temi trattati nel corso dello stage per livello avanzato, saranno: tecnica moderna, improvvisazione, costruzione ritmica, dissociazione tra mano destra e mano sinistra, esecuzione di melodie originali con tempi dispari. Valentin Clastrier, nato nel 1947, ha suonato con Jacques Brel ne L’Homme de la Mancha (1968-1969) e per lungo tempo con Ricet Barrier. Trombettista, arriva alla ghironda verso il 1970. Di formazione classica, approderà allo studio dello strumento senza passare per la musica tradizionale. Nel 1987 il “ghirondista diverso da tutti gli altri” è il primo a mettere seriamente a punto con il liutaio Denis Siorat la ghironda elettroacustica: le sue 27 corde al posto di 6 moltiplicano per dieci le possibilità iniziali dello strumento. Spaziando dalle influenze asiatiche (La vielle à roue de l’imaginaire, 1982, Grand prix du disque) a dei suoni più sperimentali (Hérésie, 1992), Clastrier mescola soprattutto la pratica della ghironda al jazz. Oggigiorno è considerato il maestro incontrastato dello strumento grazie ai suoi virtuosismi e alle innovazioni che ha introdotto nella tecnica di esecuzione. In perpetua ricerca, ha appena pubblicato un libro in cui propone una nuova prospettiva sulla ghironda, sulla tecnica dello staccato e su quella relativa all’uso della tastiera. Questo “metodo non-metodico” è il frutto di numerosi anni di ricerca durante i quali, a contatto con la musica contemporanea (Olivier Messiaen…), Clastrier ha potuto scoprire e sviluppare una nuova pratica dello strumento. È Chevalier des Arts et des Lettres dal 1984.

0

Suonare con la piuma – Galleria

0

Makamistan – Galleria

0

Peppe Frana apre con “Makamistan” il seminario “Suonare con la piuma”.

 


Peppe Frana (fonte: profilo MySpace del musicista)

 

 

Si apre venerdì 13 Maggio 2011 sera a Spello, con l’esibizione musicale didattica “Makamistan”, aperta al pubblico, il seminario “Suonare con la piuma”, in programma sabato 14 e domenica 15 Maggio al Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg.

Continua a leggere

0

Visitatio Sepulchri – Galleria

0

Via Crucis a Spello – Galleria

0

Camminiamo insieme per ricordare Adolfo.

CAMMINIAMO INSIEME PER RICORDARE ADOLFO

Sabato 23 Aprile 2011 alle ore 13 ritroviamoci tutti al Centro Studi che porta il suo nome per ricordare Adolfo a cinque anni dalla sua scomparsa, il 23 Aprile 2006. Da lì partiremo per una passeggiata lungo tutto il percorso dell’antico acquedotto romano. Durante il tragitto ci fermeremo per ristorarci e dissetarci con uno spuntino al sacco. Al ritorno passeremo dal cimitero di Spello per visitare la tomba dove Adolfo riposa. L’itinerario richiede un tempo di percorrenza di circa due ore a passo moderato.

0

Pasqua a Spello – Sacra rappresentazione “Visitatio Sepulchri”.


Le “tre Marie” – Spello, 10.4.2010

Il Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg partecipa ai riti della Settimana Santa della Pasqua 2011 a Spello, oltre che unendosi con canti medievali e tradizionali alla Via Crucis del Venerdì Santo ed alla Processione del Cristo Risorto, mettendo in scena la sacra rappresentazione “Visitatio Sepulchri”, interpretata dagli allievi del seminario “Alleluja, Pascha nostrum”, iniziato a febbraio, guidati dal docente e musicista Ulrich Pfeifer, la partecipazione dei quali alla preparazione è stata sostenuta per la circostanza dal Comune di Spello.

Continua a leggere

0

MUSICA E ARTE IN UMBRIA: an intimate Study Week of Music, Lute, Harp and Art in Italy

Lute, harp and ensemble music of the early Renaissance and medieval age is the focus of a one-week course in the beautiful hilltop town of Spello in Umbria, Italy, in a renovated fifteenth-century church which is a new centre for early music study (Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg).

Continua a leggere

0

Stage di ghironda – Conferenza finale di Marcello Bono.


Marcello Bono – Spello, 17.4.2011

 

Sì è svolta nel pomeriggio di domenica 17 Aprile, presso la sede del Centro Studi Europeo di Musica Medievale di Spello, la conferenza di chiusura dello Stage di Ghironda tenuto a Spello dal 14 al 17 Aprile, organizzato da Giordano Ceccotti, liutaio e musicista, in particolare di ghironda,  in collaborazione con il Centro Studi stesso. Relatore Marcello Bono, docente dello stage, musicista, studioso, scrittore e costruttore egli stesso di ghironde, considerato uno dei maggiori esperti della ghironda: ne ha studiato i metodi e ricostruito copie dello strumento d’epoca barocca, con cui si è esibito in lezioni-concerto in Italia e all’estero.

Continua a leggere

0

Canti medievali e tradizionali per la Via Crucis d’Autore a Spello


Allievi del seminario “Alleluja, Pascha nostrum” – Spello, 9.4.2010

Il Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg partecipa ai riti della Settimana Santa della Pasqua 2011 a Spello unendosi, in particolare, allo svolgimento della Via Crucis del Venerdì Santo, venerdì 22 Aprile, a partire dalle ore 20:30 dal sagrato della Chiesa di Santa Maria Maggiore. Le 14 stazioni della Passione del Cristo ispirano a Spello artisti nazionali ed internazionali dando vita alla mistica e suggestiva “Via Crucis d’Autore” giunta alla sua XVI edizione, con la direzione artistica del maestro Elvio Marchionni.

Continua a leggere

0

Spello, Venerdì Santo e Pasqua 2011

Il Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg parteciperà ai riti della Settimana Santa della Pasqua 2011 a Spello unendosi allo svolgimento della Via Crucis del Venerdì Santo e della Processione del Cristo Risorto la Domenica di Pasqua. La Pasqua vive così ancor di più nel connubio di passato e presente, fra pittura contemporanea e musica medievale. In occasione della tradizionale processione del Venerdì Santo, il centro storico si trasforma infatti in un unico spazio espositivo. Le 14 stazioni della Passione del Cristo ispirano artisti nazionali ed internazionali dando vita alla mistica e suggestiva Via Crucis d’Autore giunta alla sua XVI edizione con la direzione artistica del maestro Elvio Marchionni. Quest’anno, per la prima volta, sarà accompagnata da canti processionali medievali eseguiti dagli allievi del seminario “Alleluja, Pascha nostrum” organizzato dal Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg di Spello.

Continua a leggere

0

2° Corso Internazionale – Agosto 2011

II° CORSO INTERNAZIONALE DI MUSICA MEDIEVALE – Spello (Italia)
In sede

Periodo: 1-7 AGOSTO

Titolo: LA MUSICA MEDIEVALE E LA POLIFONIA ITALIANA DEL TRECENTO
Tema del Corso: L’ARTE MUSICALE DI FRANCESCO LANDINI

Materie e Docenti:

CANTO – Patrizia Bovi
VIOLA, RIBECA – Gabriele Russo
ARPA – Leah Stuttard
LIUTO – Crawford Young
FLAUTI, CENNAMELLA E CORNAMUSA – Goffredo Degli Esposti
MUSICA D’INSIEME – Docenza di gruppo
PERCUSSIONI – Massimiliano Dragoni
ORGANETTO & CLAVICEMBALO MEDIEVALE – Guillermo Perez
DANZA – Veronique Daniels

Corso straordinario (5-7 agosto):
ALTA CAPPELLA (bombarda, cennamella, cornamusa, trombone) – Ian Harrison

Continua a leggere

0

Programma delle attività 2011

Il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg” di Spello presenta il programma del suo secondo anno di attività, dopo quello iniziale già significativo sia in termini di iniziative che di partecipazione. Vale la pena ricordare che il Centro Studi, costituito grazie al decisivo sostegno del Comune di Spello, è intitolato ad Adolfo Broegg (1961-2006), musicista e cittadino di Spello di adozione, che con Patrizia Bovi, Goffredo Degli Esposti e Gabriele Russo costituì nel 1984 l’Ensemble Micrologus, uno dei più importanti gruppi musicali a livello internazionale per lo studio e l’interpretazione della musica medievale che proprio al Centro Studi ha stabilito la sua sede, nella Chiesa di Santa Maria della Consolazioni di Prato, pregevolmente restaurata ed inaugurata il 5 dicembre del 2009 con convegni e concerti.

Continua a leggere

0

Conferenza stampa programma 2011 – galleria

Galleria di immagini per la stampa.

0
Febbraio/Aprile 2011 – SEMINARIO DI CANTO MEDIEVALE: ” Alleluia Pascha nostrum”. Docente: Ulrich Pfeifer

Febbraio/Aprile 2011 – SEMINARIO DI CANTO MEDIEVALE: ” Alleluia Pascha nostrum”. Docente: Ulrich Pfeifer

Alleluia Pascha nostrum

Il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del COMUNE DI SPELLO, organizza un SEMINARIO di CANTO MEDIEVALE dal titolo Alleluia Pascha nostrum, finalizzato ad un evento molto importante: la ricostruzione della partecipazione popolare legata ai riti della Settimana Santa.

Continua a leggere

0

14/15 Maggio 2011 – SEMINARIO DI LIUTO: “Suonare con la piuma”. Docente: Peppe Frana

“SUONARE CON LA PIUMA”

Il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg” organizza un Seminario sulle tecniche esecutive per strumentisti a plettro per un ipotesi di prassi esecutiva dei repertori musicali medievali.

Il Seminario affronta il tema dell’uso delle tecniche e degli stilemi delle tradizioni musicali non europee (araba, ottomana, persiana, centrasiatica) nella pratica esecutiva del repertorio medievale.

Continua a leggere

0

Presentato il libro di Angelo Mazzoli su Adolfo Broegg.

Presentato il libro di Angelo Mazzoli su Adolfo Broegg.

Domenica 9 gennaio alle ore 16 a Spello, il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg” ha ospitato nella sua sede, presso la chiesa di Santa Maria della Consolazione di Prato, la presentazione del libro di Angelo Mazzoli dal titolo “Per Adolfo Broegg – Uno, come Lui”. Nelle intenzioni dell’autore, questa pubblicazione costituisce un omaggio alla figura ed alla memoria di Adolfo Broegg, il musicista che insieme a Patrizia Bovi, Goffredo Degli Esposti e Gabriele Russo fondò l’Ensemble Micrologus, e di cui il 23 aprile prossimo ricorrerà il quinto anniversario della morte avvenuta improvvisamente nel 2006. 64 pagine di poesie e scritti dello stesso autore, fotografie, riproduzioni, documenti, ricordi, testi di Adolfo Broegg. La presentazione si è sviluppata alternando la lettura delle poesie di Angelo Mazzoli, testimonianze ed esecuzioni di brani musicali del repertorio medievale, interpretati da Luca Piccioni, Gabriele Russo e Goffredo Degli Esposti dell’Ensemble Micrologus, Valeria Pecetta, Matteo Mora e Valentina Antonelli come Ensemble Adversaria, e Giancarlo Serano. L’intervento di apertura è stato dell’assessore alla cultura del Comune di Spello, Liana Tili. La lettura delle poesie è stata aperta da Anna Cipriani, con accompagnamento musicale alla chitarra di Luca Piccioni e di Vincenzo Cipriani, che poi si è esibito anche nel canto interpretando “Grazie a la vida”, presentato da Marco Tili. Le altre poesie sono state lette da Marco Gammaidoni, Luana Sisani, Maura Mazzoni, Lorenzo Sensi e, in conclusione, dallo stesso autore.  Altri interventi da parte di Chiara Pettirossi, Francesca Cruciani, Anna Rondoni. Il brano inedito composto da Adolfo Broegg ed il cui spartito è riprodotto nel libro è stato interpretato alla chitarra da Luca Piccioni.

IMMAGINI


Angelo Mazzoli


Anna Cipriani


Luca Piccioni


Tutti i musicisti

0

9 Gennaio: presentazione del libro di Angelo Mazzoli su Adolfo Broegg.

9 Gennaio: presentazione del libro di Angelo Mazzoli su Adolfo Broegg

Domenica 9 gennaio alle ore 16 a Spello, il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg” ospiterà nella sua sede presso la chiesa di Santa Maria della Consolazione di Prato, la presentazione del libro di Angelo Mazzoli dal titolo “Per Adolfo Broegg – Uno, come Lui”. Nelle intenzioni dell’autore, questa pubblicazione costituisce un omaggio alla figura ed alla memoria di Adolfo Broegg, il musicista che insieme a Patrizia Bovi, Goffredo Degli Esposti e Gabriele Russo fondò l’Ensemble Micrologus, e di cui il 23 aprile prossimo ricorrerà il quinto anniversario della morte avvenuta improvvisamente nel 2006. 64 pagine di poesie e scritti dello stesso autore, fotografie, riproduzioni, documenti, ricordi, testi di Adolfo Broegg e di suoi compagni di vita, ed anche un indedito spartito musicale di un brano per chitarra composto da Adolfo stesso. La copertina ritrae Adolfo Broegg in una splendida immagine di Roberto Vaccai. Nel corso della presentazione sono previsti interventi musicali di artisti che gli furono vicini.


Angelo Mazzoli (28.12.2006)


La copertina del libro

0

Conclusa la rassegna Spello Splendens.

Si è conclusa domenica 12 dicembre sera con il concerto NOVI JORNA, NOVI MISI (nove giorni, nove mesi) del gruppo UNAVANTALUNA la rassegna SPELLO SPLENDENS – IL MEDIOEVO E IL SOFFIO INFINITO DELLA MUSICA IN FESTA, che sancisce il legame tra la città di Spello e il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”, con sede nella Chiesa di Santa Maria della Consolazione di Prato, che fonti storiche ricollegano alle celebrazioni dell’Immacolata Concezione. UNAVANTALUNA ha presentato la tradizione musicale del Natale in Sicilia attraverso la memoria della Novena come simbolo di religiosità e di fede, nella “forma concerto”, attraverso l’utilizzo degli strumenti tipici del Natale Peloritano, tra cui la “ciaramedda a paro”. Unione ideale dei gesti, linguaggi e rituali del popolo siciliano con il comune sentire religioso di una comunità più ampia. La zampogna come elemento di congiunzione, oltre la lingua e la cultura. Il gruppo UNAVANTALUNA per la circostanza era copmposto da Pietro Cernuto: zampogna a paro, friscaletti, voce solista; Carmelo Cacciola: lauto cretese, voce solista; Luca Centamore: chitarra, voce; Andrea Piccioni: percussioni, voce.

Nel pomeriggio, alla Chiesa di Santa Maria Maggiore, preceduto da due brani polifonici, il Gloria di Foligno e Nicolay Sollemnia una polifonia in onore di San Nicola, tratta da un manoscritto del XIII secolo conservato a Cividale del Friuli, era andato in scena il LUDUS SUPER ICONIA SANCTI NICOLAI, saggio finale in costume degli allievi del corso di canto medievale tenuto da Ulrich Pfeifer. Letteralmente «Gioco sulla statua di san Nicola», è rappresentazione di come il suo autore, Hilarius, in una chiesa dedicata a San Nicola, durante la sua festa faceva togliere la statua e la sostituiva con un attore vestito dai paramenti vescovili. Un ebreo depositava ai suoi piedi un tesoro, pregando e minacciando San Nicola di custodirlo. Ma i ladri entrano in chiesa e trafugano il tesoro, con grande ira dell’ebreo che rientrato in chiesa, non lo trova più e comincia ad insultare l’attore che è nella nicchia, si arma di un nodoso bastone, e comincia a colpire l’attore-santo. Il quale prima subisce poi scende dalla nicchia, raggiunge i ladri e insultandoli a sua volta li convince a restituire il maltolto. Poi l’attore scompare, nella nicchia torna la vera icona e i fedeli-spettatori riprendono a pregare il loro Santo che ha ridato il tesoro al pagano, lo fa diventare cristiano. Nell’adattamento per la circostanza, la parte dell’ebreo è stata sdoppiata con una sua ipotetica moglie. La parte strumentale è stata interpretata da Gabriele Russo, Matteo Mora, Leah Stuttard, Goffredo Degli Esposti, Ulrich Pfeifer.

 

La sera precendente di sabato 11 dicembre, al Teatro Subasio, con Raffaello Simeoni, si è tenuto il concerto LA VIA DEI MISTICI. L’atmosfera del Natale attraverso le canzoni popolari, danze irlandesi, canzoni bretoni e ballate popolari italiane passando per la Spagna arrivando al Sud America. Raffaello Simeoni: voce, cittern, organetto, chitarra, ghironda e fiati Massimo Giuntini: uillean pipe, flauti, bombarda e bouzouki; Cristiano Califano: chitarre.

Domenica 12 dicembre mattina, nella sale espositive del Palazzo Comunale si è tenuta la conferenza LE ZAMPOGNE E LE CORNAMUSE: STORIA, ORGANOLOGIA E REPERTORI, a cura di Giancarlo Palombini e Goffredo Degli Esposti, in cui sono state illustrate le diverse tipologie di zampogne e cornamuse, le caratteristiche, con dimostrazioni pratiche utilizzando gli strumenti presenti in mostra ed ascolti di brani registrati.

Sabato 11 dicembre mattina, nella sale espositive del Palazzo Comunale, si è tenuto lo stage ZAMPOGNE E CORNAMUSE, TRA STORIA E TRADIZIONE: DALLE ZAMPOGNE ALLA SORDELLINA E VICEVERSA con Goffredo Degli Esposti. Un viaggio tra le zampogne tradizionali di area mediterranea, le problematiche relative alle differenti accordature, gli stili esecutivi e i repertori, in confronto con la sordellina storica e il suo ampio repertorio rinascimentale (tratto dal Libro di Giovanni Lorenzo Baldano). Le cornamuse europee, e le ciaramelle, per un possibile stile antico e relativo repertorio, sia a bordone che polifonico.

 

Giovedì 9 dicembre al Teatro Subasio si è svolta la lezione: GLI STRUMENTI MEDIEVALI, LE ZAMPOGNE E LE CIARAMELLE. Incontro con gli strumenti medievali; per la Scuola Primaria di Spello. Con esempi musicali, a cura dell’Ensemble Micrologus.

0

8/12 Dicembre 2010 – “SPELLO SPLENDENS” – IL MEDIOEVO E IL SOFFIO INFINITO DELLA MUSICA IN FESTA

COMUNE DI SPELLO & CENTRO STUDI EUROPEO DI MUSICA MEDIEVALE “ADOLFO BROEGG”

“SPELLO SPLENDENS”
IL MEDIOEVO E IL SOFFIO INFINITO DELLA MUSICA IN FESTA

Prima edizione – 8/12 Dicembre 2010

I CONCERTI

8 DICEMBRE ore 18,00 – Chiesa di Santa Maria Maggiore
ENSEMBLE MICROLOGUS: “Nostra Donna”
Le Cantigas de Santa Maria – Spagna, XIII sec.

Una selezione di musiche, tratte dalle bellissime Cantigas de Santa Maria, raccolte dal Rey Alfonso X, per raccontare le storie della Vergine e alcuni dei suoi miracoli intorno al calendario mariano. Un viaggio nella corte del Re Sapiente e nelle chiese, strade e piazze della Spagna duecentesca.

ENSEMBLE MICROLOGUS
Patrizia Bovi – canto, arpa, tromba
Goffredo Degli Esposti – zufolo & tamburo, flauto traverso, cennamella
Gabriele Russo – viella, rebab, cornamusa, tromba
Gabriele Miracle – naqqara, tarija, pandereta, crotali, campane
Ulrich Pfeifer – canto, symphonia, campane
Enea Sorini – canto, percussioni
Simone Sorini – canto, guitarra morisca
Leah Stuttard – arpa, cimbali

11 DICEMBRE ore 21,30 – Teatro Subasio
RAFFAELLO SIMEONI, MASSIMO GIUNTINI e CRISTIANO CALIFANO: “LA VIA DEI MISTICI”
L’atmosfera del Natale attraverso le canzoni popolari.

Danze Irlandesi, canzoni Bretoni e ballate popolari Italiane passando per la
Spagna arrivando al Sud America.

Raffaello Simeoni – voce, cittern, organetto, chitarra, ghironda e fiati
Massimo Giuntini – uillean pipe, flauti, bombarda e bouzouki
Cristiano Califano – chitarre

12 DICEMBRE ore 16,00 – Chiesa di Santa Maria Maggiore
“LUDUS SUPER ICONIA SANCTI NICHOLAE”
Saggio-Rappresentazione del XII sec.
Con gli allievi del Corso di Canto Medievale del Micrologus

Il “Ludus” che viene rappresentato racconta la storia di un ebreo che mette alla prova San Nicola di Bari, sfidandolo a custodire le sue ricchezze. Contrariamente alle sue stesse aspettative, il santo si rivelerà perfettamente in grado di far fede al suo impegno.

12 DICEMBRE ore 18,00 – Auditorium del CeSAB (Centro Studi Medievali “Adolfo Broegg”)
UNAVANTALUNA:“NOVI IORNA, NOVI MISI” (nove giorni, nove mesi)

Lo spettacolo natalizio degli UNAVANTALUNA presenta la tradizione musicale del santo Natale attraverso la Novena, simbolo non solo di religiosità e di fede, ma anche occasione per stare insieme, fare festa, in chiesa, per le strade, in piazza.

UNAVANTALUNA
Pietro Cernuto: zampogna a paro, friscaletti, voce solista
Carmelo Cacciola: lauto cretese, voce solista
Luca Centamore: chitarra, voce
Andrea Piccioni: percussioni, voce

Tutti i concerti sono a ingresso gratuito

ALTRI EVENTI

8-12 Dicembre ore 10,30-12,30 e 15,00-17,30 – Sale espositive del Palazzo Comunale
Mostra: “LA CAPRA CHE CANTA”
Zampogne, cornamuse, ciaramelle e flauti della tradizione popolare e colta.

Mercoledì, 8 Dicembre,
ore 16,30
SS. MESSA nella Chiesa della Madonna della Consolazione del Prato
(via Fonte del Mastro II)

Giovedì 9 Dicembre ore 10,00 – Teatro Subasio
Lezione: “GLI STRUMENTI MEDIEVALI, LE ZAMPOGNE E LE CIARAMELLE” Incontro con gli strumenti medievali; per la Scuola Primaria di Spello.
Con esempi musicali. A cura di Micrologus

Sabato 11 Dicembre ore 10,00-13,00 e 15,00-18,00; Domenica 12 Dicembre ore 11,00-13,00
Auditorium del CeSAB (Centro Studi Medievali “Adolfo Broegg”)
Stage: “LUDUS SUPER ICONIA SANCTI NICHOLAE”
Con Ulrich Pfeifer

Sabato 11 Dicembre ore 10,30-13,00 e 15,00-18,00 – Sale espositive del Palazzo Comunale
Stage: “ZAMPOGNE E CORNAMUSE, TRA STORIA E TRADIZIONE”
Con Goffredo Degli Esposti

Domenica 12 Dicembre ore 11,00 – Sale espositive del Palazzo Comunale
Conferenza: “LE ZAMPOGNE E LE CORNAMUSE: STORIA, ORGANOLOGIA E REPERTORI””
A cura di Giancarlo Palombini e Goffredo Degli Esposti

Tutti i CONCERTI e gli EVENTI sono ad INGRESSO LIBERO
Per gli STAGE c’è una Iscrizione e una Quota di Partecipazione

Per info: 3921536022

2

Spello Splendens. Eventi 8 Dicembre 2010.


Concerto MICROLOGUS a Santa Maria Maggiore

Si aperta a Spello la rassegna di musica antica e di tradizione popolare SPELLO SPLENDENS, ovvero IL MEDIOEVO E IL SOFFIO INFINITO DELLA MUSICA IN FESTA, che sancisce il legame tra la città di Spello e il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”, con sede nella Chiesa di Santa Maria della Consolazione di Prato, che fonti storiche ricollegano alle celebrazioni dell’Immacolata Concezione. La rassegna si tiene dal 8 al 12 dicembre 21010 a Spello, a cura del Comune di Spello  e del Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”, e prevede mostre di strumenti musicali, seminari, concerti, animazione per vie e piazze, diffondendo le note festose della tradizione musicale natalizia. Nelle sale espositive del Palazzo Comunale di Spello si è aperta la mostra LA CAPRA CHE CANTA; zampogne, cornamuse, ciaramelle e flauti della tradizione popolare e colta. Nella Chiesa di Santa Maria della Consolazione di Prato, sede del Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”, in occasione della solennità dell’Immacolata Concezione, alle ore 16:3, si è officiata la Santa Messa celebrata dal parroco della Parrocchia di San Lorenzo Martire, don Diego Casini. Nella chiesa di Santa Maria Maggiore si è svolto alle ore 18 il concerto NOSTRA DONNA dell’Ensemble Micrologus, una selezione di musiche, tratte dalle Cantigas de Santa Maria, raccolte dal Rey Alfonso X di Spagna, per raccontare le storie della Vergine e alcuni dei suoi miracoli intorno al calendario mariano. Un viaggio nella corte del Re Sapiente e nelle chiese, strade e piazze della Spagna duecentesca. Ensemble Micrologus: Patrizia Bovi – canto, arpa, tromba; Goffredo Degli Esposti – zufolo e tamburo, flauto traverso, cennamella; Gabriele Russo – viella, rebab, cornamusa, tromba; Gabriele Miracle – naqqara, tarija, pandereta, crotali, campane; Ulrich Pfeifer – canto, symphonia, campane; Enea Sorini – canto, percussioni; Simone Sorini – canto, guitarra morisca; Leah Stuttard – arpa, cimbali.


La mostra LA CAPRA CHE CANTA


La mostra LA CAPRA CHE CANTA – particolare


Santa Messa al Centro Studi


Santa Messa al Centro Studi


Concerto MICROLOGUS a Santa Maria Maggiore

0

Spello Splendens. Concerti 11 e 12 Dicembre.

Sabato 11 Dicembre alle ore 21,30
Spello, Teatro Subasio

Raffaello Simeoni, Massimo Giuntini e Cristiano Califano
LA VIA DEI MISTICI

L’atmosfera del Natale attraverso le canzoni popolari. Danze Irlandesi, canzoni Bretoni e ballate popolari Italiane passando per la Spagna arrivando al Sud America.

Raffaello Simeoni – voce, cittern, organetto, chitarra, ghironda e fiati
Massimo Giuntini
– uillean pipe, flauti, bombarda e bouzouki
Cristiano Califano
– chitarre

* * *

Domenica 12 Dicembre, ore 16,00
Spello, Chiesa di Santa Maria Maggiore

LUDUS SUPER ICONIA SANCTI NICHOLAE
Interpreti, gli allievi del Corso di Canto Medievale del Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg” diretti dal docente, Ulrich Pfeifer.

Sacra Rappresentazione di un miracolo di San Nicola (XII sec.). Il “Ludus” che viene rappresentato  racconta la storia di un ebreo che mette alla prova San Nicola di Bari, sfidandolo a custodire le sue ricchezze. Contrariamente alle sue stesse aspettative, il santo si rivelerà perfettamente in grado di far fede al suo impegno.

Personaggi ed interpreti: L’ebreo: Roberto Beltrame, Valentina Antonelli; San Nicola: Alberto Signori; 1° ladro: Paolo Papini; 2° ladro: Cristiana Sassi, Francesco Corrias; 3° ladro: Elga Ciancaleoni; Coristi: Rossana Neglia, Vincenzo Guerra; Strumentisti: Matteo Mora, Leah Stuttard, Gabriele Russo, Goffredo Degli Esposti.

* * *

Domenica 12 Dicembre ore 18,00
Spello, Sede del Centro Studi “Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg”

Unavantaluna
NOVI IORNA, NOVI MISI
(nove giorni, nove mesi)
Lo spettacolo natalizio degli UNAVANTALUNA presenta la tradizione musicale del santo Natale attraverso la Novena, simbolo non solo di religiosità e di fede, ma anche occasione per stare insieme, fare festa, in chiesa, per le strade, in piazza.

Unavantaluna
Pietro Cernuto: zampogna a paro, friscaletti, voce solista
Carmelo Cacciola
: lauto cretese, voce solista
Luca Centamore
: chitarra, voce
Andrea Piccioni
: percussioni, voce

* * * 


Raffaello Simeoni. Bevagna, 21 Agosto 2009


Il Corso di Canto Medievale tenuto da Ulrich Pfeifer


Ulrich Pfeifer


Andrea Piccioni (Unavantaluna) – Spello, 11 Agosto 2010

0

8 Dicembre 2010 – Spello CONCERTO MICROLOGUS: “Nostra Donna”

8 DICEMBRE 2010 ore 18,00 – Chiesa di Santa Maria Maggiore, Spello (Pg)

ENSEMBLE MICROLOGUS: “Nostra Donna”
Le Cantigas de Santa Maria – Spagna, XIII sec.

Una selezione di musiche, tratte dalle bellissime Cantigas de Santa Maria, raccolte dal Rey Alfonso X, per raccontare le storie della Vergine e alcuni dei suoi miracoli intorno al calendario mariano. Un viaggio nella corte del Re Sapiente e nelle chiese, strade e piazze della Spagna duecentesca.
il concerto è nell’ambito del FESTIVAL SPELLO SPLENDENS.

PROGRAMMA

Virgen Madre groriosa (Festa Virgen n. 2)
Questa seconda è della festa di lode di Santa Maria
Como podemos a Deus gradeçer – (Festa Jhesu Cristo n. 1)
Come Egli fece il cielo e la terra e il mare e il sole e la luna e le stelle e ogni altra cosa
Beneyto foi o dia (F. V. 1)
Per la nascita di S.Maria
O que en coita de morte (Cantigas n. 245)
Come S.M. fece uscire un uomo di prigione e gli permise di attraversare indenne un fiume che era molto profondo e non si bagnò
Sempre seja beneita (C. 17)
Come S.M. salva dalla morte una onorata donna romana di cui il diavolo voleva abusare
Quen aos servos da Virgen (C. 95)
Come S.M. libera un eremita da una prigione oltre il mare dove i Mori l’avevano rinchiuso
Aver non poderia (F. V. 7)
Cantiga dei sette dolori della Vergine
O sete dones (C. 8 F. V)
strumentale
Nembressete Madre (F. V. 11)
Preghiera affinché S. Maria si ricordi di noi nel giorno del Giudizio
Muito bon miragre a Virgen (C. 225)
Come ad un prete, mentre diceva messa, gli cadde un ragno nel calice che bevve e invece di morire S. Maria glie lo fece uscire da un braccio
A Virgen S.Maria (C. 8)
Come S. Maria fece nella chiesa di Rocamador discendere una candela sulla viola di un giullare che cantava per Lei

ENSEMBLE MICROLOGUS

Patrizia Bovi – canto, arpa, tromba
Goffredo Degli Esposti – zufolo & tamburo, flauto traverso, cennamella
Gabriele Russo – viella, rebab, cornamusa , tromba
Gabriele Miracle – naqqara, tarija, pandereta, crotali, campane
Ulrich Pfeifer – canto, symphonia, campane
Enea Sorini – canto, percussioni
Simone Sorini – canto, guitarra morisca
Leah Stuttard – arpa, cimbali

“Nostra Donna”
Le Cantigas de Santa Maria – Spagna, XIII sec.

Le Cantigas de Santa Maria e i preziosi codici nei quali sono conservate sono indubbiamente uno dei più grandi monumenti della musica europea di tutti i tempi.
Al progetto Cantigas si dedicò con devozione ed energie Alfonso X, el Rey Sabio, come a nessun’altra delle opere culturali che realizzò negli anni del suo illuminato regno durante il XIII sec.. Questo immenso affresco dedicato alla Vergine prese corpo in una composizione a più livelli: i testi poetici, la musica e le immagini dei preziosissimi manoscritti miniati in cui sono state trascritte le lodi a Maria, i suoi miracoli e brani di storia sacra.
Da queste considerazioni, oltre che dalla ricerca musicologica ed interpretativa, nasce l’idea di questo spettacolo.
Se pure non è certa la funzione delle oltre 400 composizioni arrivate ai nostri giorni, dai materiali melodici utilizzati, così come dai diversi livelli poetici dei testi, è possibile ipotizzare, se non un vero e proprio luogo d’esecuzione delle Cantigas, una probabile posizione in diversi generi: quello epico-lirico, devozionale-paraliturgico e popolare.
Inoltre, ogni cantiga è preceduta nei codici da una didascalia che ne riassume il contenuto, ne spiega il miracolo ed in alcuni casi, nei brani per le Feste della Vergine e per il ciclo di Nostro Signore Gesù Cristo, danno – qui con più diretto riferimento – una posizione nell’ambito di una precisa festività ed a volte un vero e proprio rituale (ad esempio le processioni).
Da qui la nostra scelta di organizzare lo spettacolo intorno ad una sorta di calendario mariano: partendo da una cantiga dove si ringrazia il Signore per la creazione del mondo del cielo e delle stelle alla festa per la nascita di Santa Maria nel mese di settembre, dalla festa della sua Verginità nel mese di dicembre all’Annunciazione, dalla sua Trinità (in quanto vergine prima durante e dopo il parto di Cristo) e così via. E intorno al calendario, le storie, i miracoli e le lodi nella corte del Re Sapiente così come nelle chiese, nelle strade e nelle piazze della Spagna duecentesca.

0

11 Dicembre 2010 – Stage ZAMPOGNE E CORNAMUSE TRA STORIA E TRADIZIONE con Goffredo Degli Esposti

Sabato 11 Dicembre, ore 10,30-13,00 e 15,00-18,00 – Sale espositive del Comune Vecchio
Stage: ZAMPOGNE E CORNAMUSE, TRA STORIA E TRADIZIONE: DALLE ZAMPOGNE ALLA SORDELLINA E VICEVERSA.
con Goffredo Degli Esposti

Nell’ambito del Festival: “SPELLO SPLENDENS”IL MEDIOEVO E IL SOFFIO INFINITO DELLA MUSICA IN FESTA
Prima edizione – 8/12 dicembre 2010

DALLE ZAMPOGNE ALLA SORDELLINA E VICEVERSA.
Un viaggio tra le zampogne tradizionali di area mediterranea, le problematiche relative alle differenti accordature, gli stili esecutivi e i repertori, in confronto con la sordellina storica e il suo ampio repertorio rinascimentale (tratto dal Libro di Giovanni Lorenzo Baldano). Le cornamuse europee, e le ciaramelle, per un possibile stile antico e relativo repertorio, sia a bordone che polifonico.

Quota di partecipazione:

Effettivo, 30 euro
Uditore, 12 euro

TERMINE ISCRIZIONI: lunedì 6 Dicembre

1

CORSO DI CANTO MEDIEVALE – Anno 2010/2011 con Ulrich Pfeifer

Corso di Canto Medievale – Anno 2010/2011
Docente: Ulrich Pfeifer

Periodo: Ottobre 2010 – Aprile 2011

2 cicli di lezioni di canto. Ogni ciclo è composto da diversi incontri, con 8 ore di lezione ciascuno.
Ogni ciclo ha un Tema collegato alle festività del periodo e termina con un Saggio-Concerto.

1° ciclo: Ottobre-Dicembre 2010

Nel 1° ciclo viene studiata e rappresentata in forma di concerto con

costumi, una versione dei Ludi Sancti Nicolai.

Date 1° ciclo: 9/10 Ottobre, 23/24 Ottobre, 13/14 Novembre, 03/04/05 Dicembre , 11/12 Dicembre.

Articolazione del Corso:

Ogni Sabato,
ore 11,00-13,00 – Ludi Sancti Nicolai (parti solistiche)
ore 15,00-18,00 – Polifonia Vocale del Medioevo
ore 19,00-20,00 – Meditazione canora

Ogni Domenica,
ore 11,00-13,00 – Ludi Sancti Nicolai (coro).

Quote di partecipazione al 1° Ciclo:

Corso completo (40 ore), 200 euro, (per i tesserati anno 2010, 150 euro).

Solo Corso sulla Polifonia Vocale del Medioevo (15 ore), 60 euro

Solo Coro (10 ore), 40 euro.

Il Corso viene attivato solo se si hanno almeno 15 iscrizioni.

Termine iscrizioni: 5 ottobre 2010.

DESCRIZIONE DEI CORSI:

Il “Ludus super iconia Sancti Nicholae”

Iniziano il 9/10 ottobre i nuovi corsi 2010/2011 di musica medioevale al Centro Europeo Studi Adolfo Broegg di Spello. L’anno accademico sarà diviso in due sezioni che si occuperanno dei “Ludi”, rappresentazioni sacre musicali inscenate in chiesa per occasioni speciali durante l’anno liturgico.
Effettivamente si tratta di prime forme di teatro musicale, per non dire “Opera” dei tempi moderni, nate per rappresentare la resurrezione di Cristo, inizialmente come  processioni all’interno, poi in forma “di spettacolo” davanti all’altare delle chiese.
Altri temi sacri vengono in seguito composti in musica ed inscenati nei luoghi sacri: l’Annunciazione, I tre magi, miracoli, etc.
Essendo brani vocali composti per l’occasione specifica, le melodie di questi “Ludi” sono di rara bellezza melodica, spesso ricche di ornamenti e talvolta musicalmente impegnative.
Molto probabilmente questi “miracoli” in musica venivano accompagnati da strumenti, prassi che verrà realizzata anche per lo spettacolo finale di questo corso in dicembre.

***
Il corso si rivolge a cantanti e strumentisti (i canti saranno accompagnato da bordoni e arricchiti da piccoli intermezzi e brani  strumentali elaborati appositamente con il materiale musicale dei canti stessi), che desiderano avvicinarsi a questo vasto repertorio, poco conosciuto al pubblico. La particolare richezza musicale fa di questo repertorio un “must” per il musicista medioevale.
***
Il corso sarà diviso in due sessioni: una per i solisti e strumentisti (sabato mattina dalle ore 11 alle 13) e l’altro per il coro (domenica mattina dalle ore 11 alle 13).

La Storia del “ Ludus super iconia Sancti Nicholae

Il “Ludus” che verrà studiato, elaborato ed infine inscenato in dicembre di quest’anno a Spello, racconta la storia di un ebreo che mette alla prova San Nicola di Bari, sfidandolo a custodire le sue ricchezze. Contrariamente alle sue stesse aspettative il santo si rivelerà perfettamente in grado di far fede al suo impegno.

La Polifonia vocale del medievo

Sabato 9 ottobre parte al “Centro Europeo di Studi di Musica Medioevale Adolfo Broegg” un corso sulla polifonia vocale del medioevo. Detto corso si terrà a cadenza quindicinale il sabato pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 18.00.

Il corso si rivolge a coristi ed amatori del canto, che vogliono conoscere più a fondo i diversi repertori e generi medioevali di polifonia vocale sacra (organum, motetus, conductus, composizioni dell’ordinarium missae) e profana (cacce, madrigali e ballate).

I brani da studiare ed elaborare saranno scelti a seconda delle capacità vocali dei partecipanti, dunque non sono richiesti requisiti particolari.

È previsto, per chi lo desidera, anche la partecipazione come corsista “uditore”.

2° ciclo: Gennaio-Aprile 2011

Visitatio Sepulchri

Il corso si snoderá in incontri a cadenza quindicinale, nei fine settimana del periodo compreso tra gennaio e Pasqua 2011. Si lavorerà principalmente per la messa in scena della “Visitatio Sepulchri”, una sacra rappresentazione sulla resurrezione di Cristo proveniente dal ms. Orléans 201. La parte musicale di questo dramma sacro non appartiene al repertorio gregoriano, ma è stata appositamente composta per quest’opera e contiene brani di rara bellezza melodica. Nel manoscritto sono contenute annotazioni che danno indicazioni a proposito dell’allestimento scenico, dei gesti e dei movimenti degli attori; si tratta quindi di una vera piccola “opera” sacra.

Parallelamente a questo lavoro verrá proposto lo studio di brani gregoriani e brani polifonici pasquali, con particolare attenzione alla correttezza filologica dell’esecuzione.

A fine corso é prevista, da parte dei corsisti, una esecuzione pubblica a Spello.

Calendario e costi: in allestimento

off

3 AGOSTO 2010 – ORE 17,00: L’ICONOGRAFIA MUSICALE UMBRO-ITALIANA DEL TRECENTO – Pier Maurizio Della Porta

MARTEDì 3 AGOSTO 2010 – ORE 17,00

SEMINARIO SULL’ICONOGRAFIA MUSICALE UMBRO-ITALIANA DEL TRECENTO
tenuto da Pier Maurizio Della Porta.
nell’ambito del I° CORSO INTERNAZIONALE DI MUSICA MEDIEVALE.

Luogo: CENTRO STUDI EUROPEO DI MUSICA MEDIEVALE “ADOLFO BROEGG”
Chiesa della Madonna della Consolazione di Prato, Via Fonte del Mastro II,
Spello (PG), Italia

INGRESSO LIBERO

0

Ier STAGE INTERNATIONAL DE MUSIQUE DU MOYEN ÂGE

Sujet: LA MUSIQUE DU MOYEN ÂGE ET LA POLYPHONIE ITALIENNE AU XIVème SIÈCLE

Dates : 2-7 août 2010

Lieu: CENTRO STUDI EUROPEO DI MUSICA MEDIEVALE “ADOLFO BROEGG” Chiesa della Madonna della Consolazione di Prato, Via Fonte del Mastro II,
Spello (Pérouse), Italie

Cours principaux:
CHANT SOLISTE – Patrizia Bovi (2-6 août)
VIOLE, REBEC – Gabriele Russo

INSTRUMENTS À VENT – Goffredo Degli Esposti
DANSE – Véronique Daniels (4-6 août)

Cours Extraordinaire de Chant (4-7 août)
LA POLYPHONIE EN FRANCE AU XIVème SIÈCLE – Lucien Kandel
(avec la collaboration de la Fondation Royaumont)

Enseignements Complémentaires:
MUSIQUE D’ENSEMBLE – Animation de groupe
MUSIQUE D’ENSEMBLE POUR LES INSTRUMENTS À VENT ET À PERCUSSION – Goffredo Degli Esposti
NOTATION – Véronique Daniels
SÉMINAIRE SUR L’ICONOGRAPHIE ET L’ORGANOLOGIE OMBRIENE-ITALIENNE AU XIVème SIÈCLE – Pier Maurizio Della Porta

Programmation des cours:

MATIN
10,00 h-13,00 h : COURS PRINCIPAUX

APRÈS-MIDI
15,00 h – 16,30 h: NOTATION
17,00 h -19,00 h: MUSIQUE D’ENSEMBLE et MUSIQUE D’ENSEMBLE POUR LES INSTRUMENTS À VENT ET À PERCUSSION
17,00 h – 20,00 h: DANSE

Description des Cours:

COURS PRINCIPAUX SUR LA POLYPHONIE ITALIENNE AU XIVème SIÈCLE
Les musiciens de l’ensemble Micrologus animeront individuellement les cours sur les techniques d’exécution et d’interprétation de la Musique Italienne du XIVème siècle, également connue comme Ars Nova. Cette période a marqué le passage, dans les documents écrits, de la monodie à une polyphonie plus élaborée, avec les pièces à 2 et 3 voix des grands Maîtres du XIVème siècle (Francesco Landini, Jacopo da Bologna, Gherardello, etc.): madrigaux, cac ce et ballades. Ils traiteront aussi la musique instrumentale des saltarelles et des estampies du London Codex.
La participation aux cours exige une formation technique préalable.

COURS DE CHANT: LA POLYPHONIE EN FRANCE AU XIVème SIÈCLE.
La poésie et la musique de Guillaume de Machaut domine le XIVème siècle français.
Cet atelier de musique polyphonique destiné aux chanteurs propose une introspection dans l’œuvre monumentale de notre poète-musicien.
Interpréter sa musique aujourd’hui nécessite l’apprentissage d’un texte, qui au fil du temps nous a échappé, mais aussi des différentes techniques de lecture qu’utilisaient les chanteurs à cette époque (notation, solmisation, musica ficta…).
Nous chanterons donc quelques-uns de ses motets et une partie de sa célèbre Messe de Notre Dame directement sur les sources, où chaque voix trouve sa propre indépendance.
Un travail vocal spécifique à ces musiques, basé sur la prononciation restituée du latin et du français du XIVème siècle, sera également abordé.
La participation aux cours exige une formation technique préalable.

DANSE
Les danses et les basses-danses italiennes du XVème siècle ; l’improvisation sur les chorégraphies des Maîtres Domenico et Guglielmo ; nous nous focaliseront en particulier sur une danse du XIVème siècle et sur une basse-danse de Bourgogne.
La participation aux cours exige une formation technique préalable.

ACTIVITÉS DANS L’APRÈS-MIDI

NOTATION
Cours sur la Notation du XIVème siècle en Italie (avec des exemples de musique étudiés dans les Cours vocaux et instrumentaux).
Ouvert à tous les stagiaires.

MUSIQUE D’ENSEMBLE
Pour les classes de CHANT SOLISTE et d’INSTRUMENTS À CORDES.
Musique d’ensemble pour les INSTRUMENTS À VENT ET À PERCUSSION, regroupés selon la conception de musique pour les groupes de Hauts Instruments du XIVème siècle, avec des chalumeaux, des cornemuses, des trompettes et des instruments à percussion.
Cet atelier comprend une partie théorique, essentielle pour la compréhension de certains aspects qui ne sont pas toujours clairs dans les écrits spécifiques, ainsi qu’une partie pratique, où la technique sera accompagnée des aspects ludiques liés aux chants et à la musique d’ensemble.

SÉMINAIRE sur l’ICONOGRAPHIE ET L’ORGANOLOGIE DU XIVème SIÈCLE EN ITALIE.
Il aura lieu lundi 2 et mardi 3 août.

Tarifs (Enseignements complémentaires y compris):

Cours principaux d’instrument: 400,00
Chant (Cours principal): 340,00
Chant Polyphonie en France: 300,00
Danse : 100,00
2 COURS PRINCIPAUX: 600,00

LOGEMENT ET RESTAURATION

Tarifs conventionnés pour les hôtels et restaurants de la ville (sur demande).

REGISTRATION FORM

Name…………………………………………………………………

Place and date of birth………………………………………..

Postal address……………………………………………………..

……………………………………………………………………………………..

Telephone……………………….. Portable………………………………….

e-mail……………………………………………………………………..

Ask to follow the Course of

Musical instruments bring at the Course (model and tuning level)

Musical studies…………………………………………………………..

At……………………………………………………………………………..

Teachers…………………………………………………………………..

Singing/playing experience

Other musical studies

Date………………………………………….

Signature………………………………………….

Please, send the registration form to:

centrostudiadolfobroegg@gmail.com

We will send you a confirmation e-mail for the end of June.

0

2-7 agosto 2010: 1° CORSO INTERNAZIONALE DI MUSICA MEDIEVALE

I° CORSO INTERNAZIONALE DI MUSICA MEDIEVALE

Tema: LA MUSICA MEDIEVALE E LA POLIFONIA ITALIANA DEL TRECENTO

Periodo: 2-7 agosto 2010

Luogo: CENTRO STUDI EUROPEO DI MUSICA MEDIEVALE “ADOLFO BROEGG”
Chiesa della Madonna della Consolazione di Prato, Via Fonte del Mastro II,
Spello (PG), Italia

Corsi Principali:

CANTO SOLISTA – Patrizia Bovi (2-6 agosto)

VIOLA, RIBECA – Gabriele Russo

FIATI – Goffredo Degli Esposti

DANZA – Veronique Daniels (4-6 agosto)

Corso Straordinario di Canto (4-7 agosto)

LA POLIFONIA IN FRANCIA NEL XIV SECOLO – Lucien Kandel
(in collaborazione con la Fondation Royaumont)

Materie Complementari:
MUSICA D’INSIEME – Docenza di gruppo
MUSICA D’INSIEME PER FIATI E PERCUSSIONI – Goffredo Degli Esposti
NOTAZIONE – Veronique Daniels
SEMINARIO SULL’ICONOGRAFIA E ORGANOLOGIA UMBRO-ITALIANA DEL TRECENTO – Pier Maurizio Della Porta (martedì 3 agosto, ore 17,00)

Svolgimento dei Corsi:

MATTINA
Ore 10,00-13,00: CORSI PRINCIPALI

POMERIGGIO
Ore 15,00-16,30: NOTAZIONE
Ore 17,00-19,00: MUSICA D’INSIEME e MUSICA D’INSIEME PER FIATI E PERCUSSIONI
Ore 17,00-20,00: DANZA
Descrizione dei Corsi:

CORSI PRINCIPALI SU LA POLIFONIA ITALIANA DEL TRECENTO
I musicisti del Micrologus tratteranno singolarmente le tecniche esecutive ed interpretative della Musica Italiana del Trecento, altrimenti conosciuta come Ars Nova. Tale periodo segna il passaggio, nei documenti scritti, dalla monodia alla polifonia più elaborata, con composizioni a 2 e 3 voci dei grandi Maestri del Trecento (Francesco Landini, Jacopo da Bologna, Gherardello, ecc.): madrigali, caccie e ballate. Inoltre, si tratterà la musica strumentale dei salterelli e delle istampite dal Codice di Londra.
Solo per chi è già in possesso di una buona preparazione tecnica.

CORSO DI CANTO: LA POLIFONIA IN FRANCIA NEL XIV SECOLO

La poesia e la musica di Guillaume de Machaut domina il XIV secolo francese.
Questo Corso di musica polifonica destinato ai cantanti, propone una introspezione nell’opera monumentale del più grande poeta-musicista francese.
Interpretare la sua musica al giorno d’oggi necessita l’apprendimento del testo, che ai nostri giorni è sfuggevole, ed anche delle differenti tecniche di lettura che utilizzavano i cantori a quell’epoca (notazione, solmisazione, musica ficta…….).
Si canterà qualche d’uno dei suoi mottetti e una parte della sua celebre Messa di Notre Dame direttamente sugli originali, dove ciascuna voce trova la sua propria indipendenza.

Un lavoro vocale specifico su queste musiche, basato sulla pronuncia dell’epoca del latino e del francese del XIV secolo, sarà ugualmente affrontato.

Solo per chi è già in possesso di una buona preparazione tecnica.

DANZA
Balli e Bassedanze italiane del Quattrocento; l’improvisazione sulle coreografie dei Maestri Domenico e Guglielmo; con uno studio, in particolare, su una danza del Trecento e su una basse danse de Bourgogne.

ATTIVITA’ POMERIDIANE

NOTAZIONE
Corso sulla Notazione del Trecento in Italia (con esempi musicali studiati nei Corsi vocali e strumentali).
Per tutti i corsisti.

MUSICA D’INSIEME
Per le classi di CANTO SOLISTA insieme a quelle degli STRUMENTI A CORDE.
Musica d’insieme per i FIATI E LE PERCUSSIONI, raggruppati secondo la concezione di musica per gruppi di ALTA del XIV sec., con cennamelle, cornamuse, trombe e percussioni.
Si svolge sia la parte teorica, necessaria per comprendere alcuni aspetti non sempre evidenti negli scritti specifici, sia una parte pratica, in cui si unirà la tecnica con aspetti ludici del cantare e suonare insieme.

SEMINARIO sull’ICONOGRAFIA MUSICALE UMBRO-ITALIANA DEL TRECENTO
Si terrà martedì 3 agosto, ore 17,00.
INGRESSO LIBERO

Quote di partecipazione (con incluse le Materie Complementarie):

Corsi principali di strumento     400,00
Canto  (Corso principale)            340,00
Canto Polifonia Francese            300,00
Danza                   100,00

2 CORSI PRINCIPALI 600,00

ALLOGGI E RISTORAZIONE

Sono previste delle convenzioni con le strutture della città (saranno inviate su richiesta).

MODULO D’ISCRIZIONE

Nome…………………………………………………………………

Cognome…………………………………………………………..

Data e luogo di nascita………………………………………..

Residente in……………………………………………………..

CAP………………….Città………………………………………

Tel……………………….. Cell………………………………….

e-mail………………………………………………………………

Richiesta di iscrizione al Corso di

Strumenti musicali utilizzabili per il Corso (modello e tono di accordatura)

Conoscenza della voce/dello strumento (specificare possesso di diploma di
conservatorio, frequenza corsi regolari scuola comunale, insegnamento privato,
autodidatta):

Pratica vocale o strumentale dall’anno ……………………… presso

Insegnanti avuti …………………………………………………..

Altre conoscenze musicali…………………………………

………………………………………………………………………….

Si concede l’autorizzazione al trattamento dei dati personali secondo le norme
del Dlgs 196/2003.

Data………………………………………….

Firma………………………………………….

Per favore, inviare il modulo d’iscrizione a:

centrostudiadolfobroegg@gmail.com

Sarà inviata una e-mail di conferma per la fine del mese di Giugno.

0

15 e 29 Maggio, 12 e 19 Giugno 2010 – VOX NOSTRA RESONET corso di canto polifonico

VOX NOSTRA RESONET
corso di canto polifonico
15 e 29 maggio, 12 e 19 giugno 2010

Con lo scopo di avvicinare cantanti e coristi al vasto repertorio di brani monodici e polifonici medievali e di tradizione popolare gli oggetti di studio saranno brani tratti dai Codici “Las Huelgas”, “Montpellier”, “Cividale”, lectio polifoniche fino a quattro voci e composizioni appartenenti alla tradizione orale corsa, sarda e ligure.
Essi saranno presentati prima in chiave moderna, in trascrizioni, e successivamente in notazione originaria, neumatica e quadrata.
Non è comunque richiesta la conoscenza della musica scritta, perché chi non sa leggerla la notazione neumatica lo aiuta a ricordare il canto imparato per imitazione.

DURATA
Il corso ha una durata complessiva di 20 ore distribuite in 4 sabati, 15/05, 29/05, 12/06 e 19/06, 5 ore in ogni occasione divise fra mattino (2 ore) e pomeriggio(3 ore). Il corso è comunque strutturato in modo che è possibile frequentare anche solo le lezioni pomeridiane.
Per ovvii motivi il corso sarà effettuato solo se si raggiunge un numero sufficiente di iscritti, per cui siete pregati di dare la vostra adesione entro il termine indicato (24/04).

COSTO
Il costo del corso intero è € 150 (per i tesserati € 130) ed € 120 per chi frequenta solo il pomeriggio (per i tesserati €100).
L’iscrizione va fatta tramite e mail all’indirizzo centrostudiadolfobroegg@gmail.com entro e non oltre il 24 aprile 2010. La conferma dell’inizio del corso sarà comunicata per e mail entro il 30 aprile p.v..

0

17 Aprile 2010 – CONFERENZA sul restauro della Chiesa in cui è allestito il Centro Studi

Alle ore 17,00 al Centro Studi, conferenza di Isabella Gubbini e Giulio Proietti sui particolari del restauro della Chiesa della Consolazione.

Ingresso libero

0

sabato 17 aprile 2010 : CONCERTO “Electro-rotation” con Stéphane Durand. Ore 21,00 al Teatro Subasio

Concerto Electro-rotation - Sabato 17 Aprile, alle ore 21, Stéphane Durand terrà nel Teatro Subasio di Spello un concerto dal titolo “Electro-rotation”. Il repertorio musicale sarà per lo più quello tradizionale francese con riarrangiamenti del musicista, in una rivisitazione appunto elettroacustica di questa musica.

INGRESSO LIBERO

Presentazione
Nel suo nuovissimo concerto da solista intitolato « ÉlectroRotation »,il musicista Stéphane Durand
ci invita nel suo universo musicale, facendoci conoscere con originalità le innumerevoli risorse della ghironda moderna.
Stéphane sviluppa per l’occasione nuove composizioni, integrate talvolta dalla costruzione di loop musicali registrati in diretta, effetti vocali e improvvisazioni.
Molto più di un semplice « solo » strumentale, questo concerto è un invito ad immergersi in un percorso artistico passionale e appassionante.

Stéphane Durand

Nato nel 1973, inizia a studiare la ghironda nel 1985. Vince diversi concorsi, tra cui il primo premio al “Festival International de St. Chartier” (dipartimento dell’Indre) per la categoria ghironda nel 1995 e fa parte della commissione per ben 8 anni. In seguito suona in un energico duo di ghironde chiamato Machiavel con cui registra un CD live durante il festival “De bouche à Oreille” di Parthenay aprendo il concerto di Valentin Clastrier (agosto 1996). Le sue capacità si consolidano nel corso degli anni con Le Terminus, un gruppo di concerto da ballo. Ma investe le proprie energie soprattutto nella creazione del gruppo Tapage nel 1997, con cui si esibisce per cinque anni in Francia e all’estero. Registra due album, il secondo dei quali viene distribuito da “L’Autredistribution”. Nel luglio del 2000 partecipa al concerto organizzato da Gilles Chabenat in occasione dei 20 anni del festival di St. Chartier, salendo sul palco “grande scène” in compagnia di numerosi solisti e del trio jazz di Denis Badault (ex direttore dell’Orchestre National de Jazz). Questa esperienza verrà ripetuta con successo sul prestigioso palco di Châteauroux (Equinoxe) nel novembre del 2000. Parallelamente dà vita a stage di ghironda in Francia e all’estero, dove il suo stile e la sua tecnica avanzata sono particolarmente apprezzati. In seguito, grazie ad effetti sempre più personali e utilizzando la sua ghironda elettroacustica, moltiplica le proprie esperienze, improvvisando ad esempio con un batterista in un lungometraggio proiettato davanti la cattedrale di Orléans in occasione del festival “Images Imaginées” (agosto 2002). Infine, gli viene chiesto di improvvisare come solista per accompagnare lo spettacolo pirotecnico del 14 luglio 2003 ad Orléans, come aveva fatto prima di lui l’organettista Arnaud Méthivier, con cui organizza l’evento. Dopo due anni di progetti e preparativi, sceglie degli esperti musicisti di Orléans per formare il suo nuovo gruppo, con il quale decide di registrare e produrre il suo album: COSMIC DRONE. Da allora, le sue esibizioni sul palco non mancano di sorprendere il pubblico, grazie soprattutto ad una tecnica sempre più moderna e originale: il Trio MaÏkovski per il Jazz Bourgogne 2005, il Duo ghironda-chitarra con Régis Savigny (membro del gruppo Gregsky) e, per finire, il concerto solista “ElectroRotation”! In quest’ultimo concerto, Stéphane sviluppa nuove composizioni, integrate dalla costruzione di loop musicali registrati in diretta e dall’utilizzo di effetti, facendoci conoscere il suo personalissimo universo musicale. Discografia: Machiavel , edizione Amta 1997. Tapage, (volume 1) edizione Amta 1997. Le Terminus, autoproduzione / studio Blatin,1998. Tapage “Partage Nocturne”, (vol. 2) studio Blatin, distribuito da “L’Autredistribution”, 2000. COSMIC DRONE , autoproduzione, studio Polygone (Toulouse), 2003.

Stéphane Durand ( www.cosmicdrone.com)

0

15-18 Aprile 2010- STAGE DI GHIRONDA con Stéphane Durand

Stage di Ghironda – Si terrà dal 15 al 18 aprile 2010 al Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg” di Spello, a Spello, nella Chiesa di Santa Maria della Consolazione di Prato, uno stage di ghironda tenuto dal Stéphane Durand, personaggio di spicco in Francia, nell’ambiente della musica tradizionale. La ghironda (o gironda, in francese vielle à roue, in inglese hurdy gurdy) è uno strumento musicale a corde di origine medievale; alla base del funzionamento dello strumento c’è una ruota di legno, coperta di pece e azionata da una manovella, che sfrega le varie corde: i cantini, i bordoni e la trompette; i cantini sono controllati da una tastiera e realizzano la melodia, i bordoni producono un suono continuo, la trompette produce invece un caratteristico suono ronzante. La direzione artistica è di Giordano Ceccotti, musicista e liutaio di Assisi, in collaborazione con il Centro Studi, l’ass. REsonArs ed il Comune di Spello. Ci saranno partecipanti da gran parte d’Italia, per un di tipo di attività che fino generalmente si caratterizza al Nord (Piemonte – valli occitane).

Per l’occasione sarà possibile visitare la Mostra di “Liuti e strumenti a corda dal Medioevo ai nostri giorni“, dalla collezione di Adolfo Broegg (1961-2006), con ingresso libero.

Stéphane Durand

Nato nel 1973, inizia a studiare la ghironda nel 1985. Vince diversi concorsi, tra cui il primo premio al “Festival International de St. Chartier” (dipartimento dell’Indre) per la categoria ghironda nel 1995 e fa parte della commissione per ben 8 anni. In seguito suona in un energico duo di ghironde chiamato Machiavel con cui registra un CD live durante il festival “De bouche à Oreille” di Parthenay aprendo il concerto di Valentin Clastrier (agosto 1996). Le sue capacità si consolidano nel corso degli anni con Le Terminus, un gruppo di concerto da ballo. Ma investe le proprie energie soprattutto nella creazione del gruppo Tapage nel 1997, con cui si esibisce per cinque anni in Francia e all’estero. Registra due album, il secondo dei quali viene distribuito da “L’Autredistribution”. Nel luglio del 2000 partecipa al concerto organizzato da Gilles Chabenat in occasione dei 20 anni del festival di St. Chartier, salendo sul palco “grande scène” in compagnia di numerosi solisti e del trio jazz di Denis Badault (ex direttore dell’Orchestre National de Jazz). Questa esperienza verrà ripetuta con successo sul prestigioso palco di Châteauroux (Equinoxe) nel novembre del 2000. Parallelamente dà vita a stage di ghironda in Francia e all’estero, dove il suo stile e la sua tecnica avanzata sono particolarmente apprezzati. In seguito, grazie ad effetti sempre più personali e utilizzando la sua ghironda elettroacustica, moltiplica le proprie esperienze, improvvisando ad esempio con un batterista in un lungometraggio proiettato davanti la cattedrale di Orléans in occasione del festival “Images Imaginées” (agosto 2002). Infine, gli viene chiesto di improvvisare come solista per accompagnare lo spettacolo pirotecnico del 14 luglio 2003 ad Orléans, come aveva fatto prima di lui l’organettista Arnaud Méthivier, con cui organizza l’evento. Dopo due anni di progetti e preparativi, sceglie degli esperti musicisti di Orléans per formare il suo nuovo gruppo, con il quale decide di registrare e produrre il suo album: COSMIC DRONE. Da allora, le sue esibizioni sul palco non mancano di sorprendere il pubblico, grazie soprattutto ad una tecnica sempre più moderna e originale: il Trio MaÏkovski per il Jazz Bourgogne 2005, il Duo ghironda-chitarra con Régis Savigny (membro del gruppo Gregsky) e, per finire, il concerto solista “ElectroRotation”! In quest’ultimo concerto, Stéphane sviluppa nuove composizioni, integrate dalla costruzione di loop musicali registrati in diretta e dall’utilizzo di effetti, facendoci conoscere il suo personalissimo universo musicale. Discografia: Machiavel , edizione Amta 1997. Tapage, (volume 1) edizione Amta 1997. Le Terminus, autoproduzione / studio Blatin,1998. Tapage “Partage Nocturne”, (vol. 2) studio Blatin, distribuito da “L’Autredistribution”, 2000. COSMIC DRONE , autoproduzione, studio Polygone (Toulouse), 2003.

Stéphane Durand  www.cosmicdrone.com

0

28 marzo 2010: Concerto “In Monte Oliveti” – MUSICHE DELLA SETTIMANA SANTA

domenica 28 marzo , ore 17,30
CONCERTO “IN MONTE OLIVETI” – MUSICHE DELLA SETTIMANA SANTA
Con il Gruppo Vocale Armoniosoincanto

Dir.: Franco Radicchia

INGRESSO LIBERO

programma concerto: “IN MONTE OLIVETI”

Invocabit me  – Antifona ad introito – I Domenica di Quaresima

Pueri Hebraeorum  – Antifona per la Domenica delle Palme

Benedicamus Domino – Discanto, sec. XI

Miserere (salmo 51) – organum parallelo – G. D’Arezzo, sec. XI

Beatus vir – Bicinium – O. di Lasso, sec. XVI

Beatus homo – Bicinium – O. di Lasso, sec. XVI

Oculus non vidit – Bicinium – O. di Lasso, sec. XVI

Dove vai, Matre Maria – Canto Devozionale Umbro

Stabat Mater – melodia popolare umbra

Stabat Mater – Giuseppe Tartini,  sec. XVIII

Tristis est animam meam – P. G.B. Martini, sec. XVIII

In monte oliveti – P. G.B. Martini, sec. XVIII

GRUPPO VOCALE ARMONIOSOINCANTO
Caterina Becchetti, Elisabetta Becchetti, Elisa Calderini, Monica Grelli, Monica Mariucci, Roberta Panicale, Francesca Piottoli.

Direttore:   Franco Radicchia

www.armoniosoincanto.it

CURRCULUM DEL GRUPPO VOCALE  ARMONIOSOINCANTO

Fondato nel 1997 è formato da organici variabili con prevalenza di voci femminili che lavorano cercando una purezza vocale quanto più possibile vicina ai canoni interpretativi della musica medioevale e rinascimentale. Lo studio della vocalità pura è caratterizzato dalla linearità e dalla particolarità timbrica delle voci che comunicano una precisa trasparenza e un suono utile a far rivivere l’essenza della preghiera e la parola dei testi sacri amplificati dalle antiche melodie. La ricerca riguarda musiche tratte dagli antichi codici dell’epoca carolingia, dai laudari medioevali e dagli antichi testi liturgici e non dell’epoca medioevale con particolare riferimento a quelli dell’area umbra e toscana. Per consolidare il lavoro di ricerca e di studio l’Associazione organizza seminari di Canto Gregoriano e musica antica con esperti del settore come Nino Albarosa, Giovanni Conti e Tito Molisani. Ha eseguito concerti In Svezia a Stoccolma e Uppsala e in Ungheria a Budapest in collaborazione con i locali Istituti Italiani di Cultura.
Svolge una importante attività concertistica partecipando a Festivals in Italia (“Canto delle Pietre” di Lombardia Musica, il Festival delle Rocche di Roma e “il Canto dell’Anima” di Caltanisetta) e all’estero (VIII Festival Internazionale di Canto Gregoriano di Watou in Belgio). Nel 2001 ha vinto il 2° Premio al Concorso Internazionale “Seghizzi” di Gorizia per la Cat. di Canto Gregoriano e il prestigioso premio D. Cieri al Concorso Internazionale di Arezzo nel 2002 per la Cat. di Canto Monodico Cristiano. Ha inciso un CD prodotto dalla Sagra Musicale Umbra sull’Ufficio Ritmico in gregoriano di P. Giuliano da Spira e un CD prodotto dalla Casa Discografica Bongiovanni di Bologna sui Canti di Pellegrinaggio medioevali in collaborazione con l’Ensemble Orientis Partibus. Ha registrato la colonna sonora di una nuova produzione de “I Promessi Sposi” con la regia di F. Archibugi e le musiche di Battista Lena trasmessa nel Gennaio 2004 da Canale 5. Nel Settembre 2003, nell’ambito del Festival “Sagra Musicale Umbra” ha presentato in prima assoluta il dramma musicale “La Sapienza di Rosvita” su musiche di F. Sulpizi in collaborazione con Il Teatro di Sacco e la regia di R. Biselli. Nel 2004 ha eseguito concerti in Alta Savoia (Francia), presso il Festival di Musica Antica di Magnano, a Frosinone, a Roma in occasione presso l’Auditorium dell’Università Cattolica e a Reggio Emilia; ha partecipato alla 59° edizione della Sagra Musicale Umbra presentando un lavoro insieme ai Fratelli Mancuso dal titolo “Requiem” e che ha avuto già varie repliche in Sicilia, in Campania e, di recente, in Austria. Nel 2005 ha eseguito concerti nel Michigan a Grand Rapids (USA) e a Vienna collaborando con la Frauen-Kammerorchester von Osterreich. Ha eseguito brani in prima esecuzione assoluta di Pedini, Sulpizi, Scapecchi e Battista Lena. In Agosto ha ottenuto il III Premio al Concorso Int. “Guido D’Arezzo” per la Cat. Canto Monodico Cristiano. E’ in commercio il terzo CD sulla figura della Madonna nel Medioevo commissionato dalla Casa Discografica Tactus di Bologna.

0

27 febbraio 2010 – Saggio di VOX FEBRUARI

27  febbraio 2010 –  Saggio di VOX FEBRUARI

ore 19,15 – al CENTRO STUDI

Gli otre 30 partecipanti al Corso sulla Vocalità daranno un breve saggio, sotto la guida del loro direttore Ulrich Pfeifer, di quanto appreso nei 3 incontri di Vox Februari: musica antica, organum, improvvisazioni, canto tradizionale e altro.

INGRESSO LIBERO

Programma Saggio finale “Vox februari”
–    Stella splendens
–    Laudemus
–    Polorum Regina
–    Cuncti simus
–    Gaudens
–    Ad mortem
–    Brano a sorpresa

0

13 febbraio 2010 – CONCERTO “In festa” – con Ulrich Pfeifer, Goffredo Degli Esposti, Gabriele Russo

Sabato 13 Febbraio 2010, ore 21,15

“IN FESTA”
Canti e musiche medievali di festa (di Carnevale) e d’amore (per S. Valentino)

I GIOCOLARI del MICROLOGUS

Ulrich Pfeifer – canto, ghironda

Goffredo Degli Esposti – zufolo & tamburo, flauto traverso

Gabriele Russo – viella, cornamusa

INGRESSO AD OFFERTA

“I GIOCOLARI” del Micrologus
Emanazione del più grande Ensemble Micrologus, è una formazione più piccola, di 3-4 musicisti, specializzata nella giocoleria-giullaria medievale.
Esegue il repertorio medievale di più immediata comunicazione del Medioevo europeo: canti di trovatori, carmina burana, canti di festa, racconti e storie di miracoli, ballate, danze, ecc..
Questo gruppo rievoca la tradizione della giullaria dove le voci e gli strumenti sono mezzi, non solo musicali, ma di espressione teatrale e di spettacolo.
Tra gli strumenti utilizzati ci sono, in particolare, alcuni tipici del Medioevo che suonano a bordone: ghironda (strumento a corde con tastiera), viella (la viola medievale), zufolo & tamburo (flauto a tre fori suonato insieme col tamburo) e la cornamusa.

0

12 marzo 2010 – “IMMAGIN’ARTE LA MUSICA” – 3° incontro : BOMBARDE, CIARAMELLE, FLAUTI E….. IL PIFFERAIO MAGICO

“IMMAGIN’ARTE LA MUSICA”
GLI STRUMENTI MUSICALI ANTICHI E LA LORO RAPPRESENTAZIONE NELLE OPERE D’ARTE

Ciclo di 10 conferenze con la proiezione di immagini e l’ascolto guidato di esempi musicali registrati.
A cura di GOFFREDO DEGLI ESPOSTI e PIER MAURIZIO DELLA PORTA

INGRESSO LIBERO

Venerdì, 29 Gennaio 2010, ore 21,15
1 – CORNAMUSE, ZAMPOGNE E ALTRE DIAVOLERIE

Venerdì, 26 Febbraio 2010, ore 21,15
2 – L’ARPA DEL RE, L’ARPA D’AMORE

Venerdì, 12 Marzo 2010, ore 21,15
3 – BOMBARDE, CIARAMELLE, FLAUTI E….. IL PIFFERAIO MAGICO

0

febbraio, marzo, aprile 2010 – CORSO DI CANTO MEDIEVALE SOLISTA

CORSO DI CANTO MEDIEVALE – LA VOCE SOLISTA E IL LIUTO

La vocalità solistica nella musica italiana dal 1300 al 1400, secondo l’accompagnamento del liuto e degli altri strumenti a corde.

Periodo : 18, 19, 20 febbraio – 3, 4, 5 marzo – 2, 3 aprile 2010

Orario : 15,00 -18,00.

Docente: Patrizia Bovi

Costo: 250 euro (per i partecipanti al corso di liuto 100 euro)

0

febbraio, marzo, aprile 2010 – CORSO DI LIUTO MEDIEVALE E DEL PRIMO RINASCIMENTO

CORSO DI LIUTO MEDIEVALE E DEL PRIMO RINASCIMENTO
Date: 18,19,20 febbraio –  4, 5, 6 marzo – 1, 2, 3 aprile 2010

Docente: Crawford Young

Articolazione del corso: principianti, livello medio/avanzato.

Tecnica con il plettro o con le dita. Lezione individuale di un ora per ciascun iscritto e musica d’insieme in duo, trio, ensemble.
Possono essere previste anche lezioni per i gruppi comprendenti iscritti al corso.

Repertorio: XIV sec.: intavolature / arrangiamenti per liuto di Ars Nova francese (Guillaume de Machaut), Ars Subtilior, Ars nova italiana (Jacopo da Bologna, Lorenzo da Firenze, Landini), istampitte monodiche, danze. XV sec: intavolature / arrangiamenti di compositori borgognoni :Dufay, Binchois, Frye, Hayne van Ghizeghem, Agricola; bassadanze, balli; Buxheimer Orgelbuch. XVI sec: frottole, musica tedesca, liutisti di Norimberga (Blindhammer, Neusidler).

Numero partecipanti: minimo 5, massimo 8.

Durata totale del corso: 45 ore
Costo: 500 euro.

0

6, 13 e 27 febbraio 2010 – VOX FEBRUARI

VOX FEBRUARI

Venite in febbraio al Centro Studi per scoprire in modo leggero, senza sforzi, paure o vergogne…
di essere stati sempre stonati!!..
…stiamo scherzando!!!. Faremo invece miracoli per scoprire la Vostra Voce.

Probabilmente non canterete subito dopo, in marzo, alla Scala di Milano, ma avrete scoperto, alla fine dei tre incontri, che bella e profonda energia ci sia nella vostra voce e, se siete persone che cantano già, cos’altro ancora sarete capace di fare della Vostra Voce.

Tutto questo, in forma spesso ludica, ma su basi serie, utilizzando diverse tecniche e stili storici e
tradizionali del canto. La massima attenzione verso la personalità dei partecipanti sarà garantita.

Orario: Sabato 6, 13 e 27  febbraio 2010, dalle 16,00 alle 19,00
(chi dopo avrà voglia di andare avanti, …saremo a disposizione)

Docente: Ulrich Pfeifer

Costo:  20 euro per i 3 incontri (15 euro per i soci). Gratuito fino ai 14 anni.

Ulrich Pfeifer
Dal 1980 al 1985 ha svolto approfonditi studi di musicologia presso le università di Gottinga, Colonia e Parigi. Parallelamente ha studiato canto barocco e medioevale specializzandosi in quest’ ultimo.
Ha collaborato con le maggiori formazioni di musica medievale e barocca come tenore e strumentista di ghironda, svolto un’intensa attività concertistica nazionale ed internazionale con l’Ensemble “Micrologus” di Assisi, registrato sedici Cd, costituito e diretto per quattro anni un coro di voci bianche a Lutry (CH); ha lavorato come catalogatore, bibliotecario e collaboratore alla ricerca delle fonti musicali presso “l’Ufficio Ricerca Fondi Musicali (URFM)” e presso la Biblioteca del Conservatorio “G.Verdi” di Milano.

0

Amadeus, dicembre 2009

Amadeus-dic-09

0

Il ricordo di Adolfo dei Compagni del Circolo di Rifondazione Comunista di Spello

Salutiamo con gioia e soddisfazione la nascita del Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg

L’iniziativa rende giusto omaggio al grande musicista, alla sua costante passione per la ricerca, alla sua ricca raccolta di strumenti, alle sue ineguagliabili sensibilità e capacità musicali.

Ma noi, amici e compagni, che abbiamo condiviso con lui tanti momenti di vita all’interno del circolo “Che Guevara” (che lui sempre chiamava “eroe del mio universo ideale”) sentiamo il dovere e l’onore di testimoniare questa dimensione di impegno ideologico e sociale che tanto vivamente Adolfo sentiva e rappresentava; così tanto da non scinderlo dall’attività creativa in campo musicale.

A testimoniarlo sono queste parole riportate in un suo documento di indirizzo politico-culturale intitolato appunto “Arte nella politica, e politica per l’arte”: “La musica può essere uno strumento non astratto, non insensibile alla realtà, ma anzi una forma concreta per rappresentare le più nobili esigenze della persona, un modo utile per comunicare con tutti i popoli del Mondo – nella pace – l’idea rivoluzionaria di quel verbo, di quel Cristo, che alfine sciolto dai dogmi del cielo e delle condizioni di singolarità, riemergesse nella coscienza civica, politica e morale di ognuno di noi, in mezzo a tutte le genti, nel vivo della società”.

È questo un messaggio di grande umanità, il livello più alto di un profondo convincimento di responsabilità personale: tutto quanto Adolfo ha vissuto e rappresentato, con limpido pensiero comunista, sia nelle attività pratiche del nostro circolo, sia nello svolgimento del mandato amministrativo quale assessore alla cultura e vicesindaco, sia negli incarichi politici assolti a livello regionale; fu candidato alle elezioni regionali riscuotendo notevoli consensi.

Cos’altro possiamo dire di lui che non sia stato già pronunciato, che non sia già di conoscenza e buona memoria per tutti? Forse il nostro comune senso della speranza e della volontà. Sì: l’appartenenza complice ad un’idea di trasformazione profonda ed innovativa delle culture e della qualità della vita.

Proprio quel senso originale della vita che Adolfo sentiva nel profondo, e che traspare in modo del tutto evidente in questi suoi brevi cenni di poesia:

Sull’onda di queste idee, ci siamo sempre capiti ed amati.
In tutto questo sei sempre stato un compagno esemplare, un conforto, uno stimolo, una sicurezza.

Ancora una volta un abbraccio, un bacio.

Spello, 5 dicembre 2009

0

Il ricordo di Adolfo della Nobilissima Parte de Sopra

In più di mezzo secolo di Calendimaggio, nessuno può ormai dire quanti musici hanno carezzato le corde di un liuto, profondendo note d’amore e di speranza nel tempo di primavera.
Ma solo Adolfo ha la forza di liberare un sogno in grado di sopravvivere all’alba del nuovo giorno, al maggio, alle stagioni, all’età, al tempo.
Nell’impugnare lo strumento ha una postura che lo porta ad avvicinare il liuto al petto e nel suo gesto ampio e magistrale fa vibrare le corde tese e distese su un antico legno, muove le corde trama e ordito di un cuore grande.
Tanto è unico e straordinario da fuggire ogni convenzione e luogo comune, da farci dubitare anche della certezza che i grandi strumentisti sono tali quando la musica ha un’anima, la loro anima.
Con Adolfo l’assunto è rovesciato. E’ la sua anima ad essere musica ed un simile pensiero si può ben dire più fedele al vero.
Sembra un gioco di parole ma viene proprio naturale declinare sulla persona i tanti attributi spesso riservati alla musica, solo alla musica.
Perché il suo carattere è segnato dal ritmo e la sua natura volta all’armonia, un buon motivo ha la sua vita e sono un suono le sue parole quando si apre all’amicizia con generosi accordi. Un concerto da sentire e del sentire.
Non attendiamo una fine che non c’è stata, non c’è, non ci sarà. Tributiamogli un applauso a scena aperta ed aperta sia sempre una porta.
Un caro saluto a Patrizia, Goffredo, Gabriele ed insieme a loro salutiamo Adolfo. Allo stesso modo salutiamo Adolfo, con lo stesso affetto salutiamo Adolfo.
Come si saluta chi va ma torna, così, rapidamente. Come chi c’è e tra noi rimane, così, felicemente. Nulla più, così, semplicemente.
Oggi ci siamo. Con te e per te Adolfo.

Assisi, dicembre 2009

0

11, 12, 13 dicembre 2009 – PORTE APERTE ALLE VOCI

Il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”, dal 11 al 13 dicembre 2009, nella sua sede di S. Maria della Consolazione di Prato a Spello, ascolterà i cantanti umbri, e non, da soli o con accompagnamento strumentale, con lo scopo di conoscere coloro che studiano, lavorano e sono interessati a progetti sula musica antica vocale nella Regione Umbria.

Con l’occasione sarà possibile visitare la Mostra degli strumenti, aperta nel pomeriggio di sabato 12 e tutta la giornata di domenica 13.

0

6 dicembre 2009 – Concerto dell’ENSEMBLE MICROLOGUS

Domenica 6 dicembre 2009, alle ore 17,15 ca., al CENTRO STUDI EUROPEO DI MUSICA MEDIEVALE “ADOLFO BROEGG”, presso la Chiesa di Santa Maria della Consolazione di Prato, Via Fonte del Mastro, Spello (Pg) – INGRESSO LIBERO

Concerto dell’ENSEMBLE MICROLOGUS

ISTAMPITE E SALTERELLI
“L’arte degli strumenti a fiato e a percussione nelle danze italiane del Trecento”
Prima nazionale

Un nuovo programma di musica strumentale per i fiati e le percussioni medievali, basato sulle più antiche musiche di danza italiana, le istampite e i salterelli, che risalgono al XIV secolo.
Un concerto straordinario, sia per la sonorità potente degli strumenti sia per il virtuosismo unito alla filologia interpretativa con cui si affronta un repertorio importantissimo, perchè unico, nella storia della musica strumentale.
Una riscoperta della musica medievale per danza che cattura per la forza dei ritmi travolgenti e le melodie ipnotiche.

PROGRAMMA

LAMENTO DI TRISTANO & ROTTA
Prima pars – Sechunda pars – Terça pars
ISABELLA
Prima pars – Sechunda pars – Terça pars – Quarta pars
TROTTO
Prima pars – Sechunda pars – Terça pars – Quarta pars – Quinta pars
SALTERELLO (II)
Prima pars – Sechunda pars doppia – Quarta pars – Quinta pars
GHAETTA
Prima pars  – Terça pars – Quarta pars
PARLAMENTO
Prima pars – Sechunda pars – Terça pars – Quarta pars
SALTERELLO (III)
Prima pars – Terça pars – Quarta pars – Quinta pars
TRE FONTANE
Prima pars – Sechunda pars – Terça pars
LA MANFREDINA  E LA ROTTA  DELLA MANFREDINA
(Prima pars) – Sechunda pars – Terça pars
SALTERELLO (IV)
Prima pars – Sechunda pars – Terça pars – Quarta pars – (Quinta pars) – Sesta pars
SALTERELLO (I)
Prima pars – Sechunda pars – Terça pars – Quarta pars

Goffredo Degli Esposti – cornamusa, sampogna, flauto bicalamo, piffero, zufolo col tamburo
Daniele Bernardini – cennamella, piffero
Daniele Bocchini – tromba dritta
Massimiliano Dragoni  – tamburelli, crotali, naccharoni, tamburo quadrato
Luigi Germini – tromba a tirarsi, tromba dritta
Gabriele Miracle – nacchari, tamburello, cimbali, campane
Gabriele Russo – viola

0

5 dicembre 2009 – Concerto dell’ENSEMBLE MICROLOGUS

Sabato 5 dicembre 2009, ore 18,00 ca., al CENTRO STUDI EUROPEO DI MUSICA MEDIEVALE “ADOLFO BROEGG”, presso la Chiesa di Santa Maria della Consolazione di Prato, Via Fonte del Mastro, Spello (Pg). – INGRESSO LIBERO

Concerto dell’ENSEMBLE MICROLOGUS

Programma a sorpresa

Patrizia Bovi – canto, arpa

Goffredo Degli Esposti – zufolo e tamburo, bombarda, flauto diritto

Gabriele Russo – viola, viola da gamba

Daniele Bernardini – cennamella

Daniele Bocchini – trombone

Mauro Borgioni – canto

Luigi Germini – trombone

Gabriele Miracle – tamburello, nacchari

Simone Sorini – canto, liuto

Leah Stuttard – arpa

Crawford Young – liuto

0

Programma del 5/6 dicembre 2009: inaugurazione del Centro

Inaugurazione del Centro Studi Europeo di Musica Medievale ”Adolfo Broegg”

Sabato 5 Dicembre 2009
Chiesa di Santa Maria della Consolazione di Prato
via Fonte del Mastro, Spello, Perugia

560x374_programma

Sabato 5 dicembre 2009
Ore 17,00

  • Inaugurazione del “CENTRO STUDI EUROPEO DI MUSICA MEDIEVALE ADOLFO BROEGG”, nuova sede dell’Associazione Musicale Micrologus, con interventi delle Autorità.
  • Presentazioni degli affreschi scoperti e restaurati
  • Inaugurazione della mostra su “LIUTI E STRUMENTI A CORDA DAL MEDIOEVO AI NOSTRI GIORNI”,appartenuti al M° Adolfo Broegg, curata dai MM° liutai Vincenzo Cipriani e Giordano Ceccotti.
  • Concerto dell’Ensemble Micrologus:
    Patrizia Bovi – canto, arpa
    Goffredo Degli Esposti – zufolo e tamburo, bombarda, flauto diritto
    Gabriele Russo – viola, viola da gamba
    Daniele Bernardini – cennamella
    Daniele Bocchini – trombone
    Mauro Borgioni – canto
    Luigi Germini – trombone
    Gabriele Miracle – tamburello, nacchari
    Simone Sorini – canto, liuto
    Leah Stuttard – arpa
    Crawford Young – liuto

Continua a leggere

0

“Porte aperte alle voci”

560_PorteAperte

Il Centro Studi Europeo di Musica Medievale “Adolfo Broegg”, sarà inaugurato il 5 dicembre 2009 e, dal 11 al 13 dicembre 2009, nella sua sede di S. Maria della Consolazione di Prato a Spello, darà vita ad un’iniziativa con lo scopo di conoscere coloro che studiano, lavorano e sono interessati alla musica antica nella Regione Umbria.

Continua a leggere

0

La Nazione, 24 aprile 2009

nazione-240409

0

Corriere dell’Umbria, 24 aprile 2009

corriere-240409

0

Corriere dell’Umbria, 25 aprile 2008

corriere-250408

0

La Nazione, 22 aprile 2008

nazione-220408

0

Messaggero, 22 aprile 2008

messaggero-220408

0

Giornale dell’Umbria, 22 aprile 2008

giornaleumbria-220408

0

Corriere dell’Umbria, 22 aprile 2008

corriere-220408

0

Corriere dell’Umbria, 12 giugno 2007

corriere-120607

0

Corriere dell’Umbria, 10 gennaio 2007

corriere-100107

0

Corriere dell’Umbria, 4 gennaio 2007

corriere-040107

0

Corriere dell’Umbria, 3 gennaio 2007

corriere-030107

0

Corriere dell’Umbria, 30 dicembre 2006

corriere-301206corriere-301206-02

0

NEWS: CONCERTO PER ADOLFO BROEGG

Io ti canto

concerto per Adolfo Broegg

La serata si svolgerà il 28 dicembre alle ore 20,30 all’Auditorium San Domenico di Foligno, patrocinata dal Comune di Spello, Comune di Foligno, Musical Box di Sergio Piazzoli.

Gli artisti: Goffredo Degli Esposti, Gabriele Russo, Patrizia Bovi, Mauro Borgioni, Gabriele Miracle, Mauro Morini, Luigi Germini, Simone Sorini, Isacco Colombo, Daniele Bocchini, Gianni De Gennaro, Massimiliano Dragoni, Ramberto Ciammarughi, Massimo Liberatori, Giancarlo Serano, Maurizio Catarinelli, Mauro Mela, Raffaello Simeoni, Arnaldo Vacca, Cristiano Califano, Luca Barberini, Stefano Manelfi, Nando Citarella, Valerio Perla, Rodolfo Maltese, Francesco di Giacomo, Daniele Sepe, Giordano Ceccotti, Daniele Bernardini, Luca Piccioni, Enea Sorini, Hamed Ragi, Barbara Bucci, Marco Baccarelli, Lamberto Maggi, Franz Albert Mayer, Lorenzo Salvatori, Lorenzo Mancuso, Enzo Mancuso, Maria Rita Colagiovanni, Giovanna Marini, Patrizia Nasini, Francesca Breschi, Alessandro Magnalasche, Lanfranco Fornari, Mauro Formica, Riccardo Regi, Marco Pentiricci, Stefano Tofi, Sergio Servadio, Mario Pirovano, Trasmigrazioni sonore.

Tutti gli artisti parteciperanno a titolo gratuito. «Rappresentano – spiega Patrizia Bovi – soltanto un primo importante passo verso la creazione di una Fondazione “Adolfo Broegg” che possa tramandare ai posteri i segreti della sua arte di musicista di musica antica e la sua grande umanità».

Grazie a: Stefano Negri, Pino Antonelli, Sergio Fortini, Alessandro Pascoli, Sezione Aurea, GS elettronica di Giorgio Simone, Lucia Fiumi, Musical Box, Sergio Piazzoli, Comune di Foligno, Provincia di Perugia, Regione Umbria, Carlo e Antonietta Angeletti, Elisa Tonelli, Carlo Bosco, Giorgio Fratini, Vincenzo Cipriani, Silvia Cordovana, Mario e Lorella Al Borgo, Sandro Vitali, Leonardo Malà, Leonardo De Mai, Massimo Monacelli, Muzzi Pasticceria, Stefano Capanni, Maurizio Catarinelli, Elfrida Gubbini, Paolo Tomassini Reference, Roberto Vaccai, Lavinia Lunghi, Andrea Jengo, Atmo, Nobilissima Parte de Sopra, Comunità Montana del Subasio, Circolo Che Guevara di Spello, Nuovo Albergo il Portonaccio, Time’s Hotel, Albergo il Cacciatore, Hotel Palazzo Bocci, Affittacamere Tini Brunozzi Lina, Albergo Ristorante I Vecchi Tempi.

Download flyer (258 kb .pdf)

8

Dolce amico

Dolce amico

Ti ho conosciuto nel 1981 quando sei appena arrivato a vivere in Umbria da Roma, io da sempre appassionata di musica antica avevo cominciato a cantare con il gruppo Alia Musica e tu giovane diplomato in chitarra classica, cominciavi a suonare con “l’Estate di San Martino”, il rock progressivo.

Da allora non ci siamo più lasciati.

Venne a te l’idea di coinvolgermi nella formazione di Micrologus dopo che avevi ascoltato la registrazione di un concerto che avevo fatto, ospite, dei Menestrelli di Assisi dove avevi cominciato a suonare chiamato da Goffredo, con lui avevi anche messo in piedi un duo chitarra classica e flauto traverso.

Tu scherzando dicevi sempre “Bovi, ti ho dedicato gli anni migliori della mia vita”, ed io ti rispondevo “se è per questo, anch’io, e dovresti essere felice di avermi incontrata” e lui “…è stata la tua fortuna!” e i nostri scherzi hanno continuato su questo tono per questi 25 anni.

Una cosa è certa, siamo stati fortunati ad incontrarci noi quattro, con le nostre caratteristiche così diverse.

Ma con una passione comune ed una gioia di fare la musica che tanti ci hanno invidiato.

Qualche giorno fa mi hai mandato un messaggio che diceva: “sto guardando le prove delle ragazze del gruppo danza, hanno messo trenta volte ‘J’ai pris amour’ e mi è venuto un momento di malinconia, quanta strada abbiamo fatto insieme! stiamo invecchiando!!”.

Io ti ho richiamato un po’ seccata dicendo “parla per te!!! Io sono una ragazzina” E lui “Bovi hai solo tre mesi meno di me!”. Lo dicevi ridendo e prendendomi in giro. Poi mi hai raccontato una delle tue barzellette che io conoscevo a memoria ma che non avevo il coraggio di dirtelo, visto che ti divertivi come un bambino e ne ridevi come fosse la prima volta…

Conoscevo tutto di te, conoscevi tutto di me.

Tu sai quanto mi mancherai, le nostre telefonate di 118 minuti, le lunghissime chiacchierate durante i nostri innumerevoli viaggi, le tue spiegazioni scientifiche sui frattali o sul big bang… le mie inutili raccomandazioni “Adolfo basta co’ ste sigarette” “Vai a dormire!”.

La musica insieme.

Pensavo che ci saresti sempre stato… questa data, il 23 aprile 2006, non era prevista nel mio calendario.

Addio ragazzo gentile,

testimone della mia vita

Canteremo ancora insieme

dispersi e poi legati

in catene di energia

tornando alle stelle

pa

36

Io canto…

[…] Io canto per dopo
il tuo profilo e la tua grazia.
La nobile maturità
della tua coscenza.
Il tuo appetito di morte
e il gusto della sua bocca.
La tristezza che ebbe
la tua coraggiosa allegria.
Passerà molto tempo
prima che nasca, se nasce,
un andaluso così illustre,
così ricco d’avventura.
Io canto la sua eleganza
con parole che gemono
e ricordo una brezza
triste fra gli olivi.

Federico García Lorca, Llanto por Ignacio Sánchez Mejías

Per lasciare un saluto, un pensiero o qualsiasi parola in libertà inserite i vostri commenti in questo post.

57

Fondazione Adolfo Broegg

Patrizia Bovi ha proposta di dar vita ad una “Fondazione Adolfo Broegg“, che permetta di condividere tutti i materiali, i libri, gli studi, gli strumenti ed altro che Adolfo ha raccolto nel corso della sua attività.

È necessario uno sforzo comune per l’organizzaizone, la catalogazione del tutto; ed un impegno delle istituzioni a supportare l’iniziativa in ogni sua forma possibile.

Chiunque voglia intervenire può iniziare aggiungendo sue riflessioni in merito.

34

Il progetto di questo sito

Su consiglio di Patrizia ho pensato di pubblicare “al volo” questo blog dopo la scomparsa di Adolfo, che mi era così profondamente caro.

Da alcuni mesi la mia agenzia sta progettando e sviluppando il nuovo sito dell’Ensemble Micrologus, aggiornato con tutte le produzioni, i programmi e la discografia; con la possibilità di ascoltare brani, vedere video dei concerti e degli spettacoli, acquistare on line i CD o scaricarsi le proprie playlist personali. Eravamo tutti entusiasti del progetto. Tutti. E per questo, se Patrizia, Gabriele e Goffredo saranno d’accordo, sarà presto online.

Il blog che state navigando nasce con la precisa intenzione di rendere partecipe chiunque sia legato al Micrologus e voglia condividere l’idea di quel mondo possibile che anche Adolfo ha cercato, ri-cercato, interpretato e comunicato.

Alessandro

14

CONCERT-LESSON:”THE MUSIC AND THE INSTRUMENTS OF THE MIDDLE AGES”

“THE MUSIC AND THE INSTRUMENTS OF THE MIDDLE AGES”

CONCERT-LESSON OF MEDIEVAL MUSIC with PROJECTION OF IMAGES for Schools and Tourist Groups

A concert of medieval music, with a thorough explanation of the musical instruments, faithful reconstructions of those of the period.

And a presentation of the PERMANENT EXHIBITION of LUTES & STRING INSTRUMENTS FROM THE MIDDLE AGES TO OUR DAYS(collection Broegg). There are 20 different plucked string instruments (lutes, guinterne, guitars, bouzouki), reconstructed from different makers.

6

It will be possible to have, on request, a lecture-concert on thematic medieval Italian music (vocal and instrumental musical forms, style, from the thirteenth to the fifteenth century) as an alternative to a general European music.

7

Also, coming from our LIBRARY, we will bring the facsimile color of most beautiful and important musical manuscripts Italians, for an explanation of the art of writing: the Squarcialupi Code.

4

Concurrently with the music, you will be the PROJECTION of IMAGES, taken from paintings, frescoes and miniatures, especially from the Italian territory (if you choose this theme), where there are accurate depiction of scenes with music and musical instruments.

8

The instruments used are: portative organ, viola, rebec, lute, gittern, straight trumpets, tambourine, cymbals, pipe and tabor, medieval recorder, flute, double flute, shawn, bagpipe.

3

BELLS

9

BUCCINE (TRUMPETS)

1

PORTATIVE ORGAN


The duration of the lesson-concert is about an hour and a half.

0
  • 0.000000lag
  • 0.000000lag

The Centro Studi Europeo di Musica Medievale "Adolfo Broegg" organizes courses, seminars, masterclasses, meetings on Medieval Music and Renaissance, with the purpose of create connection in the field of educational activities, research and performances between Umbria, Italian and foreign Universities, and International Studies Centres of Ancient Music.

Centro Studi Europeo di Musica Medievale "Adolfo Broegg"
Via Fonte del Mastro II
06038 Spello, Perugia, Italy

+39 348 87 22 314
info@centrostudiadolfobroegg.it

ProSpello